5 cose da sapere prima di andare a un festival musicale

​Siamo stati al Lee-Fest, detto anche The Neverland​, in Inghilterra: ecco quello che abbiamo imparato

Più Popolare

Arriva l'estate in Inghilterra e succedono due cose: gli autoctoni sfoggiano canottiera e infradito con 20° e cielo coperto (per loro è l'equivalente di una giornata di luglio in Sicilia) e iniziano a fioccare festival musicali per tutta l'isola britannica, dalla Scozia al Galles.

Gioia! è andata al  LeeFest-The Neverland, nel Kent, il giardino d'Inghilterra, una regione in cui non si riescono a contare le sfumature di verde a mezz'ora di treno a sud di Londra. Posto ideale per i pendolari della City, che hanno un treno diretto che ogni giorno li fa viaggiare nel tempo, dalla calma Ottocentesca del countryside alla folle corsa al risultato del neocapitalismo.

Advertisement - Continue Reading Below

Siamo a Edenbridge, un paesino in cui dopo 24 ore conosci tutti per nome e in cui le regole della cortesia sono quasi imbarazzanti. Per fare un esempio, mentre aspettavamo la navetta che ci avrebbe catapultato nella nostra avventura, una gentilissima coppia con bambina ci avvicina e ci offre un passaggio per l'isola che non c'è.

Seconda stella destra e poi dritto fino al mattino, ovviamente, questo il tragitto per arrivare all'edizione 2016 del LeeFest, festival estivo alla decima edizione che in tre giorni presenta al suo pubblico un centinaio di artisti divisi tra indie, rock, folk, blues, reggae e non solo. Camminando nella fattoria di John Darlings, immersa in un bosco e completa di laghetto, ci si imbatte in acrobati, giocolieri, artisti circensi, burlesque performers, professionisti del freesbe che si allenano per i campionati britannici, e soprattutto un pubblico che va dai due ai duecento anni, tra sirene, bimbi sperduti, pirati e indiani. Siamo a Neverland, d'altronde!

Più Popolare

Tre giorni all'insegna del divertimento e del campeggio libero, con centinaia di tende che occupano, ordinatamente, civilmente e gioiosamente, un paio di ettari di questo posto magico. Naturalmente non mancano fiumi di birra e street food di ogni genere. L'unica cosa che non c'è sono le droghe, perché questo è uno show per famiglie.

I Summer Festival inglesi sono circa un centinaio, iniziano con Glastonbury a giugno e si chiudono a settembre con il Bestival all'isola di Wight, ed è un'esperienza che almeno una volta nella vita bisogna provare, per il meraviglioso senso di libertà e condivisione che ti pervade già dopo pochi minuti. Ma attenzione: bisogna arrivare preparati, altrimenti l'esperienza potrebbe diventare un incubo. Ecco quindi 5 consigli per affrontare al meglio un festival musical nella tiepida (è un eufemismo) estate inglese.

1. Si è tagliati fuori dal mondo 

Nella maggior parte dei casi i festival si tengono in luoghi in cui il cellulare non prende e il wi-fi è una chimera: mettete in conto di essere isolati per qualche giorno! Meglio così, lo scopo ultimo è dimenticare il resto del mondo.

2. Si dorme in tenda 

Il campeggio è la scelta migliore, dopo dieci minuti avete cento amici fraterni in più e se siete single la vostra condizione cambierà radicalmente, almeno per qualche ora. Summer Lovers, Grease insegna. Ma se volete godervela, andate organizzati. Se siete in due, tenda da quattro, magari un gazebo con tavolino e sedie, così da far fronte alla pioggia che immancabilmente vi accompagnerà, e soprattutto l'outfit giusto, da cui il punto 3...

3. Ci vuole l'impermeabile

Mettete in valigia un impermeabile, prima di tutto. E poi: scarpe da trekking e/o calosce, un maglione e almeno due paia di jeans che volevate buttare. Ma anche infradito, canottierina, gonnellone hippie, shorts, persino un bikini. È il bello del clima inglese, detto anche Vivaldi: quattro stagioni al giorno. E potete evitare il reggiseno, nessuno ci farà caso.

