Perché il discorso di Emma Watson alla premiazione Mtv rimarrà nella storia

Per la prima volta un premio non fa distinzione tra attori e attrici e ingloba i due generi in un'unica categoria: la vincitrice è la protagonista del film La Bella e la Bestia e nelle sue parole di ringraziamento c'è un messaggio importante

Più Popolare

Emma Watson ha fatto letteralmente la storia per l'uguaglianza di genere. Domenica 7 maggio 2017 l'attrice ha vinto il premio per la miglior recitazione senza distinzione di genere (attori e attrici) agli Mtv Movie & Tv Awards, grazie alle sua performance nel film dai molti record La bella e la bestia. Durante il suo discorso Emma ha colto l'occasione per sottolineare l'importanza del premio e il significato nell'essere la prima vincitrice.

Advertisement - Continue Reading Below

Più Popolare

«Il primo premio per la recitazione nella storia che non separa i candidati in base al sesso ci dice qualcosa sulla percezione dell'esperienza umana. La mossa di Mtv significherà qualcosa di diverso per tutti, ma per me significa che la recitazione è la capacità di mettersi nei panni di qualcun altro», ha dichiarato l'impavida Emma.

Emma ha continuato ringraziando le persone che hanno reso possibile la sua interpretazione di Belle e ha espresso la sua gratitudine nell'aver fatto parte di un film così vario e stimolante.

Nella categoria con lei erano candidati: Daniel Kaluuya per Scappa - Get Out , Hailee Steinfeld per 17 anni (e come uscirne vivi), Hugh Jackman per Logan, James McAvoy per Split e Taraji P. Henson per Il diritto di contare. Chissà se gli Emmy seguiranno l'esempio di Mtv, soprattutto dopo la richiesta della genderqueer Asia Kate Dillon.

Da: HarpersBazaarUK
More from Gioia!:
richard-gere-incredibile-vita-di-norman-posato
Film
CONDIVIDI
Caro Richard Gere, restituiscici il nostro gentiluomo
Intendiamoci: ne L'incredibile vita di Norman la sua interpretazione è da manuale. Anzi, da Oscar. Ma noi rivogliamo il nostro Gere...
Cara Delevingne in una scena del film «Valerian e la città dei mille pianeti»
Film
CONDIVIDI
6 film tratti da libri da vedere in autunno
Dal futuro con Cara Delevingne al passato con Judi Dench di nuovo nel ruolo della regina Vittoria, alcuni film tratti da libri che...
Film
CONDIVIDI
5 film imperdibili se anche tu sei una gattara doc
Dal più classico Colazione da Tiffany al più recente A spasso con Bob, tutti i film da guardare accoccolata al tuo micio
Venezia 74, tutti i vincitori
Film
CONDIVIDI
Tutti i vincitori di Venezia 74
Chi ha vinto il Festival di Venezia 2017? Il Leone d'oro è andato a The Shape of Water di Guillermo del Toro ma scopriamo tutti i premi
film-autunno-2017-assassinio-sull-oriente-express-Jhonny-Deep
Film
CONDIVIDI
Arriva l'autunno ed è subito voglia di cinema: i film imperdibili della stagione 2017/2018
Dal ritorno di Blade Runner alla scommessa Downsizing, passando per la chicca british Morto tra una settimana o ti ridiamo i soldi, tutti i...
Valeria Golino in Il colore nascosto delle cose
Film
CONDIVIDI
Perché vedere Il colore nascosto delle cose ti aprirà gli occhi sul nostro presente
Il nuovo film di Silvio Soldini non è solo una storia d'amore, ma anche uno sguardo attento alla nostra società
Film
CONDIVIDI
5 film d'amore anticonvenzionali per iniziare l'autunno con romanticismo
Dall'ultimo Appuntamento al parco all'iconico C'è posta per te, ecco le 5 più emozionanti pellicole che narrano di amori fuori dal comune
Amal Alamuddin e George Clooney prima del red carpet per Suburbicon
Film
CONDIVIDI
Il diario del week end al Festival di Venezia
L'America arrabbiata di George Clooney e i coniugi in fuga da medici e figli di Paolo Virzì, che conquista il Lido, ma non la stampa Usa
Jane Fonda e Robert Redford
Film
CONDIVIDI
Il diario della terza giornata del Festival di Venezia
La scena è tutta per i Leoni d'oro Jane Fonda e Robert Redford, che celebrano 50 anni in bilico tra amicizia e amore (impossibile)
Festival di venezia 2017 Ethan Hawke e Amanda Seyfried
Film
CONDIVIDI
Il diario della seconda giornata di Venezia 74
Clima caldissimo in sala, con un Ethan Hawke superlativo: la temperatura al Festival comincia a scaldarsi