Johnny Depp modifica il tatuaggio dedicato all'ex Amber Heard

​L'attore ha cambiato il tattoo che ha sulle falangi: la scritta Slim, il nomignolo affettuoso della sua ex, Amber Heard, è diventato un dispregiativo volgare, Scum​, cioè canaglia, feccia! 

Più Popolare

23 anni dopo Johnny Depp lo ha fatto di nuovo: ha modificato il tatuaggio dedicato a un ex amore. E se la prima volta dall'ultra romantico messaggio d'eterno amore «Winona Forever» dedicato alla fidanzata di allora Winona Ryder era passato, finito l'idillio, a un ben più disincantato «Wino Forever», oggi la modifica è tutta per la neo ex moglie Amber Heard

Advertisement - Continue Reading Below

 Alla bionda attrice con cui è stato sposato poco più di un anno, Johnny, che o è affetto da cronica incapacità di imparare dai propri errori o è uno che ci crede davvero al «questa volta è per sempre» (per almeno 15 minuti, il tempo di tatuare le falangi della mano), aveva dedicato la scritta Slim, ovvero «secca», ovvero il soprannome di Heard, a dire il vero non proprio all'altezza della sua suprema figaggine. 

Più Popolare

Ebbene, oggi che la coppia sta attraversando uno dei divorzi più taglienti degli ultimi tempi, quando, al contrario, a Hollywood tutti si lasciano volendosi un gran bene, Johnny ha sfoggiato durante l'ultimo concerto della sua rock band, gli Hollywood Vampires, la scritta modificata «Scum», che significa «canaglia» o «feccia», in senso figurato. 

Non tira, dunque, aria di distensione tra i due attori conosciutisi sul set del film The rum diary. Piove sul bagnato, insomma, per la 30enne Heard, che sta vivendo un momentaccio: secondo il sito di gossip americano TMZ, infatti, l'attrice, particolarmente dimagrita dalla rottura con Depp in poi, potrebbe perdere il ruolo di Mera nel blockbuster dedicato alla Justice league. 

More from Gioia!:
Cara Delevingne in una scena del film «Valerian e la città dei mille pianeti»
Film
CONDIVIDI
6 film tratti da libri da vedere in autunno
Dal futuro con Cara Delevingne al passato con Judi Dench di nuovo nel ruolo della regina Vittoria, alcuni film tratti da libri che...
Film
CONDIVIDI
5 film imperdibili se anche tu sei una gattara doc
Dal più classico Colazione da Tiffany al più recente A spasso con Bob, tutti i film da guardare accoccolata al tuo micio
Venezia 74, tutti i vincitori
Film
CONDIVIDI
Tutti i vincitori di Venezia 74
Chi ha vinto il Festival di Venezia 2017? Il Leone d'oro è andato a The Shape of Water di Guillermo del Toro ma scopriamo tutti i premi
film-autunno-2017-assassinio-sull-oriente-express-Jhonny-Deep
Film
CONDIVIDI
Arriva l'autunno ed è subito voglia di cinema: i film imperdibili della stagione 2017/2018
Dal ritorno di Blade Runner alla scommessa Downsizing, passando per la chicca british Morto tra una settimana o ti ridiamo i soldi, tutti i...
Valeria Golino in Il colore nascosto delle cose
Film
CONDIVIDI
Perché vedere Il colore nascosto delle cose ti aprirà gli occhi sul nostro presente
Il nuovo film di Silvio Soldini non è solo una storia d'amore, ma anche uno sguardo attento alla nostra società
Amal Alamuddin e George Clooney prima del red carpet per Suburbicon
Film
CONDIVIDI
Il diario del week end al Festival di Venezia
L'America arrabbiata di George Clooney e i coniugi in fuga da medici e figli di Paolo Virzì, che conquista il Lido, ma non la stampa Usa
Jane Fonda e Robert Redford
Film
CONDIVIDI
Il diario della terza giornata del Festival di Venezia
La scena è tutta per i Leoni d'oro Jane Fonda e Robert Redford, che celebrano 50 anni in bilico tra amicizia e amore (impossibile)
Festival di venezia 2017 Ethan Hawke e Amanda Seyfried
Film
CONDIVIDI
Il diario della seconda giornata di Venezia 74
Clima caldissimo in sala, con un Ethan Hawke superlativo: la temperatura al Festival comincia a scaldarsi
Film
CONDIVIDI
Il diario della prima giornata del Festival di Venezia
La 74ma edizione della Mostra del cinema è partita, con lo sbarco delle prime star e il film d'apertura Downsizing con Matt Damon
Festival del cinema di Venezia 2017: film più attesi
Film
CONDIVIDI
Tutti i film più attesi al Festival di Venezia
Le pellicole della 74esima Mostra del cinema di cui tutti parlano già ora sono soprattutto made in Usa, ma non solo