Simply Red, Mick Hucknall racconta la sua musica e le sue donne

Da uomo e da artista, ha faticato a capire le ragazze, ma ha sempre saputo farsi ascoltare, come nel nuovo album Big love

Mick Hucknall ha i numeri: i 30 anni dei Simply Red, 
i 50 milioni di album venduti (oggi, è un trionfo raggiungere il milione), gli anni '80, detestati malgrado il successo di quel periodo («Brutta musica, brutti vestiti, brutti capelli»), le oltre 1.000 donne con cui ha confessato di essersi intrattenuto (tra cui Catherine Zeta-Jones, Steffi Graf, Helena Christensen, Kim Wilde).

È il numero uno, non solo in classifica, ma anche inteso come il lupo solitario che fatica a relazionarsi con le persone; una fase al termine, come racconta l'ultimo album Big love.

Advertisement - Continue Reading Below

Strano che, dopo una vita di eccessi da star, nel nuovo disco celebri la famiglia. Sono cresciuto tra le case popolari e i capelli rossi, in Inghilterra, attirano i bulli. Il successo è stata una rivalsa. Non sono fiero del mio passato, ma gli eccessi nascevano dall'assenza di una vera famiglia. Mia madre mi abbandonò quand'ero piccolissimo; mio padre si è dedicato a me più che poteva, ma non poteva avere la forza affettiva femminile. La mia mancanza di considerazione per le donne nasceva da quella situazione.

Più Popolare

Eppure le sue canzoni si distinguono per il romanticismo tra le hit degli anni '80. Forse alle donne so parlare… Ma non le ho ascoltate quanto dovevo. Le idealizzavo, ne cercavo l'approvazione, ma non le sentivo vicine. È stata la mia condizione anche nella musica: amando i Beatles, mi sentivo vicino a John Lennon, anche lui abbandonato dalla madre. Ho sempre cercato un Paul McCartney. Ma alla fine il centro dei Simply Red ero sempre solo io, ed era frustrante. Ho impiegato anni anche a riconoscere la mia anima gemella: è diventata mia moglie quasi vent'anni dopo averla conosciuta e averci avuto una prima relazione. Sette anni fa sono diventato padre di una femmina: un segno del destino.

Sembrava non sapesse scegliere nemmeno le case: ne aveva una a Londra, una 
a Parigi, una in Irlanda, una a Milano, una in Sicilia, una in America… Beh, ora alcune le ho vendute. Ma chi non vivrebbe un po' ovunque, se potesse? Specie venendo da una casa di Manchester senza acqua calda.

More from Gioia!:
Musica
CONDIVIDI
Adele insegna al figlio il rispetto delle donne
La popstar ha le idee chiare su come crescere il piccolo Angelo, che ha 4 anni e mezzo!
Musica
CONDIVIDI
Fedez & J-Ax, rapper ma con il Rolex
La coppia più famosa dell'hip hop italiano ha fatto un disco per dire che non si vergogna della ricchezza, alla faccia dei fan
Francesco Gabbani: i 6 momenti più sexy del suo ultimo video
Musica
CONDIVIDI
Francesco Gabbani e le sue mosse sexy
I momenti indimenticabili del video di Occidentali's Karma, con le gif dedicate a tutte le attuali (e future) addicted to Gabbani
Musica
CONDIVIDI
Che lavoro fa la fidanzata di Gabbani?
Dalila Iardella, la compagna del cantante vincitore di Sanremo, ha una professione non molto comune
Musica
CONDIVIDI
Bruce Springsteen e il selfie top dell'anno
Almeno finora è questa la foto che non si può fare a meno di ammirare, anche se non l'ha scattata il Boss!
Musica
CONDIVIDI
7 canzoni di Sanremo che si ascoltano sempre
Dagli anni 50 a oggi, Spotify rivela quali sono, per ogni decade, i brani della storia sanremese più gettonati
beyonce-grammy-awards-2017
Musica
CONDIVIDI
Beyoncé lascia a bocca aperta anche le celeb
L'esibizione di Queen Bey ai Grammy ha conquistato fra gli altri Gigi Hadid e Chrissy Teigen, che hanno twittato la loro ammirazione
laura pausini grammy awards 2017
Musica
CONDIVIDI
Per noi Laura Pausini ha vinto i Grammy 2017
Ai Grammy awards 2017 non è riuscita a conquistare il premio per il Miglior album latino pop, ma secondo noi ha battuto tutte le cantanti...
Musica
CONDIVIDI
Le video interviste ai cantanti di Sanremo
Le nostre inviate al Festival hanno fatto parlare e cantare Big e Nuove proposte, compreso il vincitore, Francesco Gabbani
Musica
CONDIVIDI
Toglietemi tutto ma non Sanremo
Perché Sanremo is the new Beautiful: non mi perderei una serata per nulla al mondo (piuttosto mi taglio i capelli)