Jasmine Trinca ha una cosa da insegnare a tutte le bambine (compresa la sua)

Mamma single nella vita e nel nuovo film di Sergio Castellitto, Fortunata, insegna alla sua bambina che una vera principessa non si riconosce dal vestito, ma da quanto è capace di cavarsela senza un principe

Più Popolare

«A Fortunata!». Seduto ai tavolini del bar, Marco saluta l'amica Jasmine Trinca con quel piglio da sfottò sornione che solo i romani. La riconosce anche col cappello e gli occhialetti da John Lennon, la chiama col nome del suo personaggio nel film di Castellitto, Fortunata appunto, che sarà al Festival di Cannes (dal 17 al 28 maggio 2017) e penso subito a un collega di set. Me lo figuro fonico, cameraman, microfonista. Invece no. Marco, mi spiega Trinca, è il gommista del rione. «Qui lo conosciamo tutti», dice fermandosi per un caffè prima che la figlia esca da scuola. Dove «qui» è Testaccio, il quartiere in cui Jasmine vive fin da bambina – operaio nei '60, degradato negli '80, oggi terra di movida hipster e spesa bio – e quel «tutti» indica un noi che è comunità, appartenenza, radici. Famiglia. «La lotta di Fortunata per sbarcare il lunario e crescere una figlia io la conosco. Era la lotta di mia madre, qui a Testaccio».

Jasmine Trinca con Sergio Castellito e Stefano Accorsi.
Advertisement - Continue Reading Below

Fortunata è il suo secondo film con Castellitto.

Ci sono arrivata la prima volta con un provino, venivo da tutto un altro mondo. In giro si pensava che non fossi fatta per certi ruoli, per certi autori. La stessa Mazzantini mi ha confessato che all'inizio pensava che fossi una palla al piede.

E perché?

Credo di dare l'impressione di essere una noiosa. E dire che io penso di avere solo due qualità: essere buona e avere senso dell'umorismo. E invece niente. Passo per quella noiosa. E poi borghese, di buona famiglia.

Più Popolare

E non è così? La buona famiglia, intendo.

Non avrò un background proletario, ma mia madre lavorava dalla mattina alla sera e mi ha cresciuta da sola. Ha lavorato in un centro veterinario, poi in tipografia e per 15 anni ha fatto la dimafonista al Manifesto: di notte chiamavano i giornalisti per dettarle i pezzi.

Di lei dicevano pure che era l'attrice di Moretti.

E lo dicono ancora. Nonostante sia passato tanto tempo e con Nanni non ci frequentiamo, l'incontro con lui è stato decisivo. A me resta il piacere profondo di averlo incontrato.

Anche lei, come Fortunata, è una mamma single.

In una situazione migliore. Faccio un lavoro artistico, guadagno. Cerco di godere del fatto di avere una vita più comoda di quella che ha avuto mia madre.

Che l'ha cresciuta in una casa senza specchi. Anche lei con sua figlia?

No, Elsa ha una tendenza spiccata a guardarsi. A casa ho un armadio in cui conservo scarpe col tacco e vestiti, diciamo, di rappresentanza. E lei ogni tanto va là, apre le ante e si prova le scarpe. Detto questo, io cerco di farle dei discorsi.

Del tipo?

Quando ha avuto il periodo in cui voleva essere una principessa le ho spiegato che esistono principesse diverse, tipo le principesse guerriere. Quando voleva vestirsi solo di rosa, anche là è stata una lotta. E poi insisto sul fatto che non esistono giochi da maschio e giochi da femmina.

E lei che dice?

«Sì mamma, me l'hai già detto».

Anche Fortunata è, in qualche modo, una principessa...

Una principessa che si salva da sola. Forse questa storia dovrei raccontarla a Elsa depurandola da qualche scenetta osé.

Le scene di sesso nel film l'hanno imbarazzata?

Sì, ma la cosa che mi ha imbarazzato di più è il lavoro sul corpo di Fortunata: le minigonne, gli zepponi, i capelli ossigenati, la postura. C'è una scena, un omaggio a Mamma Roma, in cui cammino a petto in fuori lungo l'acquedotto. Quasi non riesco a rivederla.

Il matrimonio di Fortunata finisce male. La figlia soffre. Farebbe vedere questo film a Elsa?

Elsa adesso ha completamente assimilato la nostra situazione in famiglia. Credo che con il suo papà siamo stati bravi. Penso sia molto importante ricordare al figlio che vuoi molto bene all'ex partner, al di là del conflitto. Lei questa cosa la sente. E comunque, sa una cosa? Non è che i miei film abbia tutta questa voglia di vederli...

More from Gioia!:
Saoirse Ronan Lady Bird
Film
CONDIVIDI
Saoirse Ronan e il coraggio di osare tutto
Un Golden globe come miglior interprete brillante in Lady Bird e la terza nomination agli Oscar in vista: lei sì che sogna in grande
Film Il filo nascosto
Film
CONDIVIDI
Al cinema con Gioia! Ti aspettiamo all'anteprima dell'ultimo film di Daniel Day-Lewis
Universal Pictures ti invita alla proiezione del film Il filo nascosto, biopic del regista Paul Thomas Anderson sul mondo dell'alta sartoria
Meryl Streep donne di potere The Post
Film
CONDIVIDI
Meryl Streep straordinaria nel film The Post, ovvero: quando a comandare è una donna con le p***e
Nel suo nuovo film è l'editrice del Washington Post che fece scoppiare il caso Watergate: "Lei cambiò il mondo", dice l'attrice
Film
CONDIVIDI
I 10 film in uscita al cinema più attesi del 2018
Perché anche se siamo noi gli attori e i registi del nostro destino possiamo prendere ispirazione dalle storie degli altri
Galatea Bellugi e Ludovico Girardello
Film
CONDIVIDI
Perché non puoi non vedere il nuovo film di Gabriele Salvatores
La saga adolescenziale del regista di Nirvana diventa una favola dark: manda una mail per partecipare alla première
Film
CONDIVIDI
Intervista a Hugh Jackman che non smette di parlare di sua moglie: "Non so come farei senza di lei!"
Pronti a farvi (di nuovo) conquistare da Hugh Jackman? A Natale esce al cinema il musical The greatest showman
Film
CONDIVIDI
Il cinema italiano deve molto, moltissimo, a queste 7 donne straordinarie
Da Sophia Loren a Tina Pica, passando per Anna Magnani e Gina Lollobrigida: le grandi attrici del cinema italiano
Brigitte Bardot
Film
CONDIVIDI
I film francesi sono un patrimonio pazzesco: 6 pellicole da vedere almeno una volta nella vita
Ti piacciono i film francesi? Questi li hai visti? Sono ormai un must
Film
CONDIVIDI
È davvero formativo conoscere il percorso delle attrici che hanno lasciato un segno nella storia cinema
«Senti, Louise, non torniamo indietro». «Che vuoi dire, Thelma?»
Francesca Archibugi Gli sdraiati adolescenti
Film
CONDIVIDI
Francesca Archibugi: "Questo non è un film solo per adolescenti"
La regista porta al cinema Gli sdraiati, il libro di Michele Serra sui teenager di oggi, "ma per me è la storia di un padre e di un figlio"