Jennifer Connelly torna al 
cinema con Pastorale Americana

Nella pellicola tratta dal romanzo cult di Philip Roth, al cinema dal 20 ottobre 2016, l'attrice si cimenta con un ruolo da incubo: la madre di un'adolescente in rivolta contro i valori dell'American dream

Più Popolare

«Talvolta capita alle persone di trasformarsi in qualcuno che rappresenta il proprio peggiore incubo». Jennifer Connelly spiega così il dramma del suo personaggio in Pastorale americana, film tratto dall'omonimo romanzo di Philip Roth, un testo duro e complesso, per cui lo scrittore vinse il Pulitzer nel 1998. Il film con cui l'attore Ewan McGregor ha scelto, con molto coraggio, di esordire alla regia e che uscirà nelle sale italiane il 20 ottobre 2016. Protagonista lo stesso Ewan McGregor nei panni di Seymour, erede di una fabbrica di guanti, che negli anni '50 sposa Dawn, interpretata da Jennifer Connelly. La coppia ha una figlia, Merry (Dakota Fanning), che alle soglie dell'età adulta si ribella ai genitori e si dà alla macchia, dopo essere stata accusata di aver compiuto un attentato dinamitardo, mentre l'America è dilaniata dagli scontri razziali e dalle proteste per la guerra in Vietnam. «Dawn è una donna che mi ha commosso molto», racconta l'attrice, che incontriamo al Zurigo Film Festival. «Dopo essere stata eletta Miss New Jersey, è costretta a lottare per tutta la vita con quel titolo, che crea una percezione di lei come una persona vuota; così cerca di provare di essere molto più che una reginetta di bellezza. È tragicamente ironico il fatto che la disgregazione della sua famiglia la porti a desiderare un intervento di chirurgia estetica, insomma a voler somigliare di nuovo a quel modello di donna».

Advertisement - Continue Reading Below

Le è mai capitato di dover dimostrare di non essere solo bella?

Sinceramente no. E non credo di somigliare a Dawn: le nostre vite sono molto diverse. Ma proprio questa è una delle cose che amo del mio lavoro: la possibilità di trascorrere del tempo con personaggi molto lontani da me. Per me è molto importante avere la possibilità di capire la prospettiva altrui.

Più Popolare

Perché?

Tra i tanti temi trattati dal romanzo, quello che mi ha colpito di più è il modo in cui si mescolano una visione soggettiva e oggettiva della storia e dei personaggi. Mi ha fatto pensare al modo in cui noi tutti giudichiamo gli altri e molto spesso li fraintendiamo, gli appiccichiamo un'etichetta e non cogliamo le sfumature, ma li vediamo in bianco e nero.

Lei ha tre figli: Kai, 19 anni, nato dal fotografo David Dugan, Stellan, 13 e Agnes, 5, nati dal suo attuale marito Paul Bettany. Essere madre l'ha aiutata a interpretare questo personaggio?

È vero che il rapporto tra Dawn e Merry mi ha colpito molto: il loro legame è fortissimo ma è destinato a interrompersi tragicamente, per il rifiuto di Merry nei suoi confronti. Mi sono immedesimata, ma non al punto di immaginare come sarebbe perdere un figlio in quel modo: credo sia il peggior incubo possibile per un genitore. In ogni caso non sono di quelle che pensa che avere figli sia un requisito essenziale per interpretare una madre.

È vero che questo film avrebbe dovuto girarlo anni fa con suo marito Paul?

Sì, a un certo punto avevamo firmato per interpretarlo, ma poi come spesso capita in questo mestiere, le cose sono andate in modo diverso. Certo se avessi lavorato con Paul il film sarebbe stato diverso.

Jennifer Connelly, 45 anni, con il marito Paul Bettany.

In che senso?

Quando ho recitato insieme a mio marito in A beautiful mind e Creation mi sono sentita a casa. Il nostro livello di intimità, quasi 14 anni di vita insieme, è stato fondamentale particolarmente quando mi ha diretto in Shelter: la parte di una senzatetto era talmente forte che avevo bisogno di esprimere la vulnerabilità che si può esprimere solo quando ci si fida completamente di qualcuno. Paul è il mio migliore amico, rispetto molto la sua opinione e spesso gli chiedo consigli sui miei ruoli. E lui li chiede a me.

