Roberto Bolle danza in tv in una serata evento su Rai Uno

Il celebre ballerino va in scena su Rai Uno sabato 8 ottobre 2016 in un programma che unisce spettacolo e danza: ce ne parla in questa intervista

Più Popolare

Silenzio in sala… e anche in salotto: l'8 ottobre 2016 Roberto Bolle va in scena in prima serata su RaiUno. L'ammiraglia pubblica ha voluto omaggiare il celebre ballerino con la serata evento La mia danza libera. Uno show che si annuncia tutt'altro che tradizionale o soporifero… 

Advertisement - Continue Reading Below

Il balletto in tv: un bell'azzardo…

Quando mi hanno proposto lo show, avevo due scelte: realizzare una serata classica e istituzionale oppure aprirla a nuove sinergie, mostrando come il balletto classico al suo più alto livello potesse mischiarsi e giocare con tutte le arti, divertendo ed emozionando. Va da sé che ho scelto la seconda opzione invitando amici della danza – artisti di primissimo livello internazionale – e amici della musica, del teatro, della tv. Alla conduzione ho fortemente voluto la splendida Luisa Ranieri, che è anche una mia cara amica.

Più Popolare

In questo gioco di contaminazione di generi, ci sarà anche spazio per l'ironia?

Francesco Pannofino mi tratterà male, ma ci divertiremo: la sua ironia e cattiveria mi hanno conquistato! E poi ci saranno Virginia Raffaele, con la quale sognavo di fare qualcosa dal nostro incontro a Sanremo, Paola Cortellesi, Elio e molti altri ospiti. Quanto agli amici della danza, posso anticipare che avremo in studio artisti del calibro di Asaf Avidan e il mito della danza americana Misty Copeland, mia meravigliosa partner in un grande classico che sono sicuro emozionerà il pubblico.

Ma il balletto non era un mondo d'élite, refrattario alle contaminazioni?

Combatto contro questo pregiudizio da sempre. Purtroppo si vuole il balletto come un'arte elitaria, richiusa nei teatri, disponibile solo per quei pochi in grado di apprezzarla. Invece la danza può emozionare e incantare tutti: basta saper coinvolgere il pubblico. Per questo sono sempre aperto a nuove sfide e ho portato la grande danza ovunque: nelle piazze, in tv, al cinema. Ogni volta l'obiettivo è il medesimo: portare nuova linfa alla danza, che può ammaliare tutti. 

Quanto i talent show hanno realmente contribuito a diffondere la conoscenza e la bellezza del balletto? 

Non sono mai stato contrario ai talent, anzi! Tutto quello che può far scaturire una passione è utile e prezioso alla causa. Certo, poi bisogna sapere che il percorso del ballerino professionista non si esaurisce nello spazio di una trasmissione: si costruisce con la fatica e lo sforzo quotidiano, con la fatica e i sacrifici.

Proviamo a sfatare anche un altro luogo comune: la danza è sinonimo di una vita ritirata, all'insegna del sacrificio?

Danzare implica tanti sacrifici e rinunce ma quello che ho ricevuto in cambio è impagabile. In questa trasmissione ho voluto proprio dimostrare tutta la gioia che un'esistenza votata all'arte può regalare. Danzare è la mia vita. Ho avuto la fortuna di capirlo da subito, fin da bambino, e da allora non ho mai mollato.

Dica la verità, non si è mai concesso nessuna trasgressione?

Non molte, a dire il vero. Le mie trasgressioni sono verso gli affetti, la famiglia, gli amici: solo loro riescono a strapparmi dalla danza. Però ho un debolezza: il cioccolato, fondente.

E come vive l'inevitabile scorrere del tempo? Pare che la vecchiaia sia una delle maggiori preoccupazioni dei danzatori, anche per i giovani come lei.

Per il momento non mi dà problemi. Con il nostro corpo abbiamo un rapporto molto intimo e di conoscenza. Impariamo a riconoscerne limiti e debolezze sin da bambini, per superarli il più possibile e spingerci oltre. Questo è un momento bellissimo per me, di massimo controllo e sviluppo. Quando non sarà più così, vedremo.

L'anno scorso si è cimentato con la regia per Milano 2015. Nel suo futuro potrebbe esserci spazio anche per la Settima Arte?

Mi sono divertito moltissimo a fare il regista. Al momento sono troppo impegnato a danzare, ma se mi venisse prospettato un bel progetto sono pronto a sperimentare!

More from Gioia!:
TV
CONDIVIDI
Ritorna Gossip girl? Blake Lively non nega!
Dopo 6 stagioni la serie tv cult potrebbe tornare per un reboot e la sua protagonista commenta così l'ipotesi
TV
CONDIVIDI
Valeria Bilello: «Mica male fare la sexy»
È l'unica italiana nella seconda stagione della serie più gender fluid della tv, Sense8 di Netflix, che l'ha costretta ad essere sensuale
TV
CONDIVIDI
Alessandro Roja: «Peter Pan a chi?»
Protagonista nelle fiction Di padre in figlia e Tutto può succedere 2, ci racconta come l'amore e la paternità gli hanno cambiato la vita
TV
CONDIVIDI
Torna Modern family e ci stupirà di nuovo
Ecco perché la serie tv, in onda con l'ottava stagione su Fox dal 14 aprile, continua ad appassionare tutto il mondo
TV
CONDIVIDI
Come mai Matrimonio a prima vista ha successo?
Torna su SkyUno il 13 aprile 2017: tra amori riusciti e non, l'attesa per la seconda stagione è alle stelle
TV
CONDIVIDI
Una mamma per amica torna con nuovi episodi?
Siete rimaste soddisfatte del finale di Una mamma per amica? Forse ci sarà un seguito, ed ecco cosa ne pensano le Gilmore girls
Asia Kate Dillon, serie tv Billions, Emmy genderqueer
TV
CONDIVIDI
La star di Billions chiede agli Emmy un terzo genere
L'interprete genderqueer ha chiesto agli organizzatori dei premi di riconsiderare le categorie di miglior attore e miglior attrice
TV
CONDIVIDI
Ecco le foto del remake tv di Dirty dancing
I nuovi protagonisti hanno pubblicato sui social alcune immagini, così possiamo vederle in anteprima
TV
CONDIVIDI
Perché tutti parlano di 13 reasons why?
La nuova serie tv di Netflix affronta un tema non semplice: il suicidio di un'adolescente, ma poi non tutto è come sembra
quattro-matrimoni-in-italia-la-pina
TV
CONDIVIDI
Guerra all'ultimo abito da sposa con La Pina
La tatuatissima Pina torna in tv per condurre Quattro matrimoni in Italia su FoxLife e racconta in un libro l'amore per Tokyo