Pop-up, il nuovo album di Luca Carboni

Un tempo cantava Oh no, i soldi lo so che non danno la felicità, oggi canta Un disco può dare la felicità

Più Popolare

Si intitola Pop-up ed è l'ultimo disco di Luca Carboni.

«Volevo fare un album perfetto che fosse figlio di un momento perfetto», mi dice. «Forse mi è venuto così bene perché non l'ho vissuto con ansia, è nato in modo fluido. L'ultimo pezzo, Invincibili, l'ho scritto al porto dell'isola d'Elba». Del singolo di lancio Luca lo stesso, Linus di Radio Deejay ha detto che è "la canzone più bella del mondo". «Un commento che mi ha emozionato, me ne aveva fatto uno simile solo un'altra volta, per Mare mare». Carboni traccia le coordinate della musica italiana da 30 anni, ha scritto pezzi pazzeschi da cui è impossibile prescindere: Silvia lo sai, Farfallina, Fragole buone buone… «A volte sapevo che avrebbero fatto faville, altre non ero sicuro, me l'ha detto la gente».

Advertisement - Continue Reading Below

Non si è mai stancato di essere Carboni?

Un po', attorno al 2000. Mio figlio Samuele era nato da poco. Mi sentivo stanco e sovraesposto, così ho fatto un passo indietro rispetto alla musica e sono stato tanto a casa, con il bambino. Io e mia moglie non abbiamo mai avuto la babysitter, ricominciamo a uscire ora che lui ha 16 anni e la sera può stare da solo.

Che ne dice lui della sua musica?

Fino a ieri poco e nulla. Ascoltava le mie canzoni se le sentiva in casa, non credo sia mai andato a cercarsi di proposito un mio disco. Quando quattro anni fa è uscito Fisico&politico con Fabri Fibra, i suoi compagni hanno cominciato ad accorgersi che esistevo, venivano a domandarmi: «Ma che tipo è Fabri?». Luca lo stesso è piaciuta anche a loro, mi hanno chiesto pure qualche autografo, e alle presentazioni arrivano genitori a dirmi: «Mio figlio di quattro anni impazzisce per il tuo pezzo».

Più Popolare

Un tempo cantava: «Oh no, i soldi lo so che non danno la felicità», mentre oggi: «Un disco può dare la felicità». Ma cosa sia la felicità è riuscito a capirlo, in tutto questo tempo?

Mi piace considerarla uno stato di grazia, il momento in cui senti di poter essere superiore e distaccato rispetto a certe ansie.

Come quando si scrive una canzone che funziona?

Come quando una cosa ti fa volare. Magari dopo averti fatto soffrire.

Ha cantato tanto l'amore, si considera un esperto in materia?

Non ho mai raggiunto certezze in proposito. Però ho flash di lucidità crescente, come in un pezzo di quest'album che mi piace moltissimo: «Chiedo scusa all'amore che si dà per scontato», quello per i genitori ma anche quello per la donna che ami.

Si è mai stufato delle sue canzoni?

Ma no, proprio stufato no. Non ho molta memoria e forse questo aiuta a non trovare noiose le mie vecchie cose. A volte copio me stesso senza rendermene conto. Ci pensa mia moglie Marina ad avvisarmi, «Guarda che l'hai già scritto».

Mi fa un esempio?

La frase: «Ho bisogno d'amore», che è in Farfallina, l'ho poi rimessa qua e là in altri brani, anche in questo Pop-Up. Mi son detto che se continuo a ripeterlo, dev'essere proprio vero.

Si è pentito di aver scritto Silvia lo sai, con quella frase scomoda: «Luca si buca ancora»?

Artisticamente no, mi serviva un nome che facesse rima. Però succede che un medico che non mi conosce mi dica, visitandomi: «Beh, con tutta l'eroina che si è fatto non è messo neanche male».

Ora può dirlo: era una storia vera?

Sì. E al vero Luca, quella canzone è servita a uscirne.

Luca Carboni, E intanto Dustin Hoffmann non sbaglia un film

Quando ha capito che avrebbe fatto musica sul serio?

A casa eravamo cinque figli, mio padre ci ha obbligato a studiare il piano. Tornava la sera e chiedeva a mia madre: «Luca oggi ha suonato?» e se la risposta era no si sedeva accanto a me per un'ora, a voltarmi le pagine degli spartiti anche se non sapeva leggere le note. Non mi sono diplomato al Conservatorio ma qualcosa è scattato, anche se per anni ho pensato che avrei scritto solo i testi.

Poi cos'è successo?

