Veronica Roth, la creatrice di Divergent in tour in Italia, ha bloccato il traffico

Una folla di ragazzine si è messa in coda a Milano per farsi fare un autografo dall'autrice della celebre saga distopica: ecco che cosa ci ha raccontato 

Più Popolare

Veronica Roth ha solo 27 anni ma è già una star. L'autrice della saga Divergent, Insurgent, Allegiant e Four (usciti per De Agostini) ha creato un ingorgo a Milano, quando si è fermata in una libreria del centro, per autografare le copie dei suoi libri. Il successo, del resto, era scontato. L'autrice ha venduto 36 milioni di copie in tutto il mondo e 500 mila in Italia. Dai primi tre volumi della saga sono stati tratti altrettanti film, campioni di incassi ai botteghini. Noi l'abbiamo intervistata nel corso della sua ultima affollatissima tournée italiana.

Advertisement - Continue Reading Below

Lei ha iniziato a scrivere giovanissima.

È vero. Ho avuto la fortuna di trovare un insegnante al liceo, che mi ha spinto a continuare. Così mi sono iscritta alla NorthWestern University per un corso biennale di scrittura creativa. Eravamo in 15. Ha funzionato!

Più Popolare

Com'è nata l'idea di ambientare il suo primo romanzo in un mondo futuristico?

Al college ho seguito un corso di terapia comportamentale espositiva, una branchia della psicologia che aiuta le persone ad affrontare le proprie paure. Ho pensato di usare quest'esperienza in un contesto fantascientifico.

Lei ha qualche paura particolare?

Le mie fobie sono molto più visive rispetto a quelle dei miei personaggi: soffro di vertigini, non posso salire sulle montagne russe... E mi fermo qui, perché l'elenco sarebbe infinito.

Qual'è la sua scrittrice preferita?

Direi Suzanne Collins, l'autrice di Hunger games.

Cosa pensa dei film che sono stati tratti dai suoi libri?

Vede, quando si scrive una trasposizione cinematografica si deve per forza essere più sintetici rispetto a un libro. Per un autore non è facile accettare i cambiamenti, perché vengono tralasciati dei dettagli importanti. Quando ho venduto i diritti dei libri ne ero perfettamente consapevole, ho cercato di godermi il più possibile questa esperienza, conoscendone in anticipo i limiti. Per cui, anche se continuo a preferire i miei libri ai film, perché sono più completi, sono consapevole che cinema e scrittura sono due linguaggi diversi.

Quanto tempo ha impiegato a scrivere i libri? 


Un anno, compreso l'editing, per ogni libro. Tranne che per Allegiant, che è stato un po' più laborioso.

Lei è molto attiva sui sociale network. Non si sente un po' troppo sotto i riflettori?

Purtroppo sì. I miei lettori mi guardano sui social e scrivono in tempo reale quello che pensano del mio lavoro. Non è una situazione facile da gestire, perché noi scrittori siamo tutti un po' sociopatici e per me è strano pensare che scrivere su snapchat faccia parte del mio lavoro. Ma ho capito che è importante e lo faccio.

Come si è sentita quando ha finito la saga?

Non è stato facile, a un certo punto mi sono bloccata, non riuscivo più ad andare avanti. Così ho ripreso tutto in mano e adesso sono contentissima del finale che ho scritto.

Dove scrive?

Ovunque. In ufficio, in cucina, persino sul tapis roulant!

COSA NE PENSI?

Musica
CONDIVIDI
​Bestival, appuntamento fra 12 mesi
I festival musicali inglesi sono super cool (avete presente Bridget Jones's baby?): noi siamo stati a quello sull'Isola di Wight​ e ne...
TV
CONDIVIDI
Sex and the City torna in tv?
«Nessuna di noi direbbe no alla chiamata dei produttori​»,​ ha spiegato Sarah Jessica Parker​
will & grace: anniversario della serie tv
TV
CONDIVIDI
Will & Grace: la reunion per Hillary
Il cast della serie tv si è ritrovato per sostenere la campagna elettorale di Hillary Clinton con un video: ecco le foto sui social​
Libri
CONDIVIDI
Come sopravvivere all'adolescenza: i consigli di una youtuber
​​Abbiamo intervistato Eleonora Olivieri, che ci ha parlato dei 4 manuali in cui racconta ​ le sue esperienze​
TV
CONDIVIDI
I nostri pollici su e giù per X Factor 10
Scattano i primi battibecchi tra i giudici di X Factor 10, in una seconda puntata di audizioni piuttosto piatta rispetto all'esordio
La ragazza che arriva da Hereford, Inghilterra, torna ad occuparsi di colonne sonore: dopo la hit mondiale Love Me Like You Do, che la fece conoscere al mondo grazie anche al successo del film Fifty Shades of Grey, oggi Ellie Goulding dedica anima e voce al nuovo capitolo delle avventure di Bridget Jones con il brano Still falling for you, in rotazione nelle radio italiane dal 16 settembre e che ci farà salire la voglia di vedere che cosa capiterà in Bridegt Jones's Baby (dal 2 settembre nelle sale italiane) all'eroina nata dalla penna di Helen Fielding e interpretata da Renèe Zellweger.Consigliato a chi: ama le ballate romantiche, che più romantiche non si può.
Musica
CONDIVIDI
10 nuovi album per iniziare bene l'autunno
​Sì, siete tornati in città, e sì, il mare vi manca da morire, ma c'è sempre modo di consolarsi: ascoltando buona musica!
TV
CONDIVIDI
Make up senza segreti grazie ad Alice Venturi
Conosciuta anche come AlicelikeAudrey, è diventata famosa grazie ai suoi tutorial di make up e beauty pubblicati su YouTube​​
TV
CONDIVIDI
Alessandra Mastronardi, la Bridget Jones italiana
Dal 27 settembre, l'ex Cesarona interpreta l'eroina nella fiction Rai ispirata al romanzo (cult) L'allieva, di Alessia Gazzola​
serie tv più belle nell'autunno 2016
TV
CONDIVIDI
Le 10 serie tv più belle dell'autunno
​Hacker transessuali, drammi romantici, famiglie allo sbando, agenti segreti ad alto tasso di seduzione: preparate il divano​
Libri
CONDIVIDI
Jay McInerney e i cinquantenni di Manhattan
La luce dei giorni, il nuovo romanzo dello scrittore americano, conclude la storia dei Calloway: coppia glam di Manhattan arrivata alla...