Charlize Theron: una donna da maneggiare con cura

Charlize Theron, da Mad Max all'ultimo film Atomica bionda, è ormai specializzata in ruoli da virago, e, anche nella vita, non è consigliabile metterla all'angolo

Più Popolare

Charlize Theron si gira all'improvviso su un fianco, scoprendo per un istante le gambe lunghissime sotto alla minigonna di pelle lucida, bianca. Uno starnuto. «Scusate», spiega ai giornalisti, «sono allergica». Neanche un minuto dopo, ecco un secondo starnuto. «Oh!», fa lei, testa reclinata sul collo e sguardo a disintegrare il cronista che insiste a chiederle dettagli sulla scena lesbo nel film. «Sai a cosa sono allergica? Sono allergica a te».

Charlize Theron alla presentazione di Atomica bionda a Berlino
Advertisement - Continue Reading Below

Non è poi così strano, in fondo, che Theron abbia preteso di diritto, e con due soli film - Mad Max. Fury Road di George Miller, ora Atomica bionda di David Leitch, presentato in anteprima l'11 agosto nella Piazza Grande al Festival di Locarno e dal 17 agosto al cinema - lo spazio che nell'immaginario collettivo era occupato fino a ieri dal cine-testosterone di gente come Bruce Willis, Vin Diesel, Jackie Chan. Tutto in lei, dalla sicurezza con cui amministra il corpo (i muscoli scolpiti per la parte dell'agente segreto in Atomica bionda, la magrezza "brutale" esibita in Tully di Jason Reitman, atteso per il 2018, alle sigarette fumate a catena, al lobo destro trafitto da una decina di piccoli brillantini), parla di una donna che non è facile, né consigliabile, mettere all'angolo. Una donna che non ha paura di dire quello che pensa – che si tratti di gender gap o Donald Trump – né di farlo di fronte a chi, in teoria, potrebbe giudicarla. «Ma che diavolo di problemi avete, voi uomini, con il sesso fra donne? È sesso, mica un omicidio», ringhia al malcapitato giornalista. «Fatevi una vita».

Più Popolare

È il secondo ruolo d'azione in due anni. Ci ha preso gusto?

Ho assaggiato l'azione estrema in Mad Max e devo dire che mi è piaciuta, quindi l'ho rifatto volentieri. Il mio passato da ballerina torna sempre molto utile in questo genere di film così fisici, in cui il dialogo è meno importante del linguaggio del corpo. E poi Atomica bionda non è un film all'americana, in cui l'azione è fine a se stessa: qui siamo più nell'area della vecchia scuola della tradizione di Hong Kong, con l'azione al centro della storia.

Charlize Theron nella locandina originale di Atomica Bionda

Come si è allenata?

Avevo un trainer cui devo moltissimo. A cominciare dal fatto di avermi costretta ad allenarmi. Per il resto sapevo a che cosa stavo andando incontro: ovvero un film in cui sarei stata picchiata per la maggior parte del tempo. Ho cercato di essere la più autentica possibile, anche se in vita mia, per fortuna, non ho mai avuto addosso cicatrici del genere.

Charlize Theron in Atomica Bionda
Advertisement - Continue Reading Below

Infatti. Vederla così è disturbante: ne è uscita con costole incrinate, un ginocchio compromesso e denti scheggiati.

Lo capisco, ma anche questo è un tassello dell'empowerment femminile. Nei film d'azione le protagoniste donne, quando ci sono, non subiscono lo stesso trattamento degli uomini. Sanguinano di meno, hanno meno segni sul corpo. E questo perché? Solo perché il pubblico si sente a disagio. Allora dico: infrangiamo il tabù, ribaltiamo il cliché. Se interpreto un agente segreto che rischia la vita a quei livelli, devo accettare che possa ferire e a sua volta essere ferita. Ogni calcio, pugno, colpo incassato deve riflettersi sul suo aspetto. Non è un film in cui si abusa del corpo di una donna: è una storia di superspie.

Le piacerebbe un James Bond al femminile?

Sarebbe bello, magari lo facessero! Però sinceramente il termine "al femminile" non mi convince. Preferisco pensare a film di genere non definiti in base al sesso del protagonista. Film aperti a personaggi di entrambi i sessi, come Atomica bionda. Altrimenti si rischia di trasformare le protagoniste in cliché ambulanti.

Il gender gap nei salari tra attori e attrici è ancora una sua battaglia?

