Jasmine Trinca ha una cosa da insegnare a tutte le bambine (compresa la sua)

Mamma single nella vita e nel nuovo film di Sergio Castellitto, Fortunata, insegna alla sua bambina che una vera principessa non si riconosce dal vestito, ma da quanto è capace di cavarsela senza un principe

Più Popolare

«A Fortunata!». Seduto ai tavolini del bar, Marco saluta l'amica Jasmine Trinca con quel piglio da sfottò sornione che solo i romani. La riconosce anche col cappello e gli occhialetti da John Lennon, la chiama col nome del suo personaggio nel film di Castellitto, Fortunata appunto, che sarà al Festival di Cannes (dal 17 al 28 maggio 2017) e penso subito a un collega di set. Me lo figuro fonico, cameraman, microfonista. Invece no. Marco, mi spiega Trinca, è il gommista del rione. «Qui lo conosciamo tutti», dice fermandosi per un caffè prima che la figlia esca da scuola. Dove «qui» è Testaccio, il quartiere in cui Jasmine vive fin da bambina – operaio nei '60, degradato negli '80, oggi terra di movida hipster e spesa bio – e quel «tutti» indica un noi che è comunità, appartenenza, radici. Famiglia. «La lotta di Fortunata per sbarcare il lunario e crescere una figlia io la conosco. Era la lotta di mia madre, qui a Testaccio».

Jasmine Trinca con Sergio Castellito e Stefano Accorsi.
Advertisement - Continue Reading Below

Fortunata è il suo secondo film con Castellitto.

Ci sono arrivata la prima volta con un provino, venivo da tutto un altro mondo. In giro si pensava che non fossi fatta per certi ruoli, per certi autori. La stessa Mazzantini mi ha confessato che all'inizio pensava che fossi una palla al piede.

E perché?

Credo di dare l'impressione di essere una noiosa. E dire che io penso di avere solo due qualità: essere buona e avere senso dell'umorismo. E invece niente. Passo per quella noiosa. E poi borghese, di buona famiglia.

Più Popolare

E non è così? La buona famiglia, intendo.

Non avrò un background proletario, ma mia madre lavorava dalla mattina alla sera e mi ha cresciuta da sola. Ha lavorato in un centro veterinario, poi in tipografia e per 15 anni ha fatto la dimafonista al Manifesto: di notte chiamavano i giornalisti per dettarle i pezzi.

Di lei dicevano pure che era l'attrice di Moretti.

E lo dicono ancora. Nonostante sia passato tanto tempo e con Nanni non ci frequentiamo, l'incontro con lui è stato decisivo. A me resta il piacere profondo di averlo incontrato.

Anche lei, come Fortunata, è una mamma single.

In una situazione migliore. Faccio un lavoro artistico, guadagno. Cerco di godere del fatto di avere una vita più comoda di quella che ha avuto mia madre.

Che l'ha cresciuta in una casa senza specchi. Anche lei con sua figlia?

No, Elsa ha una tendenza spiccata a guardarsi. A casa ho un armadio in cui conservo scarpe col tacco e vestiti, diciamo, di rappresentanza. E lei ogni tanto va là, apre le ante e si prova le scarpe. Detto questo, io cerco di farle dei discorsi.

Del tipo?

Quando ha avuto il periodo in cui voleva essere una principessa le ho spiegato che esistono principesse diverse, tipo le principesse guerriere. Quando voleva vestirsi solo di rosa, anche là è stata una lotta. E poi insisto sul fatto che non esistono giochi da maschio e giochi da femmina.

E lei che dice?

«Sì mamma, me l'hai già detto».

Anche Fortunata è, in qualche modo, una principessa...

Una principessa che si salva da sola. Forse questa storia dovrei raccontarla a Elsa depurandola da qualche scenetta osé.

Le scene di sesso nel film l'hanno imbarazzata?

Sì, ma la cosa che mi ha imbarazzato di più è il lavoro sul corpo di Fortunata: le minigonne, gli zepponi, i capelli ossigenati, la postura. C'è una scena, un omaggio a Mamma Roma, in cui cammino a petto in fuori lungo l'acquedotto. Quasi non riesco a rivederla.

Il matrimonio di Fortunata finisce male. La figlia soffre. Farebbe vedere questo film a Elsa?

Elsa adesso ha completamente assimilato la nostra situazione in famiglia. Credo che con il suo papà siamo stati bravi. Penso sia molto importante ricordare al figlio che vuoi molto bene all'ex partner, al di là del conflitto. Lei questa cosa la sente. E comunque, sa una cosa? Non è che i miei film abbia tutta questa voglia di vederli...

More from Gioia!:
Film
CONDIVIDI
Harry Styles: «Speriamo che me la cavo»
Il ciuffo più famoso degli (ex) One Direction debutta con un piccolo ruolo in un film di guerra diretto da Christopher Nolan
Film
CONDIVIDI
Amy Adams: «Il successo non vale nulla se manca la felicità»
L'abbiamo adorata in Arrival, American Hustle e Come d'incanto, ma ci sono delle curiosità che la rendono ancora più speciale
Film
CONDIVIDI
Manolo Blahnik: tutti i segreti del designer di scarpe in un documentario
L'arrivo del documentario/biografia sul geniale stilista è previsto per il 15 settembre 2017
Film
CONDIVIDI
Rocio: «Non nascondo più la mia bellezza»
Dopo un periodo di crisi, l'attrice ha deciso di non mortificare più la sua fisicità e ha detto sì al nuovo cinepanettone di Neri Parenti:...
Film
CONDIVIDI
Paolo Ruffini: «Sì, con Diana Del Bufalo è finita»
Ospite alle giornate Ciné di Riccione, l'attore conferma ufficialmente a Gioia! i rumors sulla fine della sua relazione
animali-fantastici-e-dove-trovarli-locandina
Film
CONDIVIDI
Animali fantastici, il sequel: novità dal set
Con l'inizio delle riprese, emergono i primi dettagli sul sequel (ancora senza titolo) di Animali fantastici e dove trovarli (Attenzione...
Film
CONDIVIDI
I 19 film LGBTQ più belli di tutti i tempi
Dal classico Brokeback Mountain al sofisticato Carol, le pellicole da vedere per avere una testa sempre più arcobaleno
10-film-romantici-amici-di-letto
Film
CONDIVIDI
10 film da guardare se hai il cuore infranto
Deluse dagli uomini? Ecco i film romantici da vedere per consolarsi, farsi forza e tornare a credere nel grande amore
Film
CONDIVIDI
Joaquin Phoenix: «Ho fatto bingo!»
L'attore si è fatto notare al Festival di Cannes per un nuovo amore, Rooney Mara, e per la Palma d'oro del migliore interprete
Film
CONDIVIDI
Tom Holland: «Ho salvato l'Uomo Ragno»
A 21 anni è il più giovane SpiderMan di sempre (e il più atletico): la sua promessa? «Sarò il migliore di tutti»