Intervista a Maya Sansa in tv con Tutto può succedere

L'attrice è una delle protagoniste della sitcom in onda su Rai1. Qui ci racconta il suo personaggio, ma anche se stessa

Più Popolare

Dopo i successi al cinema, Maya Sansa, 40 anni,  sta lasciando il segno anche sul piccolo schermo: era Irene, la "paziente del lunedì" del dottor Mari, lo psicologo interpretato da Sergio Castellitto nella serie drammatica In treatment, ed è Sara in Tutto può succedere, remake italiano della dramedy (mix di dramma e commedia) Parenthood, con la regia di Lucio Pellegrini.  In quel di Fiumicino, Ettore e Emma Ferraro (interpretata da Licia Maglietta) seguono la vita complicata e turbolenta dei quattro figli, due femmine e due maschi,  con rispettive mogli e figli. La vita non è mai quello che si pensava che fosse, ma l'importante è riderci sopra. E ogni puntata (in onda la domenica in prima serata su Rai1) è quella buona per vedere se quelle storie sono capitate anche a noi.   

Maya Sansa e Licia Maglietta in una scena di Tutto può succedere
Advertisement - Continue Reading Below

Chi è Sara? 

La secondogenita della famiglia Ferraro, che torna a Roma con i figli adolescenti dopo essere stata lasciata dal marito. È scombussolata, era partita giovane da casa piena di idee e di amore e poi il suo matrimonio è andato a rotoli, il lavoro anche, e si ritrova ospite dei genitori. Sara è divertente perché crea parecchia confusione intorno a sé, ha tanta gioia di vivere, cerca di reinventarsi, si innamora, a volte fa la mamma perfetta, a volte la mamma amica. 

Più Popolare

Le assomiglia? 

Mi è molto familiare, perché mamma mi ha avuta a vent'anni e mi ha cresciuta da sola, quindi quella complicità e confusione dei ruoli le ho vissute appieno. E ho una sorella che ha vent'anni meno di me, con cui mi sono spesso anch'io comportata da mamma. 

Adesso mamma lo è davvero. 

Sì, di Talitha, 2 anni e quattro mesi. L'ho avuta tardi, non potrò essere una mamma-sorella, ma sarò comunque molto complice. Spero però di dare a mia figlia un po' più di sicurezza. 

Anche lei, come Sara, è andata a vivere lontano dalla famiglia da giovanissima. 

Ho lasciato la casa materna a 18 anni per studiare recitazione in Inghilterra, ma non avrei mai partita per seguire un ragazzo, come fa Sara. Ero innamorata, sì, ma del sogno di diventare attrice. 

Oggi vive a Parigi: com'è il clima dopo gli attentati? 

Finalmente si ricomincia a vivere come prima, anche se un fondo di tristezza e preoccupazione resta. Siamo tutti destabilizzati, ma c'è stata una presa di coscienza da parte delle persone più consapevoli e mature. Ci sono anche la rabbia e l'odio dell'estrema destra che ha rischiato di essere molto presente, poi per fortuna non ce l'ha fatta. 

Quando è in Francia si sente italiana? 

Molto, è in Italia che mi sento straniera. Del resto fa parte del mio dna: mamma è torinese, nonna istriana, la bisnonna era austroungarica di origini cecoslovacche, mio padre iraniano, e io sono cresciuta a Roma. Anche il mio compagno (Fabrice Scott, attore, autore e regista, ndr) è metà irlandese e metà francese, nato in Canada, e ha tre passaporti. Nostra figlia è destinata a diventare cittadina del mondo. 

Tornerà presto al cinema? 

Ho appena finito di girare La verità sta in cielo di Roberto Faenza, incentrato sul caso Emanuela Orlandi. Io sono la giornalista che cerca di rimettere insieme tutti i tasselli della vicenda. 

Come vede oggi il cinema italiano? 

In forma: siamo pieni di talenti e i nostri registi ottengono grandi riconoscimenti all'estero. Come al solito però, anche per i talenti migliori, mancano sempre i finanziamenti. 

More from Gioia!:
sanremo 2017 gossip
TV
CONDIVIDI
Cosa succede a Sanremo fra una canzone e l'altra
Momento gossip con le indiscrezioni sugli amori (anche presunti) dei cantanti in gara e dei partecipanti, ma non solo
serie-tv-legion
TV
CONDIVIDI
Serie tv: i titoli da non perdere a febbraio
Non prendete impegni: questo mese vi aspetta un'invasione di zombie, vampiri, mutanti e anche quarantenni in crisi
TV
CONDIVIDI
Pollici su e giù della quarta serata di Sanremo
Chi sale e chi scende al Festival, e chi ne è stato sbattuto fuori, a una manciata di ore dalla finale della 67esima edizione
TV
CONDIVIDI
Pollici su e giù della terza serata di Sanremo
Serata cover del Festival, tra paragoni impossibili, vedi alla voce Anna Oxa, e sfide andate a segno, come quella di Ermal Meta
robbie williams a sanremo 2017
TV
CONDIVIDI
Pollici su e giù alla seconda serata di Sanremo
Robbie Williams sempre il migliore, Michele Bravi emoziona e Bianca Atzei sbaglia la canzone: i nostri voti
TV
CONDIVIDI
Tutti i giovani da tenere d'occhio a Sanremo
Tra Big e Nuove Proposte, ex talent e cantautori, ecco le nuove (interessanti) facce della musica italiana.
TV
CONDIVIDI
Pollici su e già alla prima serata di Sanremo
Maria De Filippi, o meglio Queen Mary, parte alla grande, Carlo Conti fa Carlo Conti, Tiziano Ferro stende tutti
sanremo-2017-raoul bova rocio morales
TV
CONDIVIDI
Sanremo 2017, i tre momenti da lacrime agli occhi
Sanremo parte con il botto e con tre momenti che già nella prima serata ci hanno fatto commuovere
Winona Ryder in una scena di Stranger things
TV
CONDIVIDI
Ecco perché Vessicchio non era a Sanremo
Il maestro è prigioniero del Sottosopra, un posto che i fans della serie tv di Netflix conoscono bene: #FreeVessicchio
TV
CONDIVIDI
Espulsioni, sfide ed eliminati dell'Isola
Andrea Marcaccini squalificato e Dayane Mello fuori: ma cosa altro è successo nella seconda puntata?