Mara Maionchi è l'aspirante chef più forte di tutti, perché ammette di non capirci un tubo

Celebrity Masterchef è iniziato e la Mara nazionale ha già vinto in simpatia: qui racconta oer filo e per segno la sua prima volta nei panni della concorrente, dopo avere fatto parte di tante giurie, da X Factor ad Amici

Più Popolare

Tra i tanti giudici che i talent show hanno lanciato in tv, Mara Maionchi è indubbiamente la più amata. Non a caso, la nostra è richiestissima: dopo X Factor, è stata arruolata da Maria De Filippi che l'ha voluta, come insegnante, nella scuola di Amici. Dopodiché è passata al baby talent Io canto per poi traslocare, da quest'anno, sul canale in chiaro Tv 8 come opinionista nel nuovo salotto rosa The Real, condotto da Daniela Collu, Filippa Lagerbäck, Marisa Passera, Ambra Romani e Barbara Tabita. Già che c'era è ritornata anche a occuparsi di X Factor, affiancando Elio nell'azzeccato Xtra Factor. Il tutto corredato da sporadiche ospitate in Rai, che si sono concluse con la tappa a Sanremo: la Maionchi è stata arruolata dal brand Ceres per commentare sul web la kermesse ligure.

Advertisement - Continue Reading Below

Ora però la nostra ha deciso di passare dall'altra parte della barricata: non più giudice o opinionista, ma concorrente a tutti gli effetti. Così possiamo vederla destreggiarsi tra pentole e fornelli a Celebrity Masterchef, ogni giovedì sera alle 21.15 su Sky Uno. Per quel che ci riguarda ha già vinto: in simpatia!

Come ci si sente a essere giudicata?

Non mi è affatto dispiaciuto essere valutata dai giudici di Masterchef perché se prima, da giudice, mi occupavo di un argomento dove, dopo 40 anni, credo di saperne qualcosa, qui invece sono valutata su una materia dove non sono esperta. Fare lo chef è infatti un mestiere molto preciso. Ecco, se c'è una cosa che ho appreso a Celebrity Masterchef è che io non c'entro un tubo con gli chef (ride)! Certo, qualcosina ho imparato ma resta il fatto che so fare da mangiare come una casalinga: mi manca la mentalità dello chef.

Più Popolare

Qual è la differenza?

È la stessa differenza che intercorre tra una persona che canta bene e un artista: moltissimi hanno una bella voce, ma pochi sono artisti. Lo stesso vale per la cucina: lo chef è un artista perché inventa i piatti, imprimendo a questi la propria personalità. Io invece sono solo una casalinga che sa cucinare bene: rifaccio i piatti che mi hanno insegnato o le ricette che leggo. Sono una esecutrice.

Come è nata l'idea di partecipare a Masterchef?

Mi hanno proposto di unirmi al cast e ho accettato volentieri perché il programma mi piace: è fatto molto bene, è ben montato, i giudici sono simpatici. Inoltre ho accettato perché pensavo di saper cucinare bene. Cosa che, in effetti, è così. Partecipando a Masterchef mi sono però accorta che non basta essere brava ai fornelli. Devo dire che mi ha fatto molto piacere capire una cosa nuova a 75 anni.

È d'accordo sulla vittoria di Valerio Braschi a Masterchef Italia?

È indubbiamente il più chef dei tre. Le altre due concorrenti erano brave a cucinare, ma come tante gente. Lui invece ha una mentalità della ricerca che lo rende creativo e, dunque, chef.

I giudici di Masterchef sono noti per la loro severità: con voi sono stati più comprensivi?

No, ed è giusto così: devono essere severi se vogliono insegnare il mestiere. Io, una volta che ho capito la differenza tra cucinare bene e fare lo chef, mi sono messa a disposizione e ho apprezzato i loro giudizi.

C'è un piatto che, dopo Masterchef, preparerà anche a casa per stupire tutti gli ospiti?

Non amo stupire: contrariamente a quanto si potrebbe pensare, mi attengo abbastanza alle regole, a meno che non mi trovi davanti a un'ingiustizia tale da farmi uscire dai gangheri. In ogni caso ci sono sicuramente alcuni accorgimenti culinari che ricorderò.

Lei è stata opinionista all'ultimo Sanremo: cosa le è piaciuto del festival?

