Veronica Roth, la creatrice di Divergent in tour in Italia, ha bloccato il traffico

Una folla di ragazzine si è messa in coda a Milano per farsi fare un autografo dall'autrice della celebre saga distopica: ecco che cosa ci ha raccontato 

Più Popolare

Veronica Roth ha solo 27 anni ma è già una star. L'autrice della saga Divergent, Insurgent, Allegiant e Four (usciti per De Agostini) ha creato un ingorgo a Milano, quando si è fermata in una libreria del centro, per autografare le copie dei suoi libri. Il successo, del resto, era scontato. L'autrice ha venduto 36 milioni di copie in tutto il mondo e 500 mila in Italia. Dai primi tre volumi della saga sono stati tratti altrettanti film, campioni di incassi ai botteghini. Noi l'abbiamo intervistata nel corso della sua ultima affollatissima tournée italiana.

Advertisement - Continue Reading Below

Lei ha iniziato a scrivere giovanissima.

È vero. Ho avuto la fortuna di trovare un insegnante al liceo, che mi ha spinto a continuare. Così mi sono iscritta alla NorthWestern University per un corso biennale di scrittura creativa. Eravamo in 15. Ha funzionato!

Più Popolare

Com'è nata l'idea di ambientare il suo primo romanzo in un mondo futuristico?

Al college ho seguito un corso di terapia comportamentale espositiva, una branchia della psicologia che aiuta le persone ad affrontare le proprie paure. Ho pensato di usare quest'esperienza in un contesto fantascientifico.

Lei ha qualche paura particolare?

Le mie fobie sono molto più visive rispetto a quelle dei miei personaggi: soffro di vertigini, non posso salire sulle montagne russe... E mi fermo qui, perché l'elenco sarebbe infinito.

Qual'è la sua scrittrice preferita?

Direi Suzanne Collins, l'autrice di Hunger games.

Cosa pensa dei film che sono stati tratti dai suoi libri?

Vede, quando si scrive una trasposizione cinematografica si deve per forza essere più sintetici rispetto a un libro. Per un autore non è facile accettare i cambiamenti, perché vengono tralasciati dei dettagli importanti. Quando ho venduto i diritti dei libri ne ero perfettamente consapevole, ho cercato di godermi il più possibile questa esperienza, conoscendone in anticipo i limiti. Per cui, anche se continuo a preferire i miei libri ai film, perché sono più completi, sono consapevole che cinema e scrittura sono due linguaggi diversi.

Quanto tempo ha impiegato a scrivere i libri? 


Un anno, compreso l'editing, per ogni libro. Tranne che per Allegiant, che è stato un po' più laborioso.

Lei è molto attiva sui sociale network. Non si sente un po' troppo sotto i riflettori?

Purtroppo sì. I miei lettori mi guardano sui social e scrivono in tempo reale quello che pensano del mio lavoro. Non è una situazione facile da gestire, perché noi scrittori siamo tutti un po' sociopatici e per me è strano pensare che scrivere su snapchat faccia parte del mio lavoro. Ma ho capito che è importante e lo faccio.

Come si è sentita quando ha finito la saga?

Non è stato facile, a un certo punto mi sono bloccata, non riuscivo più ad andare avanti. Così ho ripreso tutto in mano e adesso sono contentissima del finale che ho scritto.

Dove scrive?

Ovunque. In ufficio, in cucina, persino sul tapis roulant!

More from Gioia!:
TV
CONDIVIDI
Rivoluzione nel cast di Don Matteo 11.Terence Hill sarà circondato da donne, e adesso?
Ben quattro dei nuovi personaggi sono donne: ma com'è rappresentato l'universo femminile nella fiction di Raiuno?
TV
CONDIVIDI
Torna Luca Zingaretti, Montalbano dal 1999, "ma ora il commissario parla d'amore"
Torna il poliziotto più celebre della televisione italiana, in una veste tutta nuova: ce ne parla l'attore che da sempre gli presta il volto
Sanremo 2018 conduttori
TV
CONDIVIDI
Ancora chiacchiere da dopo-festival di Sanremo 2018 su vincitori & vinti
Cronaca dal backstage del Sanremo più acclamato di sempre, dove tutti i cantanti sono felici di dire "io c'ero"
Musica
CONDIVIDI
Bruce Springsteen a Broadway: cronaca sentimentale di due ore indimenticabili
A Broadway con Mister Born to Run: più che un concerto, un ritorno a casa
Nuove serie tv 911 Foxlife
TV
CONDIVIDI
9-1-1 è la serie TV più bella di Grey's Anatomy e persino di ER
9-1-1 è tra le nuove serie tv più viste in America e Ryan Murphy, sceneggiatore e regista, è una delle tante certezze per cui non dovresti...
Libri
CONDIVIDI
8 libri di autori giovanissimi che parlano di giovanissimi dedicati ai giovanissimi (e non solo)
Raccontano di bambini e adolescenti, piccoli eroi del presente o vittime dei tempi bui della guerra e di amori mai dimenticati
Musica
CONDIVIDI
Eva Pevarello porta a Sanremo 2018 testa rasata, tatuaggi (molti) e Manuel Agnelli?
La pupilla di Manuel Agnelli è tra le Nuove Proposte della 68esima edizione del Festival e c'è chi giura che questa volta potrebbe andare...
Serie tv da vedere 2018
TV
CONDIVIDI
Divano, popcorn e le serie tv imperdibili da vedere durante tutto il 2018
I titoli più nuovi e interessanti che magari vi siete persi fra un binge watching e l'altro, da recuperare asap
TV
CONDIVIDI
Dalla miniserie su Fabrizio De Andrè al ritorno di Montalbano: 16 serie tv da non perdere a febbraio
Febbraio straripa di serie tv, comprese quelle italiane: sul piatto, la tripletta Il cacciatore, Principe Libero e Montalbano. Serve dire...
TV
CONDIVIDI
Da Sanremo a Selvaggia Lucarelli: guida tv ai programmi in onda a febbraio
Non sono tantissime (causa Sanremo), ma comunque ghiotte: da Chef Rubio e Selvaggia Lucarelli fino alle Olimpiadi invernali, ecco cosa ci...