10 cose curiose sui premi Oscar che forse ti erano sfuggite

La notte degli Academy Awards è in arrivo, ma sei sicura di sapere proprio tutto sui premi più attesi del cinema? Sfoglia la gallery per scoprire tutte le curiosità della storia della famosa statuetta

oscar le curiosità da sapere

Il countdown è agli sgoccioli, i candidati scalpitano, le statuette aspettano allineate su qualche ripiano del backstage del Dolby Theatre di Los Angeles che il 26 febbraio 2017 ospiterà l'attesissima cerimonia degli Oscar 2017, dopo che da tempo sono state ufficializzate le nomination (si può anche non essere d'accordo, soprattutto nel caso di alcuni esclusi eccellenti delle nomination Oscar 2017). E se per caso vi state preparando a trascorrere la notte in bianco per seguirla da casa, magari in compagnia, urge che vi dotiate, oltre che di parecchie caraffe di caffè, di un breve bigino per arrivare pronti alla notte più magica del cinema: sfoglia la gallery per scoprire tutte le curiosità che (forse) non sapevi sui premi Oscar.

Advertisement - Continue Reading Below

1 Oscar, chi era costui?

Il vero nome dell'Oscar è Academy award of merit. Il nickname glielo attribuì un'archivista degli Academy a cui la statua ricordava suo zio Oscar.

Advertisement - Continue Reading Below

2 Misure (e segreti) del guerriero nudo

Prima della notte degli Oscar vengono preparate le targhette per tutti i candidati, solo all'ultimo viene applicata quella del nome vincente sulla statuetta. L'Oscar (qui una sua riproduzione gigante) è alto 32,5 centimetri e pesa circa 3 chili, è di metallo placcato d'oro a 24 carati. Riproduce le fattezze dell'attore messicano Emilio Fernández che, nel 1928, posò nudo per i disegnatori.

Advertisement - Continue Reading Below

3 6.000 misteriosi giurati

I premi vengono conferiti dall'Academy of Motion Picture Arts and Sciences, costituita da circa 6.000 persone (per lo più americane) che hanno lavorato nel cinema. Secondo un'inchiesta del L.A. Times la giuria è per il 94% formata da bianchi, per il 77 maschi, con un'età media di 62 anni.

Advertisement - Continue Reading Below

4 Oscar e le donne

Kathryn Bigelow è l'unica regista donna ad aver vinto l'Oscar per The hurt locker, nel 2010, film di cui era anche produttrice. Altre nomination a vuoto sono andate a Lina Wertmuller nel 1977 per Pasqualino Settebellezze, a Jane Campion nel 1994 per Lezioni di piano e a Sofia Coppola nel 2004 per Lost in translation.

Advertisement - Continue Reading Below

5 Oscar da record

Walt Disney mantiene tuttora il record di statuette vinte per i suoi film (26). L'attrice che ne ha vinte di più è Katharine Hepburn (4), seguita a ruota da Meryl Streep (3, ma con ben 20 nomination). Jack Nicholson è l'attore più nominato e quello che ha vinto più Oscar (3), a pari merito con Walter Brennan e Daniel Day-Lewis. Il signore degli anelli - Il ritorno del re è l'unico film nella storia degli Oscar ad aver vinto tutte le statuette per cui era stato nominato. Solo 3 film si sono aggiudicati il Big Five (miglior film, miglior regista, migliori attore e attrice e miglior sceneggiatura): Accadde una notte, Qualcuno volò sul nido del cuculo e Il silenzio degli innocenti

Advertisement - Continue Reading Below

6 Silurati illustri

Leonardo DiCaprio ce l'ha fatta nel 2016, ma molti prima di lui hanno penato per la mancata statuetta. Il grande e compianto Peter O'Toole ha ricevuto ben 8 nomination come miglior attore e non ha mai vinto un Oscar, se non quello alla carriera nel 2003. E pure il tecnico del suono Kevin O'Connell non scherza: ne ha ricevute 20, senza mai essere premiato. Ancora però sta pensando a cosa dire in un eventuale discorso di ringraziamento.

Advertisement - Continue Reading Below

7 Vorrei ringraziare..

Il discorso di ringraziamento più lungo lo ha fatto Greer Garson, miglior attrice protagonista nel 1943 per La signora Miniver (5 minuti e mezzo). Uno dei più brevi (per il premio alla memoria Irving G. Thalberg, consegnato la notte degli Oscar) è di Alfred Hitchcock: «Thank you!».

