Chi era Gianni Boncompagni? Tutto, ma non un complessato

Mandava in frantumi le nostre moraline precotte e c'era più gioco intellettuale nel suo niente televisivo che in cento programmi di libri

Più Popolare

Quando è cominciato Non è la Rai io stavo per compiere 19 anni e mi accingevo al provino per l'Accademia d'arte drammatica. Non mi avrebbero presa (un'attrice cagna in meno: una decisione invero illuminata della commissione selezionatrice), ma insomma pensavo più a Vittorio Gassman e a Carmelo Bene che al varietà televisivo. Lo guardavo, certo – mica vivevo su Marte – ma non volevo essere Ambra. Semmai quel signore sempre in tuta e con l'aria serafica, l'autore del programma, anche se allora non sapevo bene cosa fosse un autore televisivo, tantomeno l'autore di un programma fatto di niente. Gianni Boncompagni è morto a Pasqua, e io sono sicura l'abbia fatto apposta: a Pasquetta le edicole sono chiuse, e voleva risparmiarsi tutti noialtri che saremmo corsi a precisare che ascoltava Bach, che per fare tv fatta di niente bisogna essere coltissimi, che la rava, che la fava – precauzione inutile: abbiamo scritto comunque le nostre banalità zeppe di complessi culturali, solo qualche giorno dopo.

Advertisement - Continue Reading Below

Se dovessi spiegare chi è stato Gianni Boncompagni a una giovane – così giovane da non aver mai sentito alla radio Alto Gradimento o Bandiera Gialla, da pensare che Ambra sia sempre stata un'attrice impegnata, da non aver mai contato i fagioli della Carrà o da non sapere a memoria le canzoncine di Macao («Ragazzo progressista/ Sei stato comunista/ Ma forse era una svista» è ancora il messaggio in codice che ci scambiamo, con un fidanzato del secolo scorso, quando è urgente farsi richiamare) – direi cosa non è stato Gianni Boncompagni: un complessato.

Più Popolare

Ci sono figuri televisivi che, mentre fanno il varietà per noialtri plebaglia incolta, buttano lì un «come scrive Kurt Vonnegut»: non serve a precisare meglio quel che stanno dicendo (la citazione è sempre pretestuosa); serve a dirci che, mentre noi ci abbrutiamo davanti alla tv, loro, i televisivi con uso di citazione, la sera (quando non fatturano) stanno a casa a leggere un buon libro. Boncompagni non sarebbe mai stato così volgare. Anzi. Si piccava di stupire i borghesi dicendo che lui faceva tv brutta, tanto la tv è tutta brutta, si differenzia solo in base agli ascolti; di dire che le canzoni che aveva scritto (robetta di nicchia come il Tuca Tuca) facevano schifo, ma non gliene importava niente: gli interessava solo incassare un sacco di soldi di diritti d'autore (non aveva neanche il complesso del denaro, che è quasi più raro che non avere quello della cultura); di mandare in frantumi le nostre moraline precotte dicendo che no, non aveva fidanzate della sua età, perché le sue coetanee erano quasi tutte morte. Ogni volta che vedevo l'adulto Boncompagni con le poco più che adolescenti Isabella Ferrari o Claudia Gerini, pensavo a Woody Allen in Manhattan: «Sto con una ragazza che ha i compiti». Oggi lincerebbero sia Allen sia Boncompagni, ma oggi si discute se Walter Siti abbia il diritto di scrivere un romanzo sulla pedofilia: sono tempi in cui si confonde 
il moralismo con la morale.

Poi un giorno a Macao arrivò Carmelo Bene, e disse alcune meraviglie tra cui «La divina stupidità confina con la grazia», ma di come si chiuse quel cerchio della mia giovinezza non vi parlerò, perché non vorrei mai offendere la memoria di Boncompagni svelando che c'era più gioco intellettuale nel suo niente che in cento programmi di libri.

More from Gioia!:
Le 10 serie tv americane che sbancheranno anche in Italia
TV
CONDIVIDI
Le serie tv USA che ameremo anche in Italia
Le novità seriali più interessanti annunciate per l'autunno in America e che (statene certi) arriveranno anche da noi
TV
CONDIVIDI
Le ricette a tema per guardare Twin Peaks 3
Una scusa per invitare gli amici a casa: serata noir con tanto di cena a tema
TV
CONDIVIDI
Perché Brad Pitt è tornato e ora è un uomo nuovo
Il più figo di sempre ha espiato le sue colpe: alcol, droghe, autorità genitoriale. E la guerra la fa solo per finta (in un film su Netflix)
x-factor-11-nuovi-giudici
TV
CONDIVIDI
Cosa ci aspettiamo dal nuovo X Factor
Cosa accadrà con i nuovi giudici? Ecco su chi scommettiamo, e perché, tra Mara Maionchi, Levante, Fedez e Manuel Agnelli
TV
CONDIVIDI
Guido Caprino, l'attore mago del trasformismo
Interpreta di nuovo il leghista Bosco nella serie 1993, ma in ognuno dei suoi personaggi c'è una parte di sé (ben camuffata)
TV
CONDIVIDI
I protagonisti di Twin Peaks ieri e oggi
Nel 1990 ha stregato migliaia di telespettatori, ora la serie tv cult torna con la terza attesa stagione, ma come è cambiato il cast?
TV
CONDIVIDI
3 motivi per cui Fargo 3 è da non perdere
Scommettiamo che vi ipnotizzerà? Anche perché nel cast c'è Ewan McGregor, dall'8 maggio su Sky Atlantic
TV
CONDIVIDI
Kim Rossi Stewart: «Quando ti sale l'ansia»
Dopo 13 anni torna in tv nei panni di un commissario che lotta contro la mafia, ma lui ha un piano B per il futuro
the-influencer-docu
TV
CONDIVIDI
Come si diventa influencer? Lo spiega la tv
Il 6 maggio va in onda su Real Time The Influencer, la prima docu che spiega come diventare provetti influencer
TV
CONDIVIDI
I nuovi programmi tv da vedere a maggio
Il ritorno di Chef Rubio, la comica Virginia Raffaele in prima serata e tanti altri (fra cui i marziani di Pif)