5 cose da sapere prima di andare a un festival musicale

​Siamo stati al Lee-Fest, detto anche The Neverland​, in Inghilterra: ecco quello che abbiamo imparato

Più Popolare

Arriva l'estate in Inghilterra e succedono due cose: gli autoctoni sfoggiano canottiera e infradito con 20° e cielo coperto (per loro è l'equivalente di una giornata di luglio in Sicilia) e iniziano a fioccare festival musicali per tutta l'isola britannica, dalla Scozia al Galles.

Gioia! è andata al  LeeFest-The Neverland, nel Kent, il giardino d'Inghilterra, una regione in cui non si riescono a contare le sfumature di verde a mezz'ora di treno a sud di Londra. Posto ideale per i pendolari della City, che hanno un treno diretto che ogni giorno li fa viaggiare nel tempo, dalla calma Ottocentesca del countryside alla folle corsa al risultato del neocapitalismo.

Advertisement - Continue Reading Below

Siamo a Edenbridge, un paesino in cui dopo 24 ore conosci tutti per nome e in cui le regole della cortesia sono quasi imbarazzanti. Per fare un esempio, mentre aspettavamo la navetta che ci avrebbe catapultato nella nostra avventura, una gentilissima coppia con bambina ci avvicina e ci offre un passaggio per l'isola che non c'è.

Seconda stella destra e poi dritto fino al mattino, ovviamente, questo il tragitto per arrivare all'edizione 2016 del LeeFest, festival estivo alla decima edizione che in tre giorni presenta al suo pubblico un centinaio di artisti divisi tra indie, rock, folk, blues, reggae e non solo. Camminando nella fattoria di John Darlings, immersa in un bosco e completa di laghetto, ci si imbatte in acrobati, giocolieri, artisti circensi, burlesque performers, professionisti del freesbe che si allenano per i campionati britannici, e soprattutto un pubblico che va dai due ai duecento anni, tra sirene, bimbi sperduti, pirati e indiani. Siamo a Neverland, d'altronde!

Più Popolare

Tre giorni all'insegna del divertimento e del campeggio libero, con centinaia di tende che occupano, ordinatamente, civilmente e gioiosamente, un paio di ettari di questo posto magico. Naturalmente non mancano fiumi di birra e street food di ogni genere. L'unica cosa che non c'è sono le droghe, perché questo è uno show per famiglie.

I Summer Festival inglesi sono circa un centinaio, iniziano con Glastonbury a giugno e si chiudono a settembre con il Bestival all'isola di Wight, ed è un'esperienza che almeno una volta nella vita bisogna provare, per il meraviglioso senso di libertà e condivisione che ti pervade già dopo pochi minuti. Ma attenzione: bisogna arrivare preparati, altrimenti l'esperienza potrebbe diventare un incubo. Ecco quindi 5 consigli per affrontare al meglio un festival musical nella tiepida (è un eufemismo) estate inglese.

1. Si è tagliati fuori dal mondo 

Nella maggior parte dei casi i festival si tengono in luoghi in cui il cellulare non prende e il wi-fi è una chimera: mettete in conto di essere isolati per qualche giorno! Meglio così, lo scopo ultimo è dimenticare il resto del mondo.

2. Si dorme in tenda 

Il campeggio è la scelta migliore, dopo dieci minuti avete cento amici fraterni in più e se siete single la vostra condizione cambierà radicalmente, almeno per qualche ora. Summer Lovers, Grease insegna. Ma se volete godervela, andate organizzati. Se siete in due, tenda da quattro, magari un gazebo con tavolino e sedie, così da far fronte alla pioggia che immancabilmente vi accompagnerà, e soprattutto l'outfit giusto, da cui il punto 3...

