Aldo Nove torna in libreria con Anteprima mondiale

Il più pop degli autori italiani​ ci parla del suo ritorno dopo 20 anni dall'ultimo provocante libro, Woobinda, ricordandoci che «vivere è sempre resistenza​»   

Più Popolare

A 20 anni dalla pubblicazione del dirompente Woobinda, che sdoganò il genere pulp anche in letteratura, Aldo Nove, lo scrittore di Viggiù (Varese), torna con una raccolta di racconti, ancora più disorientanti, perché sarà pure cambiato il mondo ma la guerra non è mai finita. A dargli manforte un manipolo di vecchi amici: Niccolò Ammaniti, Nanni Balestrini, Giuseppe Culicchia. 

Advertisement - Continue Reading Below

Come ci si sente ad aver creato la corrente letteraria I cannibali? 

Non eravamo, noi «cannibali», coscienti di far parte di alcuna corrente. Ci siamo ritrovati assieme in quanto desiderosi di esprimere il presente attraverso la letteratura, sempre rivolta al passato o alla finzione di genere. È stato un caso e un caso piacevole. Un regalo del destino che oggi fa parte del mio cammino di ricerca. E di cui sono orgoglioso.

Più Popolare

Allora eravate tutti pieni di speranze e ideali. Oggi come si sente?

Ancora più pieno di speranze e ideali, perché più difficile è il momento che si attraversa, più è necessario essere forti per non soccombere.

Venti anni fa eravate pulp, ma oggi la realtà supera la fantasia.  

Dico che ciò dimostra quanto avessimo ragione. Il delirio che raccontavamo era la descrizione della nascita di qualcosa che adesso è cresciuta. Una falsificazione del mondo oramai sotto gli occhi non solo di pochi intellettuali ma di tutti.

Cosa intende con «Questo non è un libro. Oppure lo è a morsi. A strappi»?

Non ho mai scritto libri perché fossero belli ma per aggredire la realtà, per smuovere dentro di me e dentro il lettore qualcosa di forte.

In Bagnoschiuma di Woobinda il protagonista uccide i genitori perché hanno comprato un detersivo sbagliato, nel remix 2016 la protagonista li uccide perché hanno comprato il libro sbagliato (Woobinda): che lezione dobbiamo trarne? 

Tutto viene risucchiato da un sistema, quello attuale, che rende la nostra vita merce. Ma la speranza è, come è avvenuto nel mito della Torre di Babele, che alla fine la torre crolli. E crollerà. Sta crollando.  

Siamo tutti globali, anche nello scrivere e nel leggere?

Per fortuna no. La globalizzazione è squisitamente finanziaria. L'umanesimo è resistenza.

Cosa dobbiamo cambiare oggi? 

Noi stessi. Allontanarci da modelli di vita sempre più demenziali e vacui. Non diventare degli zombie. Lo spazio che ci è dato per farlo è la nostra stessa vita.

Esistono ancora scrittori impegnati?

Certamente. Anche perché non è più di moda esserlo. E quindi chi lo è, lo è veramente.

More from Gioia!:
migliori libri moda
Libri
CONDIVIDI
6 libri che una fashion victim deve leggere
I 6 bestseller che non possono mancare sulla tua libreria se sei una vera appassionata della moda
Cara Delevingne alla premiere di Suicide Squad - Londra 23 agosto 2016
Libri
CONDIVIDI
Cara Delevingne, eterna prima della classe
Non si ferma mai! Tutto quello che non sapevate sulla modella e attrice londinese, che ora è anche scrittrice
Libri
CONDIVIDI
5 consigli per diventare ricchi con YouTube
Come diventare ricchi con YouTube: personaggi come xMurry e BrazoCrew spiegano ai followers il segreto del loro successo
Libri
CONDIVIDI
10 titoli al femminile per l'8 marzo
Abbiamo scelto per voi i libri leggere in occasione della Festa della donna (e anche dopo): scritti da donne e con protagoniste le donne
Libri
CONDIVIDI
Il libro per bambine che vogliono essere eroine
In Storie della buonanotte per bambine ribelli al posto delle principesse ci sono artiste, scrittrici, scienziate e sportive
Paolo e Francesca
Libri
CONDIVIDI
L'intensa e triste storia d'amore tra Paolo e Francesca
La storia d'amore tra due cognati, celebrata da Dante Alighieri nella Divina Commedia
Libri
CONDIVIDI
Chiara Biasi scrive un libro sui difetti
Non i suoi, ma i nostri, per insegnarci a come usarli e farli diventare dei punti di forza: ecco l'annuncio sui social
giornata-della-memoria
Libri
CONDIVIDI
Giorno della memoria: 10 libri ricordano
Il 27 gennaio ricordiamo la Shoah con un libro, che racconta le storie, sempre vere, di chi l'ha vissuta
Libri
CONDIVIDI
Quando il porno era di carta
Gianni Passavini ha scritto un libro sulla storia del giornale più hot, Le Ore e ci racconta la pornografia del secolo scorso
Libri
CONDIVIDI
Gli youtuber alla conquista delle librerie
Dal video alla carta: ecco chi sono, e quanto vendono, i nuovi fenomeni editoriali che piacciono alla generazione Z