Nel libro L'Asie Rêvée, i gioielli di Cartier e la collezione di Alfred Baur

Un viaggio alla scoperta dei tesori d'Oriente, attraverso le affinità che percorrono  i gioielli Cartier e i preziosi capolavori raccolti dal collezionista Alfred Baur

Da sempre il fascino esotico dell'Oriente ha sedotto e influenzato il mondo Occidentale. Un libro prezioso, L'Asie Rêvée – in uscita per 5 Continents Editions – lo conferma e, per la prima volta, ne mette in luce una delle espressioni più singolari: la passione colta ma ardente per l'Asia, che colse in egual misura tanto i maestri gioiellieri Alfred Cartier e i suoi figli Louis, Pierre e Jacques, quanto il collezionista svizzero Alfred Baur. Un'Asia sognata che, di pagina in pagina, emerge attraverso la magia dei gioielli Cartier e la ricercatezza dei pezzi raccolti nelle collezioni della Fondazione Baur di Ginevra. Il libro, infatti, mette a confronto i due preziosi mondi per svelarne parallelismi e affinità, e ne cesella infine la comune filosofia e sensibilità estetico-artistica. 

Advertisement - Continue Reading Below

Tutto ha inizio nel XIX e nella prima metà del XX secolo con i  "curios", così chiamati perché suscitano "curiosità": oggetti esotici provenienti dalla Cina e dal Giappone, ornati con decorazioni fantasiose e realizzati in materiali diversi. Dei veri tesori, per appassionati occidentali come Cartier e Alfred Baur. Il primo vi si ispira dando vita a pagode che diventano gioielli di diamanti, draghi di giada e gemme multicolori che riflettono le luci di quel mondo così lontano; il secondo ne diventa grande collezionista, dando il suo nome alla Fondation Baur, Musée des Arts d'Extrême-Orient di Ginevra. 

Più Popolare

Dopo tanti anni, il loro contributo resta vivo e fertile, non solo nelle collezioni Cartier, ma anche nella contemporaneità che attraversa i piccoli grandi capolavori raccolti nella Fondation Baur. Un piacere per gli occhi e per la mente, ma anche una finestra privilegiata verso un mondo, quello dell'Oriente, che non smette mai di rivelarsi nella sua pienezza. 

Il libro L'Asie Rêvée sarà presentato a Milano, il 17 marzo, presso la libreria Armani Libri (h.18,00).

http://www.fivecontinentseditions.com/

http://www.cartier.it/

More from Gioia!:
Tendenze
CONDIVIDI
E poi arriva la foto della Turani in intimo e capisci che forse "no, non è una di noi"
E invece sì, lo è eccome. Grazie Paola, tvb
Tendenze
CONDIVIDI
Marketplace, l'e-commerce di Facebook dove vendere e comprare l'usato è la svolta del secolo?
Che lo shopping sia con te
Tendenze
CONDIVIDI
I pezzi moda più caldi per combattere il freddo vestendo sempre elegante
Per le più freddolose, non temete, si può essere alla moda anche quando le temperature si abbassano. Ecco i trucchi per stare al caldo con...
Tendenze
CONDIVIDI
TEAM BROWN
Quante volte abbiamo sentito parlar male di un colore che, in realtà, è mettibilissimo? E sa anche essere più che sexy
Tendenze
CONDIVIDI
Guida ai tessuti: 3 tipi di cotone che dovresti conoscere
Facile dire cotone... ma di quale tipo stiamo parlando? Ecco la guida per riconoscerli e per sceglierli in base alle tue esigenze!
Tendenze
CONDIVIDI
Perché Chiara *brilla* nelle stories di Instagram?
Su Instagram, spesso la si vede abbagliante come una stella: a cosa è dovuta quella luce tutta in favore di outfit?
Come abbinare l'arancione, colore must dell'inverno 2018? 5 abbinamenti da copiare
Tendenze
CONDIVIDI
Arancione mon amour: come abbinarlo per l'inverno 2018
Orange is the new black e su questo non c'è dubbio, ma come indossare al meglio il colore di tendenza più cool dell'inverno... e non solo?
Scarpe velluto rosa da abbinare tailleur pigiama
Tendenze
CONDIVIDI
Tailleur pigiama: con che scarpe lo metto?
Ormai ci si va in giro tranquillamente anche fuori casa, ma occhio alle scarpe: con il pink velvet andate sul sicuro
Tendenze
CONDIVIDI
I pantaloni leopardati sono l'azzardo più sensato dell'inverno 2018. E poi quanto stile!
Ps: Bella Hadid e Kaia Gerber insegnano come abbinarli
Tendenze
CONDIVIDI
Perché Milano ha vinto il mese della moda
Non più un fanalino di coda tra le capitali della moda, bensì una voce che sa imporsi con coraggio: a chi va il merito? A Gucci, ad Armani,...