6 tipologie di famiglie che abbiamo imparato a conoscere grazie alle serie tv

Classiche, monogenitoriali, a geometria variabile: negli anni, le serie hanno raccontato sul piccolo schermo i modelli familiari, in quali vi riconoscete?

Più Popolare

Corre l'anno 1977 e la tv italiana scopre il colore: il Paese è ancora scosso dall'onda lunga delle contestazioni, della rivoluzione sessuale e femminista; aprono i primi consultori pubblici; dopo il trionfo del «no» all'abrogazione del divorzio, l'anno successivo si replicherà con l'aborto; il lavoro delle neo madri è da pochi anni tutelato dai permessi di maternità e dal divieto di licenziare in gravidanza, agevolato dall'istituzione dei primi asili nido.

Advertisement - Continue Reading Below

1. I regolari

Mamma Rai reagisce ai sussulti trasmettendo un rassicurante telefilm – allora si chiamavano così – sulle scanzonate disavventure di una tradizionalissima famiglia americana anni Cinquanta. Il titolo, più che mai eloquente, è Happy days: due figli adolescenti, alle prese con le prime esperienze, tra cotte e amicizie, digeriscono ogni turbamento e conflitto al riparo del focolare domestico, custodito da una madre casalinga e un po' svampita e un padre bonario. Comunque è un successo, con una coda di ben 11 stagioni. Appena più sovversiva a quei tempi c'è solo La famiglia Bradford: anche in quel caso, a occuparsi della numerosa famiglia (otto figli!) c'è una madre casalinga. La morte dell'attrice che l'interpreta, però, costringe gli sceneggiatori a rivedere la trama: così il protagonista Tom Bradford, columnist del Sacramento Register, si trova risposato, con una vedova per carità, ma aspirante psicologa e in qualche modo più illuminata, a tratti persino femminista: per quanto epurata, è questa la prima famiglia allargata della tv.

I Cunningham di Happy days, modello di famiglia tradizionale americana. La serie è ambientata negli anni Cinquanta, in Italia fu trasmessa nel 1977.
Più Popolare

2. I moderni

Ma bisogna aspettare i primi anni Ottanta perché gli italiani possano vedere in tv la prima madre divorziata che si barcamena tra il lavoro e la cura di due figlie adolescenti, in Giorno per giorno, serie americana che apre la strada a modelli familiari diversi, mentre il successo de Il mio amico Arnold, storia di un ricco uomo d'affari e dei suoi figli afroamericani, tocca qualche anno dopo il tema dell'adozione e altri tabù come il razzismo e la pedofilia. Nell'Italia degli anni Ottanta che ancora non conosce sbarchi di immigrati né evidenti soprassalti razzisti, I Jefferson prima e I Robinson poi sono due esempi di famiglie televisive all black moderne e progressiste, con madri emancipate e una grande apertura su problemi scottanti, dalla tossicodipendenza alle gravidanze precoci. E se negli stessi anni Casa Keaton proietta sul Bel Paese il conflitto generazionale tra due genitori fricchettoni e i figli tutti apparenza e consumismo (il primogenito è uno straordinario Michael J. Fox, reaganiano in erba), la famiglia italiana intanto sperimenta il cosiddetto riflusso nel privato e scivola in un dorato disimpegno.

Affollata Dick Van Patten in La famiglia Bradford: la serie, trasmessa in Italia nel 1978, racconta le vicende di un giornalista vedovo e risposato, padre di otto figli.

3. I petrolieri

Sono anni di vita al di sopra dei propri mezzi, e noi da qui sogniamo davanti a un modello aspirazionale ben distante dai clan dei Robinson e dei Keaton, in cui i legami parentali sopravvivono solo se cementano patrimoni; viceversa, cedono a qualsiasi nequizia. Nell'Italia che ha da poco abolito il delitto d'onore e il matrimonio riparatore, sbarcano i petrolieri Ewing e Carrington, al centro, rispettivamente, di Dallas e Dynasty. Ricchi quanto allergici agli affetti, divisi da tradimenti, giochi di potere, scandali ed efferatezze, hanno segnato lo zenit di quel clima di edonismo imperante. Certo, niente a che vedere con l'audacia spesa nell'esplorare le infinite possibilità di accoppiamenti, agnizioni e resurrezioni degli sceneggiatori di Beautiful, la più longeva delle serie, tuttora in programmazione, ma giunta a toccare i limiti strutturali della decenza.

Bill Cosby creatore e interprete de I Robinson, circondato dalla famiglia al completo. La sit-com fu trasmessa in Italia dal 1986.
Advertisement - Continue Reading Below

4. Gli spericolati

Ma gli anni passano, le figlie del baby boom diventano madri e con loro, negli anni Novanta, il saldo naturale tra nascite e morti si accosta al segno meno. I matrimoni calano, crescono separazioni e divorzi. La piaga dell'Aids impone un clima da quaresima in tv, dove le famiglie sono lo sfondo delle vicende criminali dei Soprano e dell'inquietante Twin Peaks, o delle spericolatezze sentimentali di Dawson's Creek e Beverly Hills, 90210. In Italia resta solo, nella lunga notte degli anni '90, il presidio della grande famiglia Martini di Un medico in famiglia, di cui, dopo troppe stagioni, è rimasto solo il nonno.

