Con Karl Lagerfeld nel backstage di campagna della nuova collezione Fendi p/e 2016, ecco cosa ci ha detto!

Sul set della campagna per la p/e 2016 di Fendi firmata dallo stilista tedesco: protagonisti i motivi geometrici e i fiori

Più Popolare

Basterebbe leggere i codici espressivi sottesi al suo inconfondibile look per capire chi è, sul serio, Karl Lagerfeld. Una persona fedele a se stessa (si veste allo stesso modo, pur cambiando dettagli e accessori ogni giorno, da un numero imprecisato di anni), rigida nei suoi codici (lo dicono i leggendari colletti alti inamidati), distante (sennò perché indossare perennemente guanti e occhiali scuri?), spiritosa (si è calato, con incredibile self humour, più nel ruolo di feticcio che di spocchiosa fashion icon), trasgressiva (vista la generosità con cui distribuisce su di sé borchie e catene), trasversale (in lui si intersecano grazia dandy e accenti rock), colta (ogni pezzo che indossa è un pezzo di storia del costume) e finanche pop (piace a tutti: dalla teenager che fa e-shopping alla signora che veste solo Fendi).

Advertisement - Continue Reading Below

Ma la dote che più sorprende in Karl Lagerfeld è, probabilmente, la padronanza con cui si destreggia fra bozzetti di moda e set fotografici, fra citazioni colte e digressioni solo apparentemente casuali, come quelle che attraversano la nuova campagna di Fendi, Maison della quale è, da 50 anni a questa parte, direttore creativo (e, ora, anche fotografo di campagna): «La collaborazione più longeva nel mondo della moda. Tra l'altro, non sono per niente stanco», puntualizza.

Più Popolare

Mi passi l'espressione: lei sembra, per così dire, nato così. Com'era da bambino?

Non ho mai giocato con  altri bambini. Passavo il tempo a disegnare e leggere. Ho sempre amato a disegnare e leggere. Volevo diventare un creatore di fumetti, perché nella soffitta dei miei genitori avevo trovato una rivista dei primi '900 con disegni bellissimi. È stato un miracolo che i miei genitori mi abbiano lasciato andare a Parigi prima che finissi la scuola. Tutti dicevano che avrei fatto una brutta fine, ma non tutti sono destinati a finire male, e io non lo ero. Anzi, ero già molto determinato.

Quando Karl Lagerfeld è diventato Karl Lagerfeld?

Non so quand'è successo: nessuno lo sa. È davvero un mistero. Forse il segreto sta nel mio pragmatismo. Anche se disegno pensando al cielo, tengo i piedi ben piantati per terra.

II suo primo ricordo in Fendi?

La prima visita alle cinque sorelle in via Frattina a Roma, in un ex cinema appena trasformato in un enorme salone di pellicceria, con una scenografia simile a quelle di Visconti. Le incontrai e pensai che fossero un mix femminile decisamente molto interessante.

Nulla è lasciato al caso, sul set di campagna. Karl Lagerfeld spiega così la sua scelta: «In un certo senso gli alberi di cemento della scenografa sono aggressivi, al contrario della collezione, che, grazie ai nuovi volumi e ai fori, è moderna, morbida e femminile. Il grigio è lo sfondo migliore per valorizzare questi nuovi colori.

Lei, però, ha subito impresso ironia alle pellicce della Maison.

Ne avevo una visione più moderna, quindi le sorelle mi chiesero di realizzare una mini-collezione in cui i capi venissero indossati in modo diverso. Erano innovativi e fun: divertenti! Le parole Fendi e Fun hanno le stesse iniziali:  le accostai sul tavolo, e fu così che nacque la sigla FF, che sta per "Fun Furs". Le pellicce borghesi non c'erano più.

Ha in mente un modello di donna quando disegna?

Il nostro lavoro consiste nel proporre collezioni che si spera piacciano a molte donne. Scegliere un solo tipo sarebbe troppo drastico.

Non una donna, allora, ma una gatta. La sua Choupette la ispira?

Per me è come un essere umano, è una presenza meravigliosa nella mia vita, morbida, sfuggente e soprattutto silenziosa. È sempre con me ed è il centro del mio mondo. È una specie di Greta Garbo. C'è qualcosa di estremamente elegante in lei, il modo in cui si muove, il modo in cui gioca. È una fonte di ispirazione anche per il suo atteggiamento.

La campagna Fendi è un susseguirsi di forme geometriche, fiori, colori. Come è riuscito a ottenere un mix così sorprendente?

È il segreto del mio mestiere. Non esistono ricette, è il risultato che conta: come ci si arriva non lo sa nessuno, né io, né altri. È la parte più misteriosa del mio lavoro, per questo la amo tantissimo.

More from Gioia!:
Tendenze
CONDIVIDI
Patch me up: mini guida all'utilizzo perfetto
Applicazioni, toppe e ricami: la parola d'ordine è decorare!
Tendenze
CONDIVIDI
#IntoTheNet: la rete fa tendenza
Torna dagli anni '80 e per catturarci con tutto il suo fascino e la sua sensualità!
leggings nude tendenza
Tendenze
CONDIVIDI
Indosseresti mai i leggings nude?
Saranno anche di tendenza ma ci vuole un po' di coraggio per metterli, guardare per credere
What to wear for spring
Tendenze
CONDIVIDI
I vestiti da avere nel guardaroba di primavera
Come si vestono le celeb? I look da copiare per uno street style primaverile degno di Hollywood
Tendenze
CONDIVIDI
Flamingo mania: 10 must have di tendenza
Tutte pazze per i fenicotteri: alla scoperta della tendenza più divertente e ironica della stagione estiva
Tendenze
CONDIVIDI
5 must have che vedrai OVUNQUE quest'estate
Chiara Ferragni ed Eleonora Carisi hanno già cominciato a indossarli: scommettiamo che anche tu cederai al loro fascino?
Tendenze
CONDIVIDI
Stripe a pose!
Da divisa d'inizio secolo per i marinai a capo icona delle dive degli anni '50: ritorna e trionfa lo stile cruise per la primavera 2017
Tendenze
CONDIVIDI
La vie en rose: il bouganville è il colore del 2017
Ottimismo, freschezza, coraggio: questi sono i valori del rosa bouganville, il colore per cui presto perderemo tutte la testa
Tendenze
CONDIVIDI
Tendenza see-through: ispirati alle celeb
Sensuale e ricercato, lo stile see-through affascina in passerella, sul red carpet... e davanti lo specchio di casa! Scopri come...
Tendenze
CONDIVIDI
Gli eventi di moda imperdibili al Fuorisalone
A Milano il design e il fashion sfilano insieme: la lista delle iniziative di moda da non perdere durante la Milano Design Week