Matt Damon torna al cinema con Jason Bourne

Dopo dieci anni l'attore torna al cinema nei panni dell'agente Jason Bourne, un inossidabile american boy che combatte i cattivi del web e non si fa mai sfuggire una buona causa

Più Popolare

Per le cose più belle spesso bisogna attendere a lungo. Ci sono voluti dieci anni esatti, per rivedere Matt Damon nei panni dell'agente segreto Jason Bourne, un tempo così lungo che «temevo non sarebbe successo più», spiega l'attore. Nel quinto episodio della fortunata saga, intitolato semplicemente Jason Bourne, è ancora una volta diretto dall'irlandese Paul Greengrass, che ne girò anche il secondo e terzo capitolo, e affiancato dal premio Oscar Alicia Vikander, la stella più brillante della Mostra del cinema di Venezia in corso, per la quale non lesina lodi: «Di attrici così ne nasce una per generazione. Il suo talento non ha limiti». Damon è colmo di gratitudine anche per l'alter ego Jason Bourne, «che mi ha permesso di fare diversi film di nicchia», e che in questo episodio finalmente ritrova la memoria: «Quando abbiamo cominciato a parlarne sapevamo che sarebbe stato profondamente diverso dagli altri episodi. Nel terzo, Bourne ultimatum, George Bush era ancora presidente. Era prima della crisi finanziaria, del crash economico, dell'emergenza rifugiati, degli attacchi dell'Isis e dei lupi solitari. I social media iniziavano a proliferare e Twitter era appena nato: ora è uno dei centri dell'informazione mondiale».  

Advertisement - Continue Reading Below

Come ha impiegato il tempo Bourne, nei densissimi dieci anni in cui il mondo attorno a lui è cambiato?

Sprecando le sue doti di super soldato in incontri sul ring. Ma a un certo punto la collega Nicky Parson (nel film Julia Stiles, ndr) lo rintraccia e lo convince a tornare in campo, affrontando il passato. La tecnologia ha fatto passi da gigante e  i temibili agenti-ombra scatenano le loro offensive dal web. Le regole del gioco sono cambiate.

Più Popolare

Del resto anche quelle del terrorismo lo sono.

Bourne ultimatum trattava argomenti drammatici come la tortura, la sospensione delle libertà personali in nome di un ideale collettivo, il lavaggio del cervello. Nel nuovo Bourne il focus è sulla privacy del cittadino e sul terrorismo informatico. 

Matt Damon, 46 anni, è al cinema in Jason Bourne, diretto da Paul Greengrass. Nel cast Julia Styles, Vincent Cassel, Alicia Vikander e Tommy Lee Jones.

Rinunciare alla privacy in nome della sicurezza: una delle questioni chiave del nostro tempo.

Certo, e il governo americano vorrebbe avere tutte le informazioni che ci riguardano perché così "è più facile proteggerci". Vero, ma per me accedere a informazioni personali senza il consenso dell'interessato è inaccettabile. Sappiamo com'è finita con il Kgb e altrove nel mondo: lo sviluppo di un regime autoritario è possibile grazie all'aiuto di milioni di informatori che rastrellano informazioni. È successo anche in Corea, in Myanmar, in Cina...

Matt Damon sul set.

A proposito di Cina, lì ha appena finito di girare The Great wall - La grande muraglia. Com'è andata? 

In una parola, è stato incredibile. Una produzione ipercomplessa, anche perché cast e troupe erano molto internazionali: per comunicare sul set avevamo costante bisogno di interpreti. Abbiamo girato in una zona chiamata Painted Mountains, sono montagne colorate come l'arcobaleno nel parco geologico nazionale del Danxia di Zhangye. Cercatelo su internet, è stupendo!

Nel film lei è l'eroe bianco che salva il mondo, una scelta che ha sollevato qualche critica. 