Il cast di This is us, serie che racconta la storia di una famiglia, i Pearson, attraverso due generazioni, ad altissimo tasso di tenerezza.

5. I disfunzionali

Il nuovo millennio, che si apre con l'attesa legge sull'affido condiviso, sdogana le famiglie "diverse" in tv: dall'esordio della formula monogenitoriale (madre single e figlia) di Una mamma per amica, ripresa l'anno scorso su Netflix, ai successi nostrani dei Cesaroni e Tutti pazzi per amore, arrivano le architetture fragili delle famiglie a geometria variabile, ricomposte dopo lutti, separazioni e divorzi. Tra le leggi sulla fecondazione assistita e sulle unioni civili, le serie tv americane sono il battistrada della battaglia per i diritti Lgbt: i paladini più popolari hanno le facce dei due papà della bambina "surrogata" di Modern family e quella del patriarca ebreo che diventa trans in Transparent.

Il cast di Modern family, serie in onda su Fox: al centro, un grande clan tra famiglie divorziate e ricomposte, unioni omosessuali e figli di madri surrogate.

6. I dissacranti

E se, aboliti paletti e tabù in tv, la deriva delle famiglie difunzionali sfocia nella miseria delle vite allo sbando di Shameless e nella irriverenza satirica di due serie geniali come I Simpson e I Griffin, la vera trasgressione oggi ha imboccato una strada revisionista. Ci mostra (The affair) che fuori dal solco sicuro della famiglia anche gli amori più travolgenti hanno vita difficile e ricadute nefaste sui figli. Oppure abbraccia il buonismo di This is us (nella foto d'apertura), serie tutta di pancia in cui i legami familiari sono linfa e ispirazione che attraversa le generazioni senza perdere di intensità. Con grande spargimento di lacrime, da questa parte dello schermo, e pure dall'altra.

More from Gioia!:
TV
CONDIVIDI
X Factor 11, i finalisti e le pagelle della semifinale (a dir poco sottotono)
Finale tutta al maschile, dunque, quella di X Factor 11, che con l'eliminazione dei Ros ha visto la quota rosa, o meglio fucsia, spazzata...
programmi-tv-dicembre-chef-rubio-posato
TV
CONDIVIDI
Cosa c'è da vedere in tv nel mese di dicembre? Da Chef Rubio a Benedetta Parodi
Dallo speciale con Chef Rubio a Sarà Sanremo, ecco i nuovi show in partenza a dicembre 2017
TV
CONDIVIDI
Le 16 serie tv in onda a dicembre da non perdere per nessun motivo al mondo
Altro che pandori e panettoni: l'abbuffata è in tv, con le nuove serie di dicembre 2017
TV
CONDIVIDI
She's Gotta Have It è la serie di cui avevamo bisogno
Anche se la protagonista è una ragazza nera di Brooklyn che ama più persone, la nuova serie tv di Netflix parla di tutte noi e di come la...
mario-sgueglia-rosy-abate
TV
CONDIVIDI
Mario Sgueglia ovvero l'attore di Rosy Abate che da bambino sognava di fare il Papa
In pochi forse lo conoscevano, ma è piaciuto subito a tutti: Mario Sgueglia è l'attore rivelazione della fiction Rosy Abate, in onda ogni...
TV
CONDIVIDI
X Factor 11 e le pagelle della sesta puntata live, ovvero quella della disfatta di Rita Bellanza
Nella sesta puntata dei live la doppia eliminazione ha colpito la bistrattata Rita Bellanza e il buon Andrea Radice, ma tutti parlano solo...
TV
CONDIVIDI
La tv supporta la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne con 4 speciali da non perdere
Dal film tv Io ci sono al corto di Doppia Difesa, ecco tutti i titoli in onda il 25 novembre 2017, per dire no alla violenza sulle donne
TV
CONDIVIDI
X Factor 11 e le pagelle della quinta puntata live, ovvero quella degli inediti
La serata degli inediti si conclude con l'addio a Gabriele Esposito, mentre la squadra degli Over capitanata da Mara Maionchi è l'unica...
Come accogliere ospiti
TV
CONDIVIDI
Accogliere gli ospiti è un'arte: 5 consigli di un super esperto
L'interior designer Andrea Castrignano ci dà delle dritte per organizzare la tavola (e puoi seguirlo anche in tv)
TV
CONDIVIDI
X Factor 11 che puntata signori! Le pagelle del quarto live
Addio a Camille, la bravissima concorrente di Levante che copriva la quota "badass" del programma, mentre avanti tutta per Mara Maionchi,...