Sbratz: la prima web serie che racconta di donne alfa in un mondo di showgirl

Cinicamente femminile, un po' scurrile ma soprattutto vera: in rete spopola la web series Sbratz, diretta da Luca Vecchi dei The Pills

Più Popolare

Non aspettatevi lunghi primi piani contriti, colate di glitter, occhi dolci o eroine che sperano nel E tutti vissero felici e contenti. Le donne di Sbratz sono ciniche, scurrili, imperfette, sleali, un tantino esaurite, nonché immancabilmente invischiate in storie dai toni surreali. Morale: è impossibile non rimanere loro indifferenti. Non a caso la web series, realizzata da Serena Tateo e Tommaso Triolo, autori dei gettonatissimi The Jackal, e diretta dal regista Luca Vecchi dei The Pills, sta monopolizzato l'attenzione della rete ponendosi come la prima sketch comedy italiana che prova a far ridere schierando protagoniste femminili volgari e scorrette. Più precisamente, sdoganando il modello della donna alfa. Ovviamente, anche questa è una provocazione, come spiega il regista Luca Vecchi che, sulle donne, ammette di avere capito una sola cosa: la comicità è sexy.

Advertisement - Continue Reading Below

Partiamo dal titolo: perché Sbratz?

Abbiamo giocato con la parola Bratz, storpiando il nome della popolare linea di bambole dagli occhi dolci, in voga negli anni '90. È come dire Sbarbie.

La serie parla di gelosia, cerette, orgasmi simulati. Qual è, tra tutti, il più grande tabù femminile infranto da Sbratz?

Oramai è dura parlare di tabù: viviamo nell'era del politicamente scorretto, dove non esistono più argomenti off-limits. Semmai, la differenza sta nel come ne parli e nel come tiri le fila in chiusura.

Più Popolare

I vostri finali, per l'appunto, sono parecchio scioccanti e sopra le righe: vediamo un edificio fatto esplodere, un amante suicida...

La nostra non è una violenza splatter: non si vede il sangue né corpi accartocciati nelle lamiere di una macchina. Diamo semplicemente corpo alle fantasie, o meglio alle pippe mentali, delle protagoniste, facendole sfogare nella realtà.

Probabilmente, se la serie fosse andata in tv, sareste già stati accusati di sessismo. Fino a che punto si può giocare con i paradossi?

In Usa questo tipo di comicità al femminile esiste da anni: penso a Jenny McCarthy e Amy Schumer. In Italia siamo forse i primi a cavalcare il genere perché, da noi, la showgirl resta tendenzialmente showgirl. Eppure penso che il sapersi prendere in giro sia una conquista, in termini di immagine femminile: non bisogna sempre apparire composte e perfettine. La comicità umanizza, rende più vere, tridimensionali. Anzi, le dirò di più: per me la comicità è sexy.

Dopo questa esperienza, cosa ha capito delle donne?

In realtà sto ancora studiando. Un giorno spero di poter venire a capo di questo mistero, ma so che molti uomini sono morti prima di riuscirci...

Come ha individuato le tre - azzeccatissime - interpreti, ossia Nina Torresi, Guia Scognamiglio e Serena Tateo?

Sentivo che Nina Torresi, con la quale avevo lavorato poco tempo prima in un corto, aveva in sé sopite proprietà comiche. Guia è un'attrice emergente della scena romana. Con Serena, che firma anche la sceneggiatura, abbiamo invece da sempre un rapporto speciale.

La regia di Sbratz è sua, mentre la sceneggiatura è di due autori dei The Jackal. Ma non c'era una cordiale antipatia tra i The Jackal e i The Pills?

Macchè! Siamo competitor ma abbiamo due modus operandi molto diversi. Inoltre entrambi veniamo da un posto (il web) dove c'è ben poco da spartirsi. Le faide le lasciamo a Fedez e Marracash

Come collettivo, i The Pills sono fermi da un po': vi siete presi una pausa di riflessione?

Stiamo scrivendo. Vorremmo dare vita a un The Pills 2.0, dal formato più articolato, magari con puntate da 20'.

Come avete reagito al tiepido successo del vostro film?