Sicuramente Francesco Gabbani: ho trovato bello sia il testo della canzone sia il suo modo inusuale (ma al contempo rispettoso) di presentarsi al festival. Mi ha convinto anche Michele Bravi, che era uscito da X factor alcuni anni fa: mi è piaciuto lui, la canzone e il suo modo di aspettare. Dopo la vittoria a X factor è stato infatti fermo due anni per trovare una canzone adatta a lui. Mi è piaciuta infine la cover di Amara terra mia eseguita da Ermal Meta: ha proposto una versione totalmente diversa da Cutugno, dando al pezzo un'altra immagine. Tutto il resto invece mi è sembrato più nella tradizione…

Un modo carino per dire che ha trovato il festival noioso?

Più che altro mancava il fatto artistico. Io cerco sempre l'arte nelle canzoni. Per esempio, la frase Mi sono innamorato di te perché non avevo niente da fare è formidabile, potentemente artistica… Inoltre, se dovessi fare una proposta per il prossimo Sanremo, suggerirei di eliminare la distinzione tra Big e Giovani, per mettere al centro i brani: in fondo, se è il festival della canzone italiana, l'interprete dovrebbe essere relativo. Lo dimostra anche il passato: Nada arrivò a Sanremo con Ma che freddo fa quando ancora non era nessuno. Eppure fece un gran successo.

Lei dice di apprezzare la scelta di Michele Bravi che si è fermato un paio di anni. Ma oggi quanto ci si può concedere di fermarsi?

Amo ripetere che il lavoro duro batte il talento, se il talento non lavora duro. Per questo è importante prendersi delle pause. Una volta si stava fermi per molti anni. Per esempio, Tiziano Ferro (che abbiamo rivisto con piacere a Sanremo, ndr) ha aspettato tre anni: andava avanti e indietro da Milano portando canzoni che non andavano bene e si sentiva dire di no due volte alla settimana. Anche per questo, sa cosa mi piacerebbe fare ancora nella vita?

Dica.

Trovare un artista fuori dagli schemi: il così detto freak. Se, come spero, rifarò Xtra Factor mi piacerebbe fare proprio questo: trovare una canzone fuori dalla tradizione pop.

More from Gioia!:
TV
CONDIVIDI
Guido Caprino, l'attore mago del trasformismo
Interpreta di nuovo il leghista Bosco nella serie 1993, ma in ognuno dei suoi personaggi c'è una parte di sé (ben camuffata)
TV
CONDIVIDI
I protagonisti di Twin Peaks ieri e oggi
Nel 1990 ha stregato migliaia di telespettatori, ora la serie tv cult torna con la terza attesa stagione, ma come è cambiato il cast?
TV
CONDIVIDI
3 motivi per cui Fargo 3 è da non perdere
Scommettiamo che vi ipnotizzerà? Anche perché nel cast c'è Ewan McGregor, dall'8 maggio su Sky Atlantic
TV
CONDIVIDI
Kim Rossi Stewart: «Quando ti sale l'ansia»
Dopo 13 anni torna in tv nei panni di un commissario che lotta contro la mafia, ma lui ha un piano B per il futuro
the-influencer-docu
TV
CONDIVIDI
Come si diventa influencer? Lo spiega la tv
Il 6 maggio va in onda su Real Time The Influencer, la prima docu che spiega come diventare provetti influencer
serie-tv-maggio-twin-peaks
TV
CONDIVIDI
Tutte le serie tv da non perdere a maggio
Il titolo più atteso? Indubbiamente Twin Peaks, ma c'è anche un certo Kim Rossi Stuart
TV
CONDIVIDI
Justin Theroux: «Jennifer ti amo»
C'è chi scommette sulla sua separazione da Jennifer Aniston ma lui la porta a Parigi e svela qui il loro segreto di coppia
TV
CONDIVIDI
Gianni Boncompagni, tutto fuorché un complessato
Mandava in frantumi le nostre moraline precotte e c'era più gioco intellettuale nel suo niente che in cento programmi di libri
TV
CONDIVIDI
Ritorna Gossip girl? Blake Lively non nega!
Dopo 6 stagioni la serie tv cult potrebbe tornare per un reboot e la sua protagonista commenta così l'ipotesi
TV
CONDIVIDI
Valeria Bilello: «Mica male fare la sexy»
È l'unica italiana nella seconda stagione della serie più gender fluid della tv, Sense8 di Netflix, che l'ha costretta ad essere sensuale