Cosa nasconde il titolo di questi 5 film candidati agli Oscar 2017?

Spesso il significato si perde nella traduzione oppure è difficile cogliere le sfumature: Aba English ci dà una mano a capire che cosa c'è dietro le parole di alcune pellicole in gara per la statuetta di Miglior film, La La Land in testa

Il countdown per la consegna degli Oscar 2017, le statuetta più ambite di Hollywood. è cominciato e stiamo già facendo una scorpacciata di aneddoti e curiosità (a proposito, sai chi ha vinto l'Oscar nell'anno in cui sei nata?). Sono note da tempo le nomination degli Oscar 2017, tra cui il super favorito La La Land, la pellicola con Emma Stone e Ryan Gosling rivelazione dell'anno, e il film di animazione Disney Zootropolis, senza dimenticare Barriere, che vede alla regia per la terza volta l'attore pluripremiato Denzel Washington, il western Hell or High Water, con l'affascinante Jeff Bridges, e Moonlight.

I titoli originali dei film in gara non sono sempre di facile comprensione per noi, poiché spesso la traduzione perde di vista il senso originale: per l'occasione, la scuola d'inglese online Aba English (abaenglish.com) ci aiuta a capire il significato dei titoli più interessanti tra quelli nominati agli Oscar 2017 come Miglior film.

Advertisement - Continue Reading Below

Oscar 2017 film: La La Land di Damien Chazelle

Il musical con Emma Stone e Ryan Gosling è il favorito agli Oscar 2017, tanto che con 14 nomination  punta anche al record di Titanic. Il titolo, apparentemente semplice, cela in realtà molteplici giochi di parole: il termine La La Land viene talvolta usato dalla stampa americana come sinonimo di Los Angeles (spesso abbreviata in L.A. in inglese), e nello specifico dell'industria cinematografica di Hollywood. Ma l'espressione indica anche uno stato di sognante euforia, tipico di chi vive con la testa tra le nuvole come Mia e Sebastian, che inseguono con costanza i loro sogni di successo.

Advertisement - Continue Reading Below

Oscar 2017 film: Zootropolis, di Byron Howard e Rich Moore

Il titolo originale del nuovo film d'animazione della Disney è Zootopia, che significa letteralmente «luogo degli animali», ma evoca anche la parola «utopia», ovvero un luogo immaginario, proprio come la città nel film. La distribuzione italiana ha però cambiato il titolo in Zootropolis, citando il famoso film Metropolis di Fritz Lang (1927).

Advertisement - Continue Reading Below

Oscar 2017 film: Barriere, di Denzel Washington

Per il suo terzo film da regista, Fences, l'attore pluripremiato Denzel Washington ha adattato un testo teatrale del drammaturgo August Wilson. La distribuzione italiana ha scelto di tradurre il titolo con Barriere, che rende solo in parte il significato dell'originale. «Fence» infatti significa «staccionata» come quella che i protagonisti costruiscono attorno alla loro casa, ma si allude anche alle divergenze e barriere invisibili che dividono i personaggi. La parola «fence» deriva da «defence», che significa «difesa». L'uso della parola si è poi esteso a indicare lo sport della scherma (in inglese «fencing»), e solo dopo ha assunto il significato di «recinto».

Advertisement - Continue Reading Below

Oscar 2017 film: Hell or high water, di David Mackenzie

Il titolo di questo neo-western con protagonista Jeff Bridges, Hell or high water, è stato mantenuto tale e quale: nell'originale è un modo di dire molto usato in inglese che equivale all'italiano «costi quel che costi». Ovviamente è stato molto difficile rendere il titolo in altre lingue: in Francia e Spagna il film si intitola Comanchería, il soprannome della regione tra New Mexico e Texas dove è ambientata la storia mentre in Brasile si è optato per A qualquer custo, «a qualunque costo» appunto.

Advertisement - Continue Reading Below

Oscar 2017 film: Moonlight, di Barry Jenkins

Il film, del regista Barry Jenkins (in foto), racconta l'adolescenza tormentata di un giovane ragazzo nero nei quartieri bassi di Miami e la sua scoperta dell'omosessualità. «Moonlight» significa letteralmente «chiaro di luna», ma il significato diventa più chiaro quando si scopre che la parola è stata scelta per abbreviare il titolo del testo teatrale di Tarell Alvin McCraney da cui è tratta la pellicola, In moonlight black boys look blue ovvero «al chiaro di luna i ragazzi neri sembrano blu», dove «blue» può anche tradursi con «tristi» o «malinconici», in senso figurato. Il titolo suggerisce quindi che il chiaro di luna è capace di rivelare l'anima dei ragazzi neri al di là del colore della loro pelle e degli stereotipi.

More from Gioia!:
Film
CONDIVIDI
Chi c'era alla première dell'ultimo film di Daniel Day-Lewis Il filo nascosto
Nella gallery tutti gli ospiti che hanno partecipato all'anteprima del film
Film
CONDIVIDI
Kasia Smutniak ha un cuore italiano e lo si vede in Made in Italy di Ligabue
L'attrice polacca che vive in Italia da 25 anni è la protagonista di Made in Italy, una storia d'amore e resilienza
Tre manifesti a Ebbing, Missouri
Film
CONDIVIDI
Tutte le nomination agli Oscar 2018 tra sorprese inaspettate e conferme scontatissime
Tutto come previsto, o quasi: incetta di candidature per La forma dell'acqua, l'italiano Chiamami col tuo nome in corsa in 4 categorie
Saoirse Ronan Lady Bird
Film
CONDIVIDI
Saoirse Ronan e il coraggio di osare tutto
Un Golden globe come miglior interprete brillante in Lady Bird e la terza nomination agli Oscar in vista: lei sì che sogna in grande
Film Il filo nascosto
Film
CONDIVIDI
Al cinema con Gioia! Ti aspettiamo all'anteprima dell'ultimo film di Daniel Day-Lewis
Universal Pictures ti invita alla proiezione del film Il filo nascosto, biopic del regista Paul Thomas Anderson sul mondo dell'alta sartoria
Meryl Streep donne di potere The Post
Film
CONDIVIDI
Meryl Streep straordinaria nel film The Post, ovvero: quando a comandare è una donna con le p***e
Nel suo nuovo film è l'editrice del Washington Post che fece scoppiare il caso Watergate: "Lei cambiò il mondo", dice l'attrice
Film
CONDIVIDI
I 10 film in uscita al cinema più attesi del 2018
Perché anche se siamo noi gli attori e i registi del nostro destino possiamo prendere ispirazione dalle storie degli altri
Galatea Bellugi e Ludovico Girardello
Film
CONDIVIDI
Perché non puoi non vedere il nuovo film di Gabriele Salvatores
La saga adolescenziale del regista di Nirvana diventa una favola dark: manda una mail per partecipare alla première
Film
CONDIVIDI
Intervista a Hugh Jackman che non smette di parlare di sua moglie: "Non so come farei senza di lei!"
Pronti a farvi (di nuovo) conquistare da Hugh Jackman? A Natale esce al cinema il musical The greatest showman
Film
CONDIVIDI
Il cinema italiano deve molto, moltissimo, a queste 7 donne straordinarie
Da Sophia Loren a Tina Pica, passando per Anna Magnani e Gina Lollobrigida: le grandi attrici del cinema italiano