Rocio Munoz Morales: «Non voglio più nascondere di essere bella»

Perché crucciarsi per la propria avvenenza? Rocio Munoz Morales ha smesso di farlo e, già che c'era, si è regalata un cinepanettone: Natale da Chef, a dicembre 2017 nelle sale

Più Popolare

C'è chi è bella e non sa di esserlo. Chi, dall'alto dei suoi premi conquistati a Miss Italia, Miss Universo o Sventolona dell'anno, giura di non aver mai puntato sulla propria avvenenza (come no...). E chi, come Rocio Munoz Morales, ha invece semplicemente deciso di esserne, serenamente, consapevole. Senza drammi. Per riuscirci c'è voluto un po', come racconta la stessa attrice a margine delle Giornate Cinè di Riccione (4 -7 luglio 2017): l'immagine della bellona venuta dalla Spagna le è sempre stata stretta. Poi, però, la compagna di Raoul Bova ha capito che non sarebbe stato giusto rinunciare a quella che, a tutti gli effetti, fa parte di lei: la propria fisicità. Così si è regalata un cinepanettone con Massimo Boldi: Natale da chef, a dicembre 2017 nelle sale italiane, distribuito da Medusa.

Advertisement - Continue Reading Below

Perché proprio un cinepanettone?

La mia è stata una scelta di istinto. Ero reduce da un periodo molto impegnativo, al teatro e al cinema, dove avevo interpretato ruoli che mi avevano smosso interiormente. Avevo quindi voglia di leggerezza: di ridere e sorridere ma in un modo pulito. Quando ho letto il copione del film di Neri Parenti, ho capito subito che faceva al caso mio.

Nei cinepanettoni spesso le figure femminili sono donne - oggetto. Non teme che, essendo lei una donna molto avvenente, questo ruolo finisca per mettere l'accento solo sulla sua bellezza, a discapito delle altre qualità?

C'è stato un momento in cui ho lottato per negare la mia fisicità: prediligevo i ruoli dove l'aspetto fisico fosse secondario o, addirittura, mi imbruttivo di proposito. Poi però mi sono chiesta: perché devo rinunciare a qualcosa che comunque mi appartiene, ossia alla mia fisicità? Fa parte di me! Inoltre il ruolo che interpreto in Natale da Chef è interessante: sono una donna molto umile, che lavora per permettere alla propria famiglia di arrivare a fine mese.

Rocio Munoz Morales con Dario Bandiera alla presentazione di Natale da Chef.
Più Popolare

Sfatiamo un mito: la bellezza agevola le attrici o chi ha fascino deve lavorare il doppio per affermare il proprio talento?

Sicuramente bisogna faticare molto. Quando sono arrivata dalla Spagna in Italia ero la bellona, e basta. Ho dovuto combattere molto ma sono riuscita a fare teatro e a dimostrare il mio talento.

Online il web non sembra aspettare altro che le nozze tra lei e Raoul Bova. Come gestisce tutta questa pressione?

All'inizio l'ho sofferta molto ma la vita reale è, per fortuna, un'altra: sono una mamma e una donna normale, che mette il pigiama con le pecorelle e che ama ancora andare a ballare con le amiche. Per me, la sconfitta più grande sarebbe rinunciare a questa mia normalità per colpa del gossip… Mi comporto e ragiono esattamente come la Rocio 18enne che usciva dalla casa dei suoi genitori. E se questo vuol dire farsi fotografare in tuta o struccata mentre sono al supermercato, pazienza! Non è certo un crimine.

Oltre a Natale da chef, quali sono i suoi prossimi impegni?

Ho appena finito di girare il film con Rocco Papaleo Tu mi nascondi qualcosa, opera prima di Giuseppe Loconsole. Uscirà nelle sale nel 2018. Interpreto una mamma tunisina che vive la poligamia con molta serenità. Dopodiché, una volta terminate le riprese di Natale da chef, continuerò con il teatro: è stata un'esperienza bellissima, che mi ha creato dipendenza.

Cosa ha il teatro che invece manca al cinema e alla tv?

Sono mondi diversi ma a teatro puoi sentire il respiro delle persone che ti guardano: è un'emozione impagabile! Il prossimo spettacolo sarà meno impegnativo rispetto al precedente, dove abbiamo affrontato il delicato tema del terremoto. Ora mi cimenterò con la commedia.

Se le dovessero riproporre Sanremo?

Come poteri dire di no? È stata un'esperienza talmente bella e positiva che ci tornerei. Però le confesso che immagino Sanremo con Carlo Conti: su quel palco, era lui la mia certezza...

Rocio Munoz Morales alle Giornate Cinè di Riccione.
More from Gioia!:
Cara Delevingne in una scena del film «Valerian e la città dei mille pianeti»
Film
CONDIVIDI
6 film tratti da libri da vedere in autunno
Dal futuro con Cara Delevingne al passato con Judi Dench di nuovo nel ruolo della regina Vittoria, alcuni film tratti da libri che...
Film
CONDIVIDI
5 film imperdibili se anche tu sei una gattara doc
Dal più classico Colazione da Tiffany al più recente A spasso con Bob, tutti i film da guardare accoccolata al tuo micio
Venezia 74, tutti i vincitori
Film
CONDIVIDI
Tutti i vincitori di Venezia 74
Chi ha vinto il Festival di Venezia 2017? Il Leone d'oro è andato a The Shape of Water di Guillermo del Toro ma scopriamo tutti i premi
film-autunno-2017-assassinio-sull-oriente-express-Jhonny-Deep
Film
CONDIVIDI
Arriva l'autunno ed è subito voglia di cinema: i film imperdibili della stagione 2017/2018
Dal ritorno di Blade Runner alla scommessa Downsizing, passando per la chicca british Morto tra una settimana o ti ridiamo i soldi, tutti i...
Valeria Golino in Il colore nascosto delle cose
Film
CONDIVIDI
Perché vedere Il colore nascosto delle cose ti aprirà gli occhi sul nostro presente
Il nuovo film di Silvio Soldini non è solo una storia d'amore, ma anche uno sguardo attento alla nostra società
Film
CONDIVIDI
5 film d'amore anticonvenzionali per iniziare l'autunno con romanticismo
Dall'ultimo Appuntamento al parco all'iconico C'è posta per te, ecco le 5 più emozionanti pellicole che narrano di amori fuori dal comune
Amal Alamuddin e George Clooney prima del red carpet per Suburbicon
Film
CONDIVIDI
Il diario del week end al Festival di Venezia
L'America arrabbiata di George Clooney e i coniugi in fuga da medici e figli di Paolo Virzì, che conquista il Lido, ma non la stampa Usa
Jane Fonda e Robert Redford
Film
CONDIVIDI
Il diario della terza giornata del Festival di Venezia
La scena è tutta per i Leoni d'oro Jane Fonda e Robert Redford, che celebrano 50 anni in bilico tra amicizia e amore (impossibile)
Festival di venezia 2017 Ethan Hawke e Amanda Seyfried
Film
CONDIVIDI
Il diario della seconda giornata di Venezia 74
Clima caldissimo in sala, con un Ethan Hawke superlativo: la temperatura al Festival comincia a scaldarsi
Film
CONDIVIDI
Il diario della prima giornata del Festival di Venezia
La 74ma edizione della Mostra del cinema è partita, con lo sbarco delle prime star e il film d'apertura Downsizing con Matt Damon