4. L'aperitivo è un ricordo

Si può bere? La risposta è sì, potete farlo, naturalmente senza ridurvi come solo una donna inglese sa fare (uno spettacolo agghiacciante, gli hooligans si barricano in soffitta il venerdì sera). Ma dimenticate lo Spritz, il Moscow Mule e altre amenità da Naviglio. Qui si beve birra, in alternativa vino (se fresco il rosè è la soluzione migliore), il massimo del cocktail è il gin tonic. Potete provare altro, a vostro rischio e pericolo. Ma non è il caso.

5. Stare da soli è difficile

 La cosa più importante: siete in un microcosmo, non siate una stella solitaria. Parlate con il vostro vicino al bancone mentre aspettate il vostro drink (in alternativa potete leggere due volte la Recherche), mangiate aggregandovi a tavolate e picnic estemporanei, assumete un atteggiamento super smart. In alcuni di questi festival arriva gente da tutto il mondo, le barriere linguistiche si abbattono, così come il ceto sociale e l'età. Si condividono esperienze, si costruiscono insieme ricordi che resteranno. Cartoline da Neverland.

COSA NE PENSI?

TV
CONDIVIDI
X Factor 10, terzo giro di audizioni
​Tra le solite storie strappalacrime e qualche talento vero, vi raccontiamo i momenti top e flop della terza puntata del talent
TV
CONDIVIDI
Sex and the City, Carrie e le altre oggi
Sono passati 18 anni dalla prima puntata e la serie tv rimane nei cuori di tutte: ma che fine hanno fatto le protagoniste e Mr. Big?
Musica
CONDIVIDI
​Bestival, appuntamento fra 12 mesi
I festival musicali inglesi sono super cool (avete presente Bridget Jones's baby?): noi siamo stati a quello sull'Isola di Wight​ e ne...
TV
CONDIVIDI
Sex and the City torna in tv?
«Nessuna di noi direbbe no alla chiamata dei produttori​»,​ ha spiegato Sarah Jessica Parker​
will & grace: anniversario della serie tv
TV
CONDIVIDI
Will & Grace: la reunion per Hillary
Il cast della serie tv si è ritrovato per sostenere la campagna elettorale di Hillary Clinton con un video: ecco le foto sui social​
Libri
CONDIVIDI
Come sopravvivere all'adolescenza: i consigli di una youtuber
​​Abbiamo intervistato Eleonora Olivieri, che ci ha parlato dei 4 manuali in cui racconta ​ le sue esperienze​
TV
CONDIVIDI
I nostri pollici su e giù per X Factor 10
Scattano i primi battibecchi tra i giudici di X Factor 10, in una seconda puntata di audizioni piuttosto piatta rispetto all'esordio
La ragazza che arriva da Hereford, Inghilterra, torna ad occuparsi di colonne sonore: dopo la hit mondiale Love Me Like You Do, che la fece conoscere al mondo grazie anche al successo del film Fifty Shades of Grey, oggi Ellie Goulding dedica anima e voce al nuovo capitolo delle avventure di Bridget Jones con il brano Still falling for you, in rotazione nelle radio italiane dal 16 settembre e che ci farà salire la voglia di vedere che cosa capiterà in Bridegt Jones's Baby (dal 2 settembre nelle sale italiane) all'eroina nata dalla penna di Helen Fielding e interpretata da Renèe Zellweger.Consigliato a chi: ama le ballate romantiche, che più romantiche non si può.
Musica
CONDIVIDI
10 nuovi album per iniziare bene l'autunno
​Sì, siete tornati in città, e sì, il mare vi manca da morire, ma c'è sempre modo di consolarsi: ascoltando buona musica!
TV
CONDIVIDI
Make up senza segreti grazie ad Alice Venturi
Conosciuta anche come AlicelikeAudrey, è diventata famosa grazie ai suoi tutorial di make up e beauty pubblicati su YouTube​​
TV
CONDIVIDI
Alessandra Mastronardi, la Bridget Jones italiana
Dal 27 settembre, l'ex Cesarona interpreta l'eroina nella fiction Rai ispirata al romanzo (cult) L'allieva, di Alessia Gazzola​