3. Ci vuole l'impermeabile

Mettete in valigia un impermeabile, prima di tutto. E poi: scarpe da trekking e/o calosce, un maglione e almeno due paia di jeans che volevate buttare. Ma anche infradito, canottierina, gonnellone hippie, shorts, persino un bikini. È il bello del clima inglese, detto anche Vivaldi: quattro stagioni al giorno. E potete evitare il reggiseno, nessuno ci farà caso.

4. L'aperitivo è un ricordo

Si può bere? La risposta è sì, potete farlo, naturalmente senza ridurvi come solo una donna inglese sa fare (uno spettacolo agghiacciante, gli hooligans si barricano in soffitta il venerdì sera). Ma dimenticate lo Spritz, il Moscow Mule e altre amenità da Naviglio. Qui si beve birra, in alternativa vino (se fresco il rosè è la soluzione migliore), il massimo del cocktail è il gin tonic. Potete provare altro, a vostro rischio e pericolo. Ma non è il caso.

5. Stare da soli è difficile

 La cosa più importante: siete in un microcosmo, non siate una stella solitaria. Parlate con il vostro vicino al bancone mentre aspettate il vostro drink (in alternativa potete leggere due volte la Recherche), mangiate aggregandovi a tavolate e picnic estemporanei, assumete un atteggiamento super smart. In alcuni di questi festival arriva gente da tutto il mondo, le barriere linguistiche si abbattono, così come il ceto sociale e l'età. Si condividono esperienze, si costruiscono insieme ricordi che resteranno. Cartoline da Neverland.

More from Gioia!:
Musica
CONDIVIDI
Bruce Springsteen a Broadway: cronaca sentimentale di due ore indimenticabili
A Broadway con Mister Born to Run: più che un concerto, un ritorno a casa
Musica
CONDIVIDI
Eva Pevarello porta a Sanremo 2018 testa rasata, tatuaggi (molti) e Manuel Agnelli?
La pupilla di Manuel Agnelli è tra le Nuove Proposte della 68esima edizione del Festival e c'è chi giura che questa volta potrebbe andare...
Musica
CONDIVIDI
Elton John, cuore di papà, hai fatto l'annuncio più triste del mondo
Il più amato Rocket Man del pianeta ha deciso di dire basta ai concerti e da New York ha annunciato ai fan che il prossimo sarà il suo...
Musica
CONDIVIDI
Jim Morrison è (perché è) una specie di esagerato superman culturale in via di estinzione: le sue migliori citazioni
"Saggio i limiti del reale. Sono curioso di vedere cosa succede. Tutto qui: pura curiosità. Mi piace portare all'estremo le situazioni"
Musica
CONDIVIDI
La divina Maria Callas immortale nei nostri cuori per almeno 4 validissimi motivi
A 40 anni dalla sua scomparsa, la città di Roma dedica alla Divina la mostra Callas e Roma. E noi riscopriamo una donna fantastica
Musica
CONDIVIDI
Addio Dolores O' Riordan dei Cranberries, morta improvvisamente a 46 anni
Scompare a Londra l'icona del brit pop, degli anfibi troppo grand e degli anni Novanta
Musica
CONDIVIDI
Tirando le somme, quali sono state le canzoni che abbiamo amato di più in questo 2017? Top ten in arrivo
Un anno ricco di musica questo 2017 e le canzoni più amate lo dimostrano: ecco la nostra top ten
Musica
CONDIVIDI
Jovanotti ci racconta perché Oh, vita! ci farà sbam addosso
Ma come fa Lorenzo a 50 anni a essere sempre così meravigliosamente cool? La risposta è più sbam! di quanto penseresti
Musica
CONDIVIDI
Marianne Mirage: "La chitarra è il mio vestito"
Chioma afro e animo da giramondo, adora sperimentare, con la musica e con il look (non a caso è ambassador di Desigual)
Musica
CONDIVIDI
Cesare Cremonini inedito torna in grande stile e svela tutti i suoi Possibili Scenari
La parola empatia è la chiave del nuovo album del cantautore bolognese, Possibili Scenari