Francesca Michielin: intervista a una giovane stakanovista

Intervista alla cantante 21enne che ammette di non fermarsi mai: dopo Sanremo è subito partita per il tour di Di20are​, in attesa, a maggio, di partecipare all'Eurovision Song Contest​ 2016

Più Popolare

La prima volta che ho incontrato Francesca Michielin eravamo a Sanremo (dove è arrivata seconda con il brano Nessun grado di separazione, ndr.). «Quel palco per me è stato una prova enorme, perché sono sia una persona molto emotiva sia una cantante che lavora sodo sulla tecnica per evitare che le sensazioni prendano il sopravvento. Con Il mio canto libero di Battisti, invece, ho pianto come una fontana, l'emozione ha sfondato gli argini e ho avuto anche un po' paura di aver cantato male. Invece il maestro Vessicchio, che per me è stato un punto di riferimento cruciale, ha sciolto in quel gesto ogni timore». Francesca è una che non fatica a raccontarsi, si percepisce che conosce sé stessa e che ha da subito avuto chiari quali fossero i passi giusti da fare per non perdersi per strada. In una frase: è una ventenne che sa aspettare. Sull'assenza di fretta e sulla smania tenuta abilmente sotto controllo ha costruito il suo successo, che oggi la consacra per la terza settimana consecutiva artista italiana più trasmessa dalle radio, con il suo Di20are non solo disco d'oro ma anche accolto come uno dei prodotti più attuali, affascinanti e dal respiro internazionale del panorama nostrano; e con il tour Nice to meet you (24 marzo a Firenze, il 29 a Milan, il 30 marzo a Bologna, info www.francescamichielin.it) per buona parte sold out. E a un passo dall'Eurovision song contest 2016, in programma a Stoccolma dal 10 al 14 maggio. 

Advertisement - Continue Reading Below

Come mai lei che era già così amata da pubblico e critica  ha aspettato tanto per affrontare il palco dell'Ariston?

Ho aspettato quattro anni dalla mia vittoria a X Factor, cioè il tempo che mi è stato necessario per sentirmi davvero pronta. Sono fatta così: devo avere il polso della situazione, devo sentire dentro di me che il momento è davvero quello giusto. Non sono una che va allo sbaraglio. Così anche  per il primo tour della mia carriera, il Nice to meet you tour: una prova fisicamente e psicologicamente intensissima: durante ogni live suono cinque strumenti diversi.

Più Popolare

Perfezionista?

Perfezionista e stakanovista, ma soprattutto inquieta: non mia piace la comodità, amo la vita frenetica, la routine mi uccide. Purtroppo per la mia famiglia che mi vorrebbe più presente, non mi piace stare troppo a lungo a casa: sento che a 21anni la cosa migliore che posso fare per me stessa è girare il più possibile, conoscere cose nuove e fare esperienze, anche da sola.

Le piace com'è cresciuta finora?

Essendo di natura irrequieta, non a caso ho scelto la facoltà di Filosofia, non mi è facile dire «così sono pienamente soddisfatta», però sono fiera di molte cose che ho fatto: dalla ricerca per trovare un suono che fosse solo mio e riconoscibile, al miglioramento nello scrivere i testi, all'aver mantenuto, e me lo riconosco, una bella lucidità.

Che cosa intende con lucidità?

Conoscersi e sapere dove si vuole andare.

In Due cuori in due canta: «Avere un cuore in due non è facile/ognuno vuole più della metà per sé»: autobiografico?

Tutto Di20are lo è: basta ascoltarlo per capire che sono stata innamorata e felice, e che poi qualcosa è cambiato. Ma faccio ancora fatica a raccontare queste cose parlando, preferisco cantarle. 

Tra poco meno di due mesi sarà sul palco dell'Eurovision: ha deciso cosa canterà?

Sì, porto No degree of separation, ovvero il brano di Sanremo cantato in italiano e un po' in inglese. L'ho scelto perché è un pezzo che vuole cancellare le divisioni geografiche e culturali e invitare tutti ad abbracciarsi. Alla mia età l'atteggiamento giusto è dire costruiamo ponti, sempre.

Cosa fa quando vuole staccare?

Vado al cinema da sola, di lunedì quando non c'è nessuno. I film sono un'esperienza mistica, mi fondo con i personaggi e parto per un viaggio. E al Conservatorio sto studiando composizione: mi piacerebbe molto in futuro dedicarmi alle colonne sonore.

Michielin, di nuovo lavoro ...

Ha ragione, mi sa che sono un caso senza speranza!

More from Gioia!:
Musica
CONDIVIDI
Bruce Springsteen a Broadway: cronaca sentimentale di due ore indimenticabili
A Broadway con Mister Born to Run: più che un concerto, un ritorno a casa
Musica
CONDIVIDI
Eva Pevarello porta a Sanremo 2018 testa rasata, tatuaggi (molti) e Manuel Agnelli?
La pupilla di Manuel Agnelli è tra le Nuove Proposte della 68esima edizione del Festival e c'è chi giura che questa volta potrebbe andare...
Musica
CONDIVIDI
Elton John, cuore di papà, hai fatto l'annuncio più triste del mondo
Il più amato Rocket Man del pianeta ha deciso di dire basta ai concerti e da New York ha annunciato ai fan che il prossimo sarà il suo...
Musica
CONDIVIDI
Jim Morrison è (perché è) una specie di esagerato superman culturale in via di estinzione: le sue migliori citazioni
"Saggio i limiti del reale. Sono curioso di vedere cosa succede. Tutto qui: pura curiosità. Mi piace portare all'estremo le situazioni"
Musica
CONDIVIDI
Addio Dolores O' Riordan dei Cranberries, morta improvvisamente a 46 anni
Scompare a Londra l'icona del brit pop, degli anfibi troppo grand e degli anni Novanta
Musica
CONDIVIDI
Tirando le somme, quali sono state le canzoni che abbiamo amato di più in questo 2017? Top ten in arrivo
Un anno ricco di musica questo 2017 e le canzoni più amate lo dimostrano: ecco la nostra top ten
Musica
CONDIVIDI
Jovanotti ci racconta perché Oh, vita! ci farà sbam addosso
Ma come fa Lorenzo a 50 anni a essere sempre così meravigliosamente cool? La risposta è più sbam! di quanto penseresti
Musica
CONDIVIDI
Marianne Mirage: "La chitarra è il mio vestito"
Chioma afro e animo da giramondo, adora sperimentare, con la musica e con il look (non a caso è ambassador di Desigual)
Musica
CONDIVIDI
Cesare Cremonini inedito torna in grande stile e svela tutti i suoi Possibili Scenari
La parola empatia è la chiave del nuovo album del cantautore bolognese, Possibili Scenari
Musica
CONDIVIDI
Noel Gallagher è sempre stato un figo ma ora che ha 50 anni si merita una standing ovation
Spiritoso, stiloso, sarcastico e molto, molto hot: è così che Noel Gallagher si tiene stretto, almeno per noi, il titolo di re del rock 'n'...