Quand'ero ragazzo Bologna era il posto giusto per chi sperava di vivere di musica. Alla trattoria Da Vito si ritrovavano tutti, cenavano sul tardi e poi restavano lì fino all'alba: Dalla, Guccini, Ron, gli Stadio, Vasco. Una sera, avrò avuto 17 anni, ci sono passato e ho fatto consegnare a Lucio una busta con i testi di canzoni che avevo pensato per gli Stadio. Poi sono uscito in strada e l'ho guardato dalla finestra mentre leggeva e cominciava a dire: «Bello, bello, mi piace». In fondo ai testi avevo messo il mio numero, l'ho visto alzarsi e andare a telefonare: «Un ragazzo mi ha lasciato questa busta», ha detto a mia sorella, allora ho preso coraggio, gli ho toccato una spalla e ho detto: «Sono qua!».

E lui?

«Ca..o, ma leggendo i testi non pensavo fossi un bimbo». Il giorno dopo eravamo in studio, alla Fonoprint. Lì ho visto nascere un sacco di dischi, da Bollicine di Vasco ai miei primi album. Per i dieci anni successivi tutta l'Italia è passata da qui per registrare. Lo dico anche in Bologna è la regola, uno dei pezzi nuovi: arriva un momento della vita in cui Bologna, anche se non ci vivi, la pensi. Lucio me lo ripeteva sempre.

Eravate molto amici.

Ci capivamo molto bene. Dopo tanti anni il nostro gioco preferito era indovinare i nomi delle persone solo facendo loro qualche domanda. Le persone finiscono per somigliare al proprio nome.

I Luca come sono?

Tendono a portare sulle spalle il peso del mondo.

COSA NE PENSI?

TV
CONDIVIDI
Sex and the City, Carrie e le altre oggi
Sono passati 18 anni dalla prima puntata e la serie tv rimane nei cuori di tutte: ma che fine hanno fatto le protagoniste e Mr. Big?
TV
CONDIVIDI
Sex and the City torna in tv?
«Nessuna di noi direbbe no alla chiamata dei produttori​»,​ ha spiegato Sarah Jessica Parker​
will & grace: anniversario della serie tv
TV
CONDIVIDI
Will & Grace: la reunion per Hillary
Il cast della serie tv si è ritrovato per sostenere la campagna elettorale di Hillary Clinton con un video: ecco le foto sui social​
Libri
CONDIVIDI
Come sopravvivere all'adolescenza: i consigli di una youtuber
​​Abbiamo intervistato Eleonora Olivieri, che ci ha parlato dei 4 manuali in cui racconta ​ le sue esperienze​
La ragazza che arriva da Hereford, Inghilterra, torna ad occuparsi di colonne sonore: dopo la hit mondiale Love Me Like You Do, che la fece conoscere al mondo grazie anche al successo del film Fifty Shades of Grey, oggi Ellie Goulding dedica anima e voce al nuovo capitolo delle avventure di Bridget Jones con il brano Still falling for you, in rotazione nelle radio italiane dal 16 settembre e che ci farà salire la voglia di vedere che cosa capiterà in Bridegt Jones's Baby (dal 2 settembre nelle sale italiane) all'eroina nata dalla penna di Helen Fielding e interpretata da Renèe Zellweger.Consigliato a chi: ama le ballate romantiche, che più romantiche non si può.
Musica
CONDIVIDI
10 nuovi album per iniziare bene l'autunno
​Sì, siete tornati in città, e sì, il mare vi manca da morire, ma c'è sempre modo di consolarsi: ascoltando buona musica!
TV
CONDIVIDI
Make up senza segreti grazie ad Alice Venturi
Conosciuta anche come AlicelikeAudrey, è diventata famosa grazie ai suoi tutorial di make up e beauty pubblicati su YouTube​​
TV
CONDIVIDI
Alessandra Mastronardi, la Bridget Jones italiana
Dal 27 settembre, l'ex Cesarona interpreta l'eroina nella fiction Rai ispirata al romanzo (cult) L'allieva, di Alessia Gazzola​
serie tv più belle nell'autunno 2016
TV
CONDIVIDI
Le 10 serie tv più belle dell'autunno
​Hacker transessuali, drammi romantici, famiglie allo sbando, agenti segreti ad alto tasso di seduzione: preparate il divano​
Libri
CONDIVIDI
Jay McInerney e i cinquantenni di Manhattan
La luce dei giorni, il nuovo romanzo dello scrittore americano, conclude la storia dei Calloway: coppia glam di Manhattan arrivata alla...
Libri
CONDIVIDI
Perché leggere la saga dei Cazalet di Elizabeth Jane Howard
È uscito Confusione il terzo volume della scrittrice americana sulla famiglia più famosa del Novecento