5 cose da sapere prima di andare a un festival musicale

​Siamo stati al Lee-Fest, detto anche The Neverland​, in Inghilterra: ecco quello che abbiamo imparato

Più Popolare

Arriva l'estate in Inghilterra e succedono due cose: gli autoctoni sfoggiano canottiera e infradito con 20° e cielo coperto (per loro è l'equivalente di una giornata di luglio in Sicilia) e iniziano a fioccare festival musicali per tutta l'isola britannica, dalla Scozia al Galles.

Gioia! è andata al  LeeFest-The Neverland, nel Kent, il giardino d'Inghilterra, una regione in cui non si riescono a contare le sfumature di verde a mezz'ora di treno a sud di Londra. Posto ideale per i pendolari della City, che hanno un treno diretto che ogni giorno li fa viaggiare nel tempo, dalla calma Ottocentesca del countryside alla folle corsa al risultato del neocapitalismo.

Advertisement - Continue Reading Below

Siamo a Edenbridge, un paesino in cui dopo 24 ore conosci tutti per nome e in cui le regole della cortesia sono quasi imbarazzanti. Per fare un esempio, mentre aspettavamo la navetta che ci avrebbe catapultato nella nostra avventura, una gentilissima coppia con bambina ci avvicina e ci offre un passaggio per l'isola che non c'è.

Seconda stella destra e poi dritto fino al mattino, ovviamente, questo il tragitto per arrivare all'edizione 2016 del LeeFest, festival estivo alla decima edizione che in tre giorni presenta al suo pubblico un centinaio di artisti divisi tra indie, rock, folk, blues, reggae e non solo. Camminando nella fattoria di John Darlings, immersa in un bosco e completa di laghetto, ci si imbatte in acrobati, giocolieri, artisti circensi, burlesque performers, professionisti del freesbe che si allenano per i campionati britannici, e soprattutto un pubblico che va dai due ai duecento anni, tra sirene, bimbi sperduti, pirati e indiani. Siamo a Neverland, d'altronde!

Più Popolare

Tre giorni all'insegna del divertimento e del campeggio libero, con centinaia di tende che occupano, ordinatamente, civilmente e gioiosamente, un paio di ettari di questo posto magico. Naturalmente non mancano fiumi di birra e street food di ogni genere. L'unica cosa che non c'è sono le droghe, perché questo è uno show per famiglie.

I Summer Festival inglesi sono circa un centinaio, iniziano con Glastonbury a giugno e si chiudono a settembre con il Bestival all'isola di Wight, ed è un'esperienza che almeno una volta nella vita bisogna provare, per il meraviglioso senso di libertà e condivisione che ti pervade già dopo pochi minuti. Ma attenzione: bisogna arrivare preparati, altrimenti l'esperienza potrebbe diventare un incubo. Ecco quindi 5 consigli per affrontare al meglio un festival musical nella tiepida (è un eufemismo) estate inglese.

1. Si è tagliati fuori dal mondo 

Nella maggior parte dei casi i festival si tengono in luoghi in cui il cellulare non prende e il wi-fi è una chimera: mettete in conto di essere isolati per qualche giorno! Meglio così, lo scopo ultimo è dimenticare il resto del mondo.

2. Si dorme in tenda 

Il campeggio è la scelta migliore, dopo dieci minuti avete cento amici fraterni in più e se siete single la vostra condizione cambierà radicalmente, almeno per qualche ora. Summer Lovers, Grease insegna. Ma se volete godervela, andate organizzati. Se siete in due, tenda da quattro, magari un gazebo con tavolino e sedie, così da far fronte alla pioggia che immancabilmente vi accompagnerà, e soprattutto l'outfit giusto, da cui il punto 3...

3. Ci vuole l'impermeabile

Mettete in valigia un impermeabile, prima di tutto. E poi: scarpe da trekking e/o calosce, un maglione e almeno due paia di jeans che volevate buttare. Ma anche infradito, canottierina, gonnellone hippie, shorts, persino un bikini. È il bello del clima inglese, detto anche Vivaldi: quattro stagioni al giorno. E potete evitare il reggiseno, nessuno ci farà caso.

4. L'aperitivo è un ricordo

Si può bere? La risposta è sì, potete farlo, naturalmente senza ridurvi come solo una donna inglese sa fare (uno spettacolo agghiacciante, gli hooligans si barricano in soffitta il venerdì sera). Ma dimenticate lo Spritz, il Moscow Mule e altre amenità da Naviglio. Qui si beve birra, in alternativa vino (se fresco il rosè è la soluzione migliore), il massimo del cocktail è il gin tonic. Potete provare altro, a vostro rischio e pericolo. Ma non è il caso.

5. Stare da soli è difficile

 La cosa più importante: siete in un microcosmo, non siate una stella solitaria. Parlate con il vostro vicino al bancone mentre aspettate il vostro drink (in alternativa potete leggere due volte la Recherche), mangiate aggregandovi a tavolate e picnic estemporanei, assumete un atteggiamento super smart. In alcuni di questi festival arriva gente da tutto il mondo, le barriere linguistiche si abbattono, così come il ceto sociale e l'età. Si condividono esperienze, si costruiscono insieme ricordi che resteranno. Cartoline da Neverland.

Read Next:
Musica
CONDIVIDI
5 cose da sapere su The Weeknd
Dai problemi con le dipendenze alla storia con Bella Hadid, forse non sapevate chi è il cantante di cui tutti parlano
Musica
CONDIVIDI
Kristen Stewart recita per i Rolling Stones
L'attrice è super cool nel video della canzone del nuovo album della band, Ride 'em on down, girato a Los Angeles
fabio-rovazzi-tutto-molto-interessante
Musica
CONDIVIDI
Fabio Rovazzi: dopo Andiamo a comandare arriva Tutto molto interessante
Dopo il tormentone dell'estate 2016 Rovazzi torna con un nuovo singolo: guarda il video ufficiale di Tutto molto interessante!
Musica
CONDIVIDI
Chi è Lp, l'autrice della hit Lost on you?
Avete capito qual è la canzone dello spot di 3, ma forse non conoscete Laura Pergolizzi, a Milano in concerto stasera 24 novembre
Musica
CONDIVIDI
Robbie Williams chiede scusa a Mel B
Quel burlone di Robbie ha smentito se stesso e ha ammesso di non essere mai stato a letto con la Scary Spice
Le migliori canzoni del 2016
Musica
CONDIVIDI
16 canzoni simbolo di questo 2016
La compilation con i best of musicali: ecco le hit che vale la pena di riascoltare nella playlist di fine anno
Musica
CONDIVIDI
Album di Natale: le 5 novità del 2016
Se amate la colonne sonore natalizie, ecco le nuove uscite che non potete perdervi, a cominciare da Laura Xmas della Pausini
Musica
CONDIVIDI
Shawn Mendes, chi è il cantautore del momento
Le hit più famose e altre curiosità sulla popstar canadese che per molti è già il nuovo Justin Bieber
Look più belli del red carpet American music awards 2016
Musica
CONDIVIDI
Il meglio del red carpet degli Ama 2016
I big della musica si sono ritrovati domenica sera agli American Music Awards e qualcuno era davvero al top
Leonard Cohen morto 82 anni
Musica
CONDIVIDI
Addio a Leonard Cohen, musicista visionario
Il celebre cantautore di origini canadesi, autore di Hallelujah, è mancato all'età di 82 anni: l'annuncio ufficiale su Facebook