Come ha ben spiegato il regista Zhang Yimou, è un fantasy che ha molto a che vedere con la sua visione artistica e nulla, ma proprio nulla, con la volontà politica di esaltare una supposta supremazia bianca. Quella del film è una storia bellissima, secondo la quale la Grande muraglia sarebbe stata costruita per tenere lontani mostri, fantasmi e demoni appartenenti al folklore cinese. È un film divertente, con tante scene d'azione, spade e armi antiche. Con William Dafoe e Pedro Pascal abbiamo girato per sei mesi, quindi mi sono portato dietro tutta la famiglia.

Matt Damon in Jason Bourne.

Le sue donne si sono divertite? 

Tantissimo. Portarle del resto era l'unica opzione, non mi separo mai da loro per più di due settimane. Così mia moglie Luciana e le mie quattro figlie hanno avuto il privilegio di entrare a contatto con una cultura completamente diversa da quella occidentale. La Cina è letteralmente un altro mondo, ed è importante che sin da piccole imparino ad apprezzare usi e costumi diversi dai loro. 

Matt Damon e Julia Stiles ad Atene, in  una scena del film.

Una vita tra famiglia, lavoro e cause umanitarie. Qual è la sua ultima crociata? 

Proprio dopo essere stato in Cina mi sono alleato con gli attori Rooney Mara e Joaquin Phoenix per cercare di arrestare il massacro che ogni anno ha luogo al Dog meat festival di Yulin, celebrazione tradizionale cinese dove sono torturati, ammazzati brutalmente e poi mangiati 10.000 cani: una vera sagra della crudeltà. Sono una persona tollerante e cerco sempre di capire le tradizioni dei Paesi che visito, ma questa pratica mi sembra vada oltre le tradizioni culturali: è barbarica. Chiunque è libero di mangiare ciò che vuole, ma la violenza nei confronti degli animali è inumana.                    

More from Gioia!:
L'amant double di François Ozon
Film
CONDIVIDI
Diario da Cannes, scatta il toto Palma d'oro
Con la proiezione degli ultimi due film sulla Croisette si chiude il concorso, è il momento delle scommesse: ecco i probabili vincitori
Kyle MacLachlan nella terza stagione di Twin Peaks
Film
CONDIVIDI
Il diario dell'ottava giornata di Cannes
Due film in concorso che non lasciano il segno e l'anteprima di Twin Peaks che hanno già visto tutti: oggi Cannes ci riserva ben poche...
Cannes 70
Film
CONDIVIDI
Il diario della settima giornata di Cannes
Una promozione (L'inganno di Sofia Coppola), una stroncatura (Rodin con Vincent Lindon) e molti appuntamenti per i cinefili
Film
CONDIVIDI
A chi deve dire grazie Javier Bardem?
L'attore racconta che ha imparato dalla madre come ci si guadagna il rispetto del pubblico e che sul set è emozionato come un bambino
Le coppie famose più belle sul red carpet di Cannes
Film
CONDIVIDI
Le coppie più tenere sul red carpet di Cannes
I momenti più romantici dei red carpet del Festival: le coppie più affiatate sulla Croisette
Film
CONDIVIDI
Il diario della sesta giornata di Cannes
Nicole Kidman, ancora tu? L'attrice è protagonista della serie tv diretta da Jane Campion: e non è finita qui
Nicole Kidman
Film
CONDIVIDI
Il diario della quinta giornata di Cannes
Nicole Kidman, oggi in uno delle sue 4 apparizioni sul red carpet, è la più acclamata e finalmente spunta una storia d'amore
Jasmine Trinca in Fortunata
Film
CONDIVIDI
Il diario della quarta giornata di Cannes
Nella quarta giornata di Festival ci si rilassa dopo la tensione per l'allarme bomba (falso), e finalmente si ride
Il cast di The Square
Film
CONDIVIDI
Il diario della terza giornata di Cannes
Day 3: il Festival ricorda i militanti sieropositivi e scandaglia le relazioni umane, tra commedia e satira
Il cast di Okja
Film
CONDIVIDI
Il diario della seconda giornata di Cannes
Le frontiere del cinema, si allargano ma forse il Festival non è ancora pronto e scoppia la polemica sui film Netflix