Sbratz: la prima web serie che racconta di donne alfa in un mondo di showgirl

Cinicamente femminile, un po' scurrile ma soprattutto vera: in rete spopola la web series Sbratz, diretta da Luca Vecchi dei The Pills

Più Popolare

Non aspettatevi lunghi primi piani contriti, colate di glitter, occhi dolci o eroine che sperano nel E tutti vissero felici e contenti. Le donne di Sbratz sono ciniche, scurrili, imperfette, sleali, un tantino esaurite, nonché immancabilmente invischiate in storie dai toni surreali. Morale: è impossibile non rimanere loro indifferenti. Non a caso la web series, realizzata da Serena Tateo e Tommaso Triolo, autori dei gettonatissimi The Jackal, e diretta dal regista Luca Vecchi dei The Pills, sta monopolizzato l'attenzione della rete ponendosi come la prima sketch comedy italiana che prova a far ridere schierando protagoniste femminili volgari e scorrette. Più precisamente, sdoganando il modello della donna alfa. Ovviamente, anche questa è una provocazione, come spiega il regista Luca Vecchi che, sulle donne, ammette di avere capito una sola cosa: la comicità è sexy.

Advertisement - Continue Reading Below

Partiamo dal titolo: perché Sbratz?

Abbiamo giocato con la parola Bratz, storpiando il nome della popolare linea di bambole dagli occhi dolci, in voga negli anni '90. È come dire Sbarbie.

La serie parla di gelosia, cerette, orgasmi simulati. Qual è, tra tutti, il più grande tabù femminile infranto da Sbratz?

Oramai è dura parlare di tabù: viviamo nell'era del politicamente scorretto, dove non esistono più argomenti off-limits. Semmai, la differenza sta nel come ne parli e nel come tiri le fila in chiusura.

Più Popolare

I vostri finali, per l'appunto, sono parecchio scioccanti e sopra le righe: vediamo un edificio fatto esplodere, un amante suicida...

La nostra non è una violenza splatter: non si vede il sangue né corpi accartocciati nelle lamiere di una macchina. Diamo semplicemente corpo alle fantasie, o meglio alle pippe mentali, delle protagoniste, facendole sfogare nella realtà.

Probabilmente, se la serie fosse andata in tv, sareste già stati accusati di sessismo. Fino a che punto si può giocare con i paradossi?

In Usa questo tipo di comicità al femminile esiste da anni: penso a Jenny McCarthy e Amy Schumer. In Italia siamo forse i primi a cavalcare il genere perché, da noi, la showgirl resta tendenzialmente showgirl. Eppure penso che il sapersi prendere in giro sia una conquista, in termini di immagine femminile: non bisogna sempre apparire composte e perfettine. La comicità umanizza, rende più vere, tridimensionali. Anzi, le dirò di più: per me la comicità è sexy.

Dopo questa esperienza, cosa ha capito delle donne?

In realtà sto ancora studiando. Un giorno spero di poter venire a capo di questo mistero, ma so che molti uomini sono morti prima di riuscirci...

Come ha individuato le tre - azzeccatissime - interpreti, ossia Nina Torresi, Guia Scognamiglio e Serena Tateo?

Sentivo che Nina Torresi, con la quale avevo lavorato poco tempo prima in un corto, aveva in sé sopite proprietà comiche. Guia è un'attrice emergente della scena romana. Con Serena, che firma anche la sceneggiatura, abbiamo invece da sempre un rapporto speciale.

La regia di Sbratz è sua, mentre la sceneggiatura è di due autori dei The Jackal. Ma non c'era una cordiale antipatia tra i The Jackal e i The Pills?

Macchè! Siamo competitor ma abbiamo due modus operandi molto diversi. Inoltre entrambi veniamo da un posto (il web) dove c'è ben poco da spartirsi. Le faide le lasciamo a Fedez e Marracash

Come collettivo, i The Pills sono fermi da un po': vi siete presi una pausa di riflessione?

Stiamo scrivendo. Vorremmo dare vita a un The Pills 2.0, dal formato più articolato, magari con puntate da 20'.