Advertisement - Continue Reading Below

8 Il gran rifiuto

Nel 1973 Marlon Brando, in segno di protesta contro un certo razzismo hollywoodiano nei confronti dei nativi americani, rifiutò il suo Oscar per Il padrino (il secondo dopo Fronte del porto), boicottò la cerimonia mandando a ritiralo una giovane indiana d'America. Si scoprì poi che si trattava dell'attrice e attivista Maria Cruz.

Advertisement - Continue Reading Below

9 Fortunate con Oscar, sfortunate in amore

È vero? Chissà! Di certo si contano parecchi casi di attrici a cui la statuetta non ha portato bene: Gwyneth Paltrow, premiata nel 1999 per Shakespeare in Love, ruppe due mesi dopo con Ben Affleck. Hilary Swank, già premio Oscar nel 2000 per Boys Don't Cry, non resse al secondo Oscar, nel 2005, per Million Dollar Baby, quando si separò dal marito Chad Lowe. Julia Roberts, premiata nel 2001 per Erin Brockovich, lasciò Benjamin Bratt tre mesi dopo. E ancora possiamo citare Halle Berry, Charlize Theron, Reese Witherspoon, Kate Winslet (nella foto ai tempi con l'ex, il regista Sam Mendes) e Sandra Bullock.

Advertisement - Continue Reading Below

10 Film pigliatutto

La La Land è il primo dei favoriti degli Oscar 2017 grazie alle sue 14 nomination, che potevano essere addirittura 15 se si fosse aggiudicato anche quella per il Miglior trucco e acconciatura. Il film di Damien Chazelle si situa così a pari merito con le 14 nomination di Titanic (1998), che ne vinse poi 11, e prima ancora di Eva contro Eva (1950), che se ne aggiudicò 6.

More from Gioia!:
Charlize Theron
Film
CONDIVIDI
Charlize Theron, nei panni di una bionda
L'attrice sudafricana è al cinema dal 17 agosto in Atomica bionda, dove si fa picchiare "come un uomo"
film-italia-la-grande-bellezza
Film
CONDIVIDI
I 10 film che celebrano la grande bellezza dell'Italia
Da La grande Bellezza a Star Wars (ebbene sì...), scopri i film girati in Italia che raccontano la bellezza del nostro Paese
Film
CONDIVIDI
Elogio del bagnino, un mito in estinzione
Il latin lover è un'invenzione delle straniere a cui i nostri bagnini si sono adeguati con professionalità, ce lo spiega un documentario...
Film
CONDIVIDI
Harry Styles: «Speriamo che me la cavo»
Il ciuffo più famoso degli (ex) One Direction debutta con un piccolo ruolo in un film di guerra diretto da Christopher Nolan
Film
CONDIVIDI
Amy Adams: «Il successo non vale nulla se manca la felicità»
L'abbiamo adorata in Arrival, American Hustle e Come d'incanto, ma ci sono delle curiosità che la rendono ancora più speciale
Film
CONDIVIDI
Manolo Blahnik: tutti i segreti del designer di scarpe in un documentario
L'arrivo del documentario/biografia sul geniale stilista è previsto per il 15 settembre 2017
Film
CONDIVIDI
Rocio: «Non nascondo più la mia bellezza»
Dopo un periodo di crisi, l'attrice ha deciso di non mortificare più la sua fisicità e ha detto sì al nuovo cinepanettone di Neri Parenti:...
Film
CONDIVIDI
Paolo Ruffini: «Sì, con Diana Del Bufalo è finita»
Ospite alle giornate Ciné di Riccione, l'attore conferma ufficialmente a Gioia! i rumors sulla fine della sua relazione
animali-fantastici-e-dove-trovarli-locandina
Film
CONDIVIDI
Animali fantastici, il sequel: novità dal set
Con l'inizio delle riprese, emergono i primi dettagli sul sequel (ancora senza titolo) di Animali fantastici e dove trovarli (Attenzione...
Film
CONDIVIDI
Jasmine Trinca: «Le donne? Meravigliosamente complicate»
La femminilità secondo Jasmine Trinca: l'attrice, premiata al festival di Cannes 2017, sarà Ilaria Cucchi nel film Sulla mia pelle