Veronica Roth, la creatrice di Divergent in tour in Italia, ha bloccato il traffico

Una folla di ragazzine si è messa in coda a Milano per farsi fare un autografo dall'autrice della celebre saga distopica: ecco che cosa ci ha raccontato 

Più Popolare

Veronica Roth ha solo 27 anni ma è già una star. L'autrice della saga Divergent, Insurgent, Allegiant e Four (usciti per De Agostini) ha creato un ingorgo a Milano, quando si è fermata in una libreria del centro, per autografare le copie dei suoi libri. Il successo, del resto, era scontato. L'autrice ha venduto 36 milioni di copie in tutto il mondo e 500 mila in Italia. Dai primi tre volumi della saga sono stati tratti altrettanti film, campioni di incassi ai botteghini. Noi l'abbiamo intervistata nel corso della sua ultima affollatissima tournée italiana.

Advertisement - Continue Reading Below

Lei ha iniziato a scrivere giovanissima.

È vero. Ho avuto la fortuna di trovare un insegnante al liceo, che mi ha spinto a continuare. Così mi sono iscritta alla NorthWestern University per un corso biennale di scrittura creativa. Eravamo in 15. Ha funzionato!

Più Popolare

Com'è nata l'idea di ambientare il suo primo romanzo in un mondo futuristico?

Al college ho seguito un corso di terapia comportamentale espositiva, una branchia della psicologia che aiuta le persone ad affrontare le proprie paure. Ho pensato di usare quest'esperienza in un contesto fantascientifico.

Lei ha qualche paura particolare?

Le mie fobie sono molto più visive rispetto a quelle dei miei personaggi: soffro di vertigini, non posso salire sulle montagne russe... E mi fermo qui, perché l'elenco sarebbe infinito.

Qual'è la sua scrittrice preferita?

Direi Suzanne Collins, l'autrice di Hunger games.

Cosa pensa dei film che sono stati tratti dai suoi libri?

Vede, quando si scrive una trasposizione cinematografica si deve per forza essere più sintetici rispetto a un libro. Per un autore non è facile accettare i cambiamenti, perché vengono tralasciati dei dettagli importanti. Quando ho venduto i diritti dei libri ne ero perfettamente consapevole, ho cercato di godermi il più possibile questa esperienza, conoscendone in anticipo i limiti. Per cui, anche se continuo a preferire i miei libri ai film, perché sono più completi, sono consapevole che cinema e scrittura sono due linguaggi diversi.

Quanto tempo ha impiegato a scrivere i libri? 


Un anno, compreso l'editing, per ogni libro. Tranne che per Allegiant, che è stato un po' più laborioso.

Lei è molto attiva sui sociale network. Non si sente un po' troppo sotto i riflettori?

Purtroppo sì. I miei lettori mi guardano sui social e scrivono in tempo reale quello che pensano del mio lavoro. Non è una situazione facile da gestire, perché noi scrittori siamo tutti un po' sociopatici e per me è strano pensare che scrivere su snapchat faccia parte del mio lavoro. Ma ho capito che è importante e lo faccio.

Come si è sentita quando ha finito la saga?

Non è stato facile, a un certo punto mi sono bloccata, non riuscivo più ad andare avanti. Così ho ripreso tutto in mano e adesso sono contentissima del finale che ho scritto.

Dove scrive?

Ovunque. In ufficio, in cucina, persino sul tapis roulant!

More from Gioia!:
Film
CONDIVIDI
Tutti i remake e reboot che vedremo al cinema
Eroine coraggiose, storie d'amore e commedie: il cinema attinge dal passato riproponendoci personaggi immortali
Le 10 serie tv americane che sbancheranno anche in Italia
TV
CONDIVIDI
Le serie tv USA che ameremo anche in Italia
Le novità seriali più interessanti annunciate per l'autunno in America e che (statene certi) arriveranno anche da noi
master of none
TV
CONDIVIDI
Che tenerezza l'Italia naif di Master of none
La serie di Netflix riporta il nostro Paese agli anni '50: mancano solo la pizza e il mandolino
Libri
CONDIVIDI
4 libri che ti danno una mano a educare tuo figlio
Le dritte in 4 libretti super pratici, scritti per aiutare i genitori alle prese con i primi problemi dei bambini dell'asilo
L'amant double di François Ozon
Film
CONDIVIDI
Diario da Cannes, scatta il toto Palma d'oro
Con la proiezione degli ultimi due film sulla Croisette si chiude il concorso, è il momento delle scommesse: ecco i probabili vincitori
TV
CONDIVIDI
Le ricette a tema per guardare Twin Peaks 3
Una scusa per invitare gli amici a casa: serata noir con tanto di cena a tema
Libri
CONDIVIDI
I VERI libri rivelazione del momento, tutti scritti da donne
Sono romanzi, thriller, noir e storie d'amore, libri scritti da 8 donne che sono diventati veri bestseller in libreria
TV
CONDIVIDI
Perché Brad Pitt è tornato e ora è un uomo nuovo
Il più figo di sempre ha espiato le sue colpe: alcol, droghe, autorità genitoriale. E la guerra la fa solo per finta (in un film su Netflix)
Kyle MacLachlan nella terza stagione di Twin Peaks
Film
CONDIVIDI
Il diario dell'ottava giornata di Cannes
Due film in concorso che non lasciano il segno e l'anteprima di Twin Peaks che hanno già visto tutti: oggi Cannes ci riserva ben poche...
Musica
CONDIVIDI
Carlà, che peccato la tua nuova musica senza creatività
Un disco di sole cover e poche idee il nuovo lavoro di Carla Bruni in versione cantante, che riparte da Enjoy The Silence