Come avete reagito al tiepido successo del vostro film?

La pellicola è stata un esperimento e sapevamo che non sarebbe stato facile portare al cinema persone abituate a stare comodamente sul divano, davanti al pc, magari a rilassarsi con una cannetta o due. Anche altre operazioni di questo tipo non hanno avuto grandi riscontri. Quello che abbiamo provato a fare è qualcosa paragonabile a un esodo: ci vorrebbe un profeta come Mosè per riuscirci in tali imprese (ride, ndr)

Dopo Sbratz, quali sono i suoi prossimi progetti da regista?

Sto cercando di spaziare tra i generi e i linguaggi. Ho prodotto e diretto un cortometraggio che parla di abusi di minori. Non si tratta di una storia comica e il cast è formato da attori veri, tra cui Edoardo Pesce. Da poco si è inoltre chiuso il crowdfunding per Hooked: una black comedy sulla tossicodipendenza. È stata lanciata insieme a un tutorial comico sul clubbing. Il protagonista è un paramedico che, odiando i ragazzi e non avendo voglia di lavorare, spiega ai giovani quali accortezze avere se non possono proprio fare a meno di drogarsi. Se sopravvivono alle droghe, infatti, lui non deve lavorare.

Luca Vecchi, regista di Sbratz e dei The Pills
More from Gioia!:
TV
CONDIVIDI
X Factor 11 e le pagelle della quinta puntata live, ovvero quella degli inediti
La serata degli inediti si conclude con l'addio a Gabriele Esposito, mentre la squadra degli Over capitanata da Mara Maionchi è l'unica...
Come accogliere ospiti
TV
CONDIVIDI
Accogliere gli ospiti è un'arte: 5 consigli di un super esperto
L'interior designer Andrea Castrignano ci dà delle dritte per organizzare la tavola (e puoi seguirlo anche in tv)
TV
CONDIVIDI
X Factor 11 che puntata signori! Le pagelle del quarto live
Addio a Camille, la bravissima concorrente di Levante che copriva la quota "badass" del programma, mentre avanti tutta per Mara Maionchi,...
TV
CONDIVIDI
Forse forse si sa chi condurrà Sanremo insieme a Baglioni (indizio: non è un uomo)
Rullo di tamburi. Sul palco dell'Ariston potrebbe salire una donna a co-condurre il Festival e trasformarlo così nel più amato di sempre
TV
CONDIVIDI
Questa folle, folle tv: 6 programmi che ti lasceranno di stucco
Divorzi express, cantanti stonati, daiting show sulla bisessualità: ecco cosa ci attende, prossimamente, in tv
TV
CONDIVIDI
X Factor 11: i top e flop del terzo LIVE
Addio ai nostri pupilli Sem&Stenn, che, s'era detto dall'inizio, avrebbero faticato, e non poco a farsi "capire" dal pubblico italiano che,...
programmi-tv-novembre-2017-morandi-rovazzi
TV
CONDIVIDI
Programmi tv: novembre è il mese dei grandi ritorni. Pronti?
Dal ritorno di Massimo Giletti (ma su La7!) all'inedito Pink different, ecco i nuovi programmi al via a novembre 2017
serie-tv-novembre-2017-rosy-abate
TV
CONDIVIDI
Novembre, divano copertina e serie tv
Non solo Usa: questo mese la grande protagonista è (anche) la fiction italiana con Gomorra 3, The Comedians, Rosy Abate e Scomparsa
TV
CONDIVIDI
X Factor 11: i top e flop del secondo LIVE
Le under donna e la loro giudice Levante super bersagliate perdono Virginia, mentre le squadre dei gruppi e degli over rimangono intatte...
maria-pia-calzone-sirene
TV
CONDIVIDI
Maria Pia Calzone: "La mia famiglia è la mia forza"
Il successo arrivato a 50 anni. Quel cellulare che squilla sempre quando non dovrebbe. La scommessa di Sirene: Maria Pia Calzone si...