Perché Sherlock Holmes è l'uomo perfetto per ogni donna

Sempre irresistibile il grande detective, che non passa mai di moda: qui proviamo a spiegare come mai il suo fascino non tramonta e soprattutto i 5 motivi per cui è il compagno ideale

sherlock holmes è uomo perfetto

«Elementare, Watson». Diciamocelo, basterebbe questo tormentone per odiare Sherlock Holmes, il personaggio inventato da Arthur Conan Doyle che spesso presenzia grande e piccolo schermo, come Mr. Holmes - Il mistero del caso irrisolto, con Sir Ian McKellen nei panni di un Holmes anziano e in pensione, e la serie della Bbc Sherlock, con Benedict Cumberbatch, nel cui cast potrebbe arrivare anche Tom Hiddleston e di cui è disponibile ora la quarta stagione su Netflix.

Ego smisurato, saccente, maleducato, poco incline all'igiene personale, arrogante e pure depresso e drogato. Ma anche geniale, altruista, coraggioso, patriottico, il miglior amico che si possa sognare di avere. E probabilmente Sherlock Holmes è anche il miglior compagno possibile per una donna, capace di capirne i turbamenti e i bisogni come nessun altro. Non ci credete? Prendendo spunto da versioni più stagionate, come Elementary, rilettura in chiave moderna di Sherlock Holmes, con Jonny Lee Miller e Lucy Liu, inedita versione femminile del dottor Watson, vi dimostriamo in maniera scientifica che non dovete lasciarvelo scappare.

Advertisement - Continue Reading Below

1 Il cervello prima di tutto


«Non esisteva per lui che un'unica donna, e quella donna era Irene Adler, di dubbia e discutibile memoria». L'unico grande amore di Sherlock Holmes è un'avventuriera che lo supera in astuzia e intelligenza, con un grande senso dell'onore e della giustizia. Sparirà con un altro uomo e lui non la dimenticherà mai. Cosa può chiedere di meglio una donna se non di rendersi indimenticabile per il suo cervello e le sue qualità morali?

2 C'è qualcosa che non sai di me

Redimerlo, farlo uscire dalle sue dipendenze, salvarlo da se stesso. Una missione per ogni donna, e il buon Holmes ha un problemino non da poco. Depresso cronico quando non impegnato in complicati casi da risolvere, Sherlock Holmes si tira su ogni tanto con una soluzione salina composta al 7% di morfina o cocaina, a seconda delle necessità. Crepuscolare e maledetto, tra Baudelaire e Cobain. Impossibile non perdere la testa per lui. E se ha delle crisi, basta legarlo al letto…

Advertisement - Continue Reading Below

3 Ti suono qualcosa?

Si sa, le donne amano i musicisti. E Sherlock Holmes si diletta con uno strumento incredibilmente sensuale, il violino, il suo in particolare nientemeno che uno Stradivari originale, del valore di almeno 500 ghinee, acquistato in un negozietto di Tottenham Court Road per appena 45 scellini. Tra strumento e aneddoto, tutto meglio di una collezione farfalle, ma questo è niente. Aspettate che vi suoni le Romanze senza parole di Mendelssohn: cadrete letteralmente ai suoi piedi.

4 Hai cambiato pettinatura?

Una delle principali caratteristiche del metodo scientifico utilizzato da Sherlock Holmes per risolvere i suoi casi è l'assoluta attenzione ai particolari, nei minimi dettagli. Ora, quante volte il vostro compagno non si è accorto che avete cambiato la tonalità di rosso dei capelli, che avete comprato una camicetta nuova, che avete messo dell'intimo speciale per una serata da ricordare? Ecco, con lui non succederebbe mai. Controindicazioni: non riuscirete mai a fargli una festa a sorpresa per il compleanno.

Advertisement - Continue Reading Below

5 Basta un restyling...

Ecco, se c'è una cosa in cui Sherlock dovrebbe un attimo rinnovarsi è il guardaroba. Diciamo che il suo stile classico non è proprio il massimo. Al giorno d'oggi, uno steampunk metropolitano, come Johnny Lee Miller nella serie Elementary, sarebbe sicuramente più adatto, l'importante è che non faccia esperimenti hipster e non si faccia crescere la barba. In ogni caso, tanto dovrete essere voi a scegliere per lui, basta che siano capi comodi e funzionali in caso di inseguimenti, sparatorie e indagini in luoghi scomodi e/o angusti. E già che siamo usciti, caro, guardo anche un paio di cosine per me…

More from Gioia!:
L'amant double di François Ozon
Film
CONDIVIDI
Diario da Cannes, scatta il toto Palma d'oro
Con la proiezione degli ultimi due film sulla Croisette si chiude il concorso, è il momento delle scommesse: ecco i probabili vincitori
Kyle MacLachlan nella terza stagione di Twin Peaks
Film
CONDIVIDI
Il diario dell'ottava giornata di Cannes
Due film in concorso che non lasciano il segno e l'anteprima di Twin Peaks che hanno già visto tutti: oggi Cannes ci riserva ben poche...
Cannes 70
Film
CONDIVIDI
Il diario della settima giornata di Cannes
Una promozione (L'inganno di Sofia Coppola), una stroncatura (Rodin con Vincent Lindon) e molti appuntamenti per i cinefili
Film
CONDIVIDI
A chi deve dire grazie Javier Bardem?
L'attore racconta che ha imparato dalla madre come ci si guadagna il rispetto del pubblico e che sul set è emozionato come un bambino
Le coppie famose più belle sul red carpet di Cannes
Film
CONDIVIDI
Le coppie più tenere sul red carpet di Cannes
I momenti più romantici dei red carpet del Festival: le coppie più affiatate sulla Croisette
Film
CONDIVIDI
Il diario della sesta giornata di Cannes
Nicole Kidman, ancora tu? L'attrice è protagonista della serie tv diretta da Jane Campion: e non è finita qui
Nicole Kidman
Film
CONDIVIDI
Il diario della quinta giornata di Cannes
Nicole Kidman, oggi in uno delle sue 4 apparizioni sul red carpet, è la più acclamata e finalmente spunta una storia d'amore
Jasmine Trinca in Fortunata
Film
CONDIVIDI
Il diario della quarta giornata di Cannes
Nella quarta giornata di Festival ci si rilassa dopo la tensione per l'allarme bomba (falso), e finalmente si ride
Il cast di The Square
Film
CONDIVIDI
Il diario della terza giornata di Cannes
Day 3: il Festival ricorda i militanti sieropositivi e scandaglia le relazioni umane, tra commedia e satira
Il cast di Okja
Film
CONDIVIDI
Il diario della seconda giornata di Cannes
Le frontiere del cinema, si allargano ma forse il Festival non è ancora pronto e scoppia la polemica sui film Netflix