Ma certo. Ne ho parlato tanto e sono fortunata ad aver incontrato produzioni in grado di comprendere il problema. Il punto però non è se io mi senta trattata alla pari dei colleghi maschi, perché io ho raggiunto una posizione diciamo pure privilegiata. Ma la maggior parte delle mie colleghe no. Così come tutte le donne che lavorano in industrie diverse da quella del cinema.

Lo farebbe un sequel di Atomica bionda?

Assolutamente sì. Questo film è un po' come un figlio per me. Gli sto dietro da sette anni, cioè da quando vidi per la prima volta la graphic novel da cui è tratto. Non ti impegni su un progetto per così tanto tempo se non ci credi da morire. È un pezzo di me, l'abbiamo fatto con un budget di trenta milioni di dollari e quasi non sono bastati.

Il film è ambientato nella Berlino del Muro. Lei dov'era quando cadde?

Ero ancora in Sudafrica. A casa si parlò molto dell'evento. Ricordo le fotografie della gente che festeggiava. Del resto vivevamo in un Paese che era a sua volta diviso, tra bianchi e neri, e per noi il tema della separazione era inevitabilmente caldo.

Charlize Theron nell'ultima campagna J'Adore

Ricorda quando Mandela fu liberato?

Fu un grande passo. Un momento storico importante, ma impensabile senza il processo sotterraneo che lo ha innescato.

Oggi si parla di altri muri.

C'è un presidente che vuole alzare un muro in California per escludere anche dalla vista il Messico… direi che il topic della separazione è sempre presente nelle nostre vite.

Senta, a proposito di quella scena di sesso omosessuale nel film…

Nella graphic novel da cui il film è tratto il mio personaggio sta con un uomo, nel film con una donna. Ci sembrava funzionasse meglio, punto. Devo aggiungere altro?

More from Gioia!:
richard-gere-incredibile-vita-di-norman-posato
Film
CONDIVIDI
Caro Richard Gere, restituiscici il nostro gentiluomo
Intendiamoci: ne L'incredibile vita di Norman la sua interpretazione è da manuale. Anzi, da Oscar. Ma noi rivogliamo il nostro Gere...
Cara Delevingne in una scena del film «Valerian e la città dei mille pianeti»
Film
CONDIVIDI
6 film tratti da libri da vedere in autunno
Dal futuro con Cara Delevingne al passato con Judi Dench di nuovo nel ruolo della regina Vittoria, alcuni film tratti da libri che...
Film
CONDIVIDI
5 film imperdibili se anche tu sei una gattara doc
Dal più classico Colazione da Tiffany al più recente A spasso con Bob, tutti i film da guardare accoccolata al tuo micio
Venezia 74, tutti i vincitori
Film
CONDIVIDI
Tutti i vincitori di Venezia 74
Chi ha vinto il Festival di Venezia 2017? Il Leone d'oro è andato a The Shape of Water di Guillermo del Toro ma scopriamo tutti i premi
film-autunno-2017-assassinio-sull-oriente-express-Jhonny-Deep
Film
CONDIVIDI
Arriva l'autunno ed è subito voglia di cinema: i film imperdibili della stagione 2017/2018
Dal ritorno di Blade Runner alla scommessa Downsizing, passando per la chicca british Morto tra una settimana o ti ridiamo i soldi, tutti i...
Valeria Golino in Il colore nascosto delle cose
Film
CONDIVIDI
Perché vedere Il colore nascosto delle cose ti aprirà gli occhi sul nostro presente
Il nuovo film di Silvio Soldini non è solo una storia d'amore, ma anche uno sguardo attento alla nostra società
Film
CONDIVIDI
5 film d'amore anticonvenzionali per iniziare l'autunno con romanticismo
Dall'ultimo Appuntamento al parco all'iconico C'è posta per te, ecco le 5 più emozionanti pellicole che narrano di amori fuori dal comune
Amal Alamuddin e George Clooney prima del red carpet per Suburbicon
Film
CONDIVIDI
Il diario del week end al Festival di Venezia
L'America arrabbiata di George Clooney e i coniugi in fuga da medici e figli di Paolo Virzì, che conquista il Lido, ma non la stampa Usa
Jane Fonda e Robert Redford
Film
CONDIVIDI
Il diario della terza giornata del Festival di Venezia
La scena è tutta per i Leoni d'oro Jane Fonda e Robert Redford, che celebrano 50 anni in bilico tra amicizia e amore (impossibile)
Festival di venezia 2017 Ethan Hawke e Amanda Seyfried
Film
CONDIVIDI
Il diario della seconda giornata di Venezia 74
Clima caldissimo in sala, con un Ethan Hawke superlativo: la temperatura al Festival comincia a scaldarsi