Come mai le registe donne a Hollywood sono sempre di meno?

Nonostante il dibattito sull'uguaglianza di genere, nel 2016 il numero delle donne dietro la macchina da presa è sceso: ma dopo Jodie Foster, con Money Monster, nel 2017 esce The beguiled di Sofia Coppola e altri film con una regia femminile

Più Popolare

Si parla tanto di pari opportunità a Hollywood, ma le cose non sembrano cambiare: nel 2016 è infatti diminuito il numero delle registe donne. Sulle 250 grandi produzioni di Hollywood, le donne dietro la macchina da presa hanno rappresentato solo il 7% del totale: secondo il rapporto del Center for the study of women in television and film si tratta di un decremento del 2% rispetto al 2015. Bisogna tornare indietro fino al 1998 per trovare dati più bassi.

Advertisement - Continue Reading Below

Martha Lauzen, direttrice esecutiva del Centro, ha detto a Variety: «Sono rimasta di sasso: con tutta l'attenzione e le discussioni sull'argomento portate avanti negli ultimi due anni nel mondo del lavoro e dell'industria cinematografica, la presenza femminile non aumenta! Chiaramente, le soluzioni attuali non stanno funzionando».

Lo studio ha evidenziato che le donne condividono la stessa sorte anche dietro le quinte, con il 35% dei film che non hanno alcuna donna nei ruoli di produttrice, produttrice esecutiva, direttrice della fotografia o redattrice. In genere, le donne hanno più probabilità di lavorare nei documentari e nei film drammatici che nei film d'azione e horror.

Più Popolare

Tra i film diretti da donne lo scorso anno figurano Money Monster di Jodie Foster (nella foto d'apertura con gli interpreti, Julia Roberts e George Clooney),Queen of Katwe di Mira Nair, American Honey di Andrea Arnold, il documentario The13th di Ava DuVernay. Il 2015 ha visto Sam Taylor-Wood alla regia di Cinquanta sfumature di grigio ed Elizabeth Bank alla direzione di Pitch Perfect 2: due film che, tra l'altro, sono stati i più grandi successi dell'anno.

Ma forse non tutto è perduto. Nel 2017 vedremo Sofia Coppola dietro la macchina da presa per The Beguiled (con Elle Fanning, Nicole Kidman e Kirsten Dunst), Trish Sie con Pitch Perfect 3 e Wonder Woman di Patty Jenkins.

La regista Sofia Coppola.
Da: HarpersBAZAAR
More from Gioia!:
oscar le curiosità da sapere
Film
CONDIVIDI
10 cose sugli Oscar che forse non sai
Chi riceverà l'ambita statuetta quest'anno? Nell'attesa, scopri le curiosità sugli Academy Awards
Film
CONDIVIDI
Daniel Radcliffe: «I neonazisti? Soli e infelici»
L'ex Harry Potter ha studiato gli estremisti di destra per prepararsi al suo nuovo film e ha scoperto che sono tristissimi
Film
CONDIVIDI
Fan di Love Actually: il sequel è in arrivo!
Il 24 marzo 2017 non prendete impegni: saranno con voi di nuovo i protagonisti del film cult del 2003
Film
CONDIVIDI
10 classici da vedere se hai amato La La Land
I film entrati nella storia di Hollywood e citati più o meno apertamente dal musical che devi vedere o rivedere
Momenti romantici dei film
Film
CONDIVIDI
5 frasi romantiche del cinema per dirsi ti amo
Ci sono parole che riescono a racchiudere tutto un mondo di sentimenti, come quelle di queste scene (in lingua originale!)
Film
CONDIVIDI
8 film per i 48 anni di Jennifer Aniston
Oggi, 11 febbraio, l'attrice compie 48 anni: festeggiamola con una scorpacciata delle sue pellicole migliori
50 sfumature di nero dakota johnson
Film
CONDIVIDI
Il segreto di Dakota Johnson per 50 sfumature
Come ha fatto a superare l'imbarazzo di girare quelle infuocate scene di sesso con Jamie Dornan?
sanremo 2017 marica pellegrinelli
Film
CONDIVIDI
Le curiosità su Sanremo più cercate su Google
Dalle parole più cercate online si scopre che tutti vogliono saperne di più su Marica Pellegrinelli, la moglie di Eros Ramazzotti
Film romantici per San Valentino
Film
CONDIVIDI
10 film romantici per piangere un po'
Con la persona che ami, o anche da sola, per commuoverti senza ritegno: abbassa le luci e mettiti comoda sul divano
Film
CONDIVIDI
James Franco, scapolo a vita
Nella nuova commedia al cinema, Proprio lui?, è un promesso sposo ma nella realtà l'amore non è certo la priorità dell'attore