E l'esperienza con l'attore-regista Ewan McGregor come è stata?

Speciale, perché non tutti nel suo ruolo mostrano un tale rispetto per la troupe e il cast. La cosa più divertente per me è stato provare le scene in solitudine, la mattina presto sul set, solo io e lui. Non mi era mai accaduto.

Una scena di Pastorale americana, tratto dall'omonimo romanzo di Philip Roth, con Jennifer Connelly e Ewan McGregor.

A lei piace fare le prove? Molti attori pensano che così si perda la spontaneità del primo ciak.

Dipende dalla scena, ma quando provi non interpreti la parte come se fossi davanti alla macchina da presa. Invece esplori diverse possibilità: è come quando dipingo e prima di prendere i pennelli realizzo uno schizzo a matita.

Cosa dipinge?

Oh, in realtà sono molti anni che non lo faccio, ma la mia passione sono i ritratti. Avrà capito che le persone mi interessano più di ogni altra cosa.

Lei ha iniziato la sua carriera in Italia con C'era una volta in America. Che ricordo conserva di quel periodo?

Meraviglioso. Ho capito quanto fosse importante quel film solo molti anni dopo, ma ricordo l'affetto di Sergio Leone e la sua figura imponente. Mi mancano tante cose dell'Italia: non solo il cibo e la musicalità della lingua, ma soprattutto l'arte, la storia e l'architettura.

È vero che parla anche un po' di italiano?

Faccio finta, perché l'ho imparato stando nel vostro Paese, ma non l'ho mai studiato davvero.

Che progetti ha per il futuro?

Mi piace creare, forse tornerò a dipingere. O magari debutterò alla regia, adoro raccontare storie.             

More from Gioia!:
Kyle MacLachlan nella terza stagione di Twin Peaks
Film
CONDIVIDI
Il diario dell'ottava giornata di Cannes
Due film in concorso che non lasciano il segno e l'anteprima di Twin Peaks che hanno già visto tutti: oggi Cannes ci riserva ben poche...
Cannes 70
Film
CONDIVIDI
Il diario della settima giornata di Cannes
Una promozione (L'inganno di Sofia Coppola), una stroncatura (Rodin con Vincent Lindon) e molti appuntamenti per i cinefili
Film
CONDIVIDI
A chi deve dire grazie Javier Bardem?
L'attore racconta che ha imparato dalla madre come ci si guadagna il rispetto del pubblico e che sul set è emozionato come un bambino
Le coppie famose più belle sul red carpet di Cannes
Film
CONDIVIDI
Le coppie più tenere sul red carpet di Cannes
I momenti più romantici dei red carpet del Festival: le coppie più affiatate sulla Croisette
Film
CONDIVIDI
Il diario della sesta giornata di Cannes
Nicole Kidman, ancora tu? L'attrice è protagonista della serie tv diretta da Jane Campion: e non è finita qui
Nicole Kidman
Film
CONDIVIDI
Il diario della quinta giornata di Cannes
Nicole Kidman, oggi in uno delle sue 4 apparizioni sul red carpet, è la più acclamata e finalmente spunta una storia d'amore
Jasmine Trinca in Fortunata
Film
CONDIVIDI
Il diario della quarta giornata di Cannes
Nella quarta giornata di Festival ci si rilassa dopo la tensione per l'allarme bomba (falso), e finalmente si ride
Il cast di The Square
Film
CONDIVIDI
Il diario della terza giornata di Cannes
Day 3: il Festival ricorda i militanti sieropositivi e scandaglia le relazioni umane, tra commedia e satira
Il cast di Okja
Film
CONDIVIDI
Il diario della seconda giornata di Cannes
Le frontiere del cinema, si allargano ma forse il Festival non è ancora pronto e scoppia la polemica sui film Netflix
Film
CONDIVIDI
Jasmine Trinca e la teoria della principessa
Mamma single nella vita, e nel suo nuovo film Fortunata, ha una cosa da insegnare a tutte le bambine