La pellicola è stata un esperimento e sapevamo che non sarebbe stato facile portare al cinema persone abituate a stare comodamente sul divano, davanti al pc, magari a rilassarsi con una cannetta o due. Anche altre operazioni di questo tipo non hanno avuto grandi riscontri. Quello che abbiamo provato a fare è qualcosa paragonabile a un esodo: ci vorrebbe un profeta come Mosè per riuscirci in tali imprese (ride, ndr)

Dopo Sbratz, quali sono i suoi prossimi progetti da regista?

Sto cercando di spaziare tra i generi e i linguaggi. Ho prodotto e diretto un cortometraggio che parla di abusi di minori. Non si tratta di una storia comica e il cast è formato da attori veri, tra cui Edoardo Pesce. Da poco si è inoltre chiuso il crowdfunding per Hooked: una black comedy sulla tossicodipendenza. È stata lanciata insieme a un tutorial comico sul clubbing. Il protagonista è un paramedico che, odiando i ragazzi e non avendo voglia di lavorare, spiega ai giovani quali accortezze avere se non possono proprio fare a meno di drogarsi. Se sopravvivono alle droghe, infatti, lui non deve lavorare.

Luca Vecchi, regista di Sbratz e dei The Pills
More from Gioia!:
Jennifer Lopez
TV
CONDIVIDI
Jennifer Lopez: «Ritorno al mio primo amore»
Fare la ballerina è la prima ambizione che ha avuto: per questo la popstar del Bronx ha dedicato alla danza un talent show
serie-tv-set-cineturismo-il-trono-di-spade
TV
CONDIVIDI
Il nuovo trend dell'estate? Le vacanze sul set
Altro che spiagge e mare, la tendenza del momento si chiama cineturismo e consiste nel visitare le location delle serie tv: tutte le più...
Jon Hamm, intervista sul successo di Mad Men
TV
CONDIVIDI
Jon Hamm: «Così sono sopravvissuto al successo di Mad Men»
È diventato famoso a 36 anni ma senza presunzione, grazie al mestiere che faceva prima di diventare attore
alessandro-borghese-kitche-sound-ice-cream
TV
CONDIVIDI
Alessandro Borghese: «Chef bravi in tv? Pochi»
Perché la cucina è soprattutto amore (oltre che esibizionismo) e il piatto più buono al mondo è la pasta burro e parmigiano, seguita dal...
Mayim Bialik, la Amy in The big bang theory, deve dirci una cosa importante in uno spot
TV
CONDIVIDI
La Amy di The big bang theory deve dirci una cosa importante
Non uno spoiler sul matrimonio con Sheldon, però! L'attrice ci parla dello spot con risvolti ecologisti che la vede testimonial
Sophie Turner Il trono di spade 7: intervista alla principessa senza pace Sansa
TV
CONDIVIDI
Sophie Turner: «Vorrei morire fra le braccia dell'uomo che amo»
Non nella vita, ma sul set della serie tv Il trono di spade, dove interpreta la principessa (senza pace) Sansa: la rivediamo ora nella...
Naomi Watts in Gipsy
TV
CONDIVIDI
Gypsy, ovvero non sottovalutate le over 40
La serie tv di Netflix, interpretata e prodotta da Naomi Watts, racconta la crisi di una quasi cinquantenne nell'era dei social network
TV
CONDIVIDI
Il trono di spade 7: tutto quello che sappiamo finora
Battaglie e ancora battaglie, con due regine che vogliono il potere: anticipazioni e curiosità sulla nuova stagione della serie tv
Temptation island anticipazioni perchè vederlo
TV
CONDIVIDI
Perché guardare Temptation Island ti farà sentire una persona migliore
Anche se hai sempre pensato che sia il programma più trash della televisione dovresti dargli una possibilità, l'unico rischio è che diventi...
programmi-tv-luglio-2017-adesso-si-protagoniste
TV
CONDIVIDI
Tv: 11 programmi da non perdere a luglio
La rete più sperimentale è (a sorpresa) Rai Due, ma non mancano speciali musicali, un po' di effetto amarcord e persino i nostri amici a...