Come mai le registe donne a Hollywood sono sempre di meno?

Nonostante il dibattito sull'uguaglianza di genere, nel 2016 il numero delle donne dietro la macchina da presa è sceso: ma dopo Jodie Foster, con Money Monster, nel 2017 esce The beguiled di Sofia Coppola e altri film con una regia femminile

Più Popolare

Si parla tanto di pari opportunità a Hollywood, ma le cose non sembrano cambiare: nel 2016 è infatti diminuito il numero delle registe donne. Sulle 250 grandi produzioni di Hollywood, le donne dietro la macchina da presa hanno rappresentato solo il 7% del totale: secondo il rapporto del Center for the study of women in television and film si tratta di un decremento del 2% rispetto al 2015. Bisogna tornare indietro fino al 1998 per trovare dati più bassi.

Advertisement - Continue Reading Below

Martha Lauzen, direttrice esecutiva del Centro, ha detto a Variety: «Sono rimasta di sasso: con tutta l'attenzione e le discussioni sull'argomento portate avanti negli ultimi due anni nel mondo del lavoro e dell'industria cinematografica, la presenza femminile non aumenta! Chiaramente, le soluzioni attuali non stanno funzionando».

Lo studio ha evidenziato che le donne condividono la stessa sorte anche dietro le quinte, con il 35% dei film che non hanno alcuna donna nei ruoli di produttrice, produttrice esecutiva, direttrice della fotografia o redattrice. In genere, le donne hanno più probabilità di lavorare nei documentari e nei film drammatici che nei film d'azione e horror.

Più Popolare

Tra i film diretti da donne lo scorso anno figurano Money Monster di Jodie Foster (nella foto d'apertura con gli interpreti, Julia Roberts e George Clooney),Queen of Katwe di Mira Nair, American Honey di Andrea Arnold, il documentario The13th di Ava DuVernay. Il 2015 ha visto Sam Taylor-Wood alla regia di Cinquanta sfumature di grigio ed Elizabeth Bank alla direzione di Pitch Perfect 2: due film che, tra l'altro, sono stati i più grandi successi dell'anno.

Ma forse non tutto è perduto. Nel 2017 vedremo Sofia Coppola dietro la macchina da presa per The Beguiled (con Elle Fanning, Nicole Kidman e Kirsten Dunst), Trish Sie con Pitch Perfect 3 e Wonder Woman di Patty Jenkins.

La regista Sofia Coppola.
Da: HarpersBAZAAR
More from Gioia!:
Film
CONDIVIDI
La storia di Cannes in 48 foto memorabili
I vestiti più belli, le nudità e gli scandali: tutto quello che ha reso il festival indimenticabile, in attesa dell'edizione n. 70
Film
CONDIVIDI
Cara ritoccata in Suicide Squad: era necessario?
Un video mostra gli effetti speciali utilizzati sul corpo dell'attrice: non solo tatuaggi, ma anche un punto vita più sottile
Film
CONDIVIDI
Il trailer del remake di Dirty Dancing è qui
La nuova versione di uno dei musical più amati di sempre verrà trasmessa dalla Abc il 24 maggio 2017
Harry e  William visitano il set di Star Wars Gli ultimi Jedi - aprile 2016
Film
CONDIVIDI
William e Harry saranno nel cast di Star Wars?
I due principi potrebbero avere un cameo nell'ultimo episodio della saga, Gli ultimi Jedi, al cinema a dicembre
Film
CONDIVIDI
Come mai Keira Knightley torna tra i Pirati?
Il trailer ne è la prova: l'attrice riprende il ruolo di Elizabeth Swann nella saga dei Pirati dei Carabi, al cinema dal 24 maggio
Film
CONDIVIDI
Girl power: il cinema sta esagerando?
Nei film troviamo come protagoniste delle eroine molto toste: attenzione però a non diventare troppo uguali agli uomini
Toni Servillo e Silvio Berlusconi
Film
CONDIVIDI
Ce lo vedi Servillo nel ruolo di Berlusconi?
L'attore napoletano interpreterà l'ex presidente del Consiglio in Loro, il prossimo film di Paolo Sorrentino
Film
CONDIVIDI
22 attori under 30 che sono belli & bravi
Bravi e di carisma, dimostreranno il loro talento in film drammatici, horror o di supereroi: siete pronte a conoscerli?
Film
CONDIVIDI
Chris Pratt, un cameriere a Hollywood
Protagonista del film Guardiani della galassia Vol 2. al cinema dal 25 aprile 2017, l'attore americano ci racconta la sua storia
Film
CONDIVIDI
Louis Garrel: «Il cuore non basta»
Non una parola sulle sue storie sentimentali, ma una certezza maturata nella vita e sul set: «Per amarsi bisogna lavorare sodo»