Con Karl Lagerfeld nel backstage di campagna della nuova collezione Fendi p/e 2016, ecco cosa ci ha detto!

Sul set della campagna per la p/e 2016 di Fendi firmata dallo stilista tedesco: protagonisti i motivi geometrici e i fiori

Più Popolare

Basterebbe leggere i codici espressivi sottesi al suo inconfondibile look per capire chi è, sul serio, Karl Lagerfeld. Una persona fedele a se stessa (si veste allo stesso modo, pur cambiando dettagli e accessori ogni giorno, da un numero imprecisato di anni), rigida nei suoi codici (lo dicono i leggendari colletti alti inamidati), distante (sennò perché indossare perennemente guanti e occhiali scuri?), spiritosa (si è calato, con incredibile self humour, più nel ruolo di feticcio che di spocchiosa fashion icon), trasgressiva (vista la generosità con cui distribuisce su di sé borchie e catene), trasversale (in lui si intersecano grazia dandy e accenti rock), colta (ogni pezzo che indossa è un pezzo di storia del costume) e finanche pop (piace a tutti: dalla teenager che fa e-shopping alla signora che veste solo Fendi).

Advertisement - Continue Reading Below

Ma la dote che più sorprende in Karl Lagerfeld è, probabilmente, la padronanza con cui si destreggia fra bozzetti di moda e set fotografici, fra citazioni colte e digressioni solo apparentemente casuali, come quelle che attraversano la nuova campagna di Fendi, Maison della quale è, da 50 anni a questa parte, direttore creativo (e, ora, anche fotografo di campagna): «La collaborazione più longeva nel mondo della moda. Tra l'altro, non sono per niente stanco», puntualizza.

Più Popolare

Mi passi l'espressione: lei sembra, per così dire, nato così. Com'era da bambino?

Non ho mai giocato con  altri bambini. Passavo il tempo a disegnare e leggere. Ho sempre amato a disegnare e leggere. Volevo diventare un creatore di fumetti, perché nella soffitta dei miei genitori avevo trovato una rivista dei primi '900 con disegni bellissimi. È stato un miracolo che i miei genitori mi abbiano lasciato andare a Parigi prima che finissi la scuola. Tutti dicevano che avrei fatto una brutta fine, ma non tutti sono destinati a finire male, e io non lo ero. Anzi, ero già molto determinato.

Quando Karl Lagerfeld è diventato Karl Lagerfeld?

Non so quand'è successo: nessuno lo sa. È davvero un mistero. Forse il segreto sta nel mio pragmatismo. Anche se disegno pensando al cielo, tengo i piedi ben piantati per terra.

II suo primo ricordo in Fendi?

La prima visita alle cinque sorelle in via Frattina a Roma, in un ex cinema appena trasformato in un enorme salone di pellicceria, con una scenografia simile a quelle di Visconti. Le incontrai e pensai che fossero un mix femminile decisamente molto interessante.

Nulla è lasciato al caso, sul set di campagna. Karl Lagerfeld spiega così la sua scelta: «In un certo senso gli alberi di cemento della scenografa sono aggressivi, al contrario della collezione, che, grazie ai nuovi volumi e ai fori, è moderna, morbida e femminile. Il grigio è lo sfondo migliore per valorizzare questi nuovi colori.

Lei, però, ha subito impresso ironia alle pellicce della Maison.

Ne avevo una visione più moderna, quindi le sorelle mi chiesero di realizzare una mini-collezione in cui i capi venissero indossati in modo diverso. Erano innovativi e fun: divertenti! Le parole Fendi e Fun hanno le stesse iniziali:  le accostai sul tavolo, e fu così che nacque la sigla FF, che sta per "Fun Furs". Le pellicce borghesi non c'erano più.

Ha in mente un modello di donna quando disegna?

Il nostro lavoro consiste nel proporre collezioni che si spera piacciano a molte donne. Scegliere un solo tipo sarebbe troppo drastico.

Non una donna, allora, ma una gatta. La sua Choupette la ispira?

Per me è come un essere umano, è una presenza meravigliosa nella mia vita, morbida, sfuggente e soprattutto silenziosa. È sempre con me ed è il centro del mio mondo. È una specie di Greta Garbo. C'è qualcosa di estremamente elegante in lei, il modo in cui si muove, il modo in cui gioca. È una fonte di ispirazione anche per il suo atteggiamento.

La campagna Fendi è un susseguirsi di forme geometriche, fiori, colori. Come è riuscito a ottenere un mix così sorprendente?

È il segreto del mio mestiere. Non esistono ricette, è il risultato che conta: come ci si arriva non lo sa nessuno, né io, né altri. È la parte più misteriosa del mio lavoro, per questo la amo tantissimo.

More from Gioia!:
Tendenze
CONDIVIDI
Che ne dici di un outfit anni 60, come BB?
Brigitte Bardot e le altre fashion icon sixties ti danno un consiglio su cosa mettere in valigia per un fine settimana di primavera
Tendenze
CONDIVIDI
Questa modella francese è la nuova Jane Birkin
Si chiama Louise Follain e sembra di rivedere l'attrice nei suoi tempi d'oro: qui ci spiega i suoi segreti di stile
Tendenze
CONDIVIDI
Voglia d'estate: 11 trend da amare
I pezzi chiave di tendenza facili da portare e da mixare nel tuo guardaroba se stai già sognando la spiaggia
Sei hygge?
Tendenze
CONDIVIDI
Come dicono «felicità» i danesi? Hygge
Non sai che cosa vuol dire? Hygge è l'arte del vivere bene e la Danimarca ha il copyright, ma si può prendere spunto da loro
Street style
Tendenze
CONDIVIDI
10 capi di culto dallo street style parisien
I migliori look (fuori) dalle sfilate della capitale francese a cui ispirarsi per il prossimo inverno
Tendenze
CONDIVIDI
Senza reggiseno è meglio! Lo dice la scienza
Il motivo è molto semplice e c'entra la circolazione
Tendenze
CONDIVIDI
Tutti i trend del 2017 da New York
Dal rosso onnipresente alla pelliccia, tutte le tendenze per il freddo che verrà
Tendenze
CONDIVIDI
Come vestirti a un matrimonio in primavera?
Sei l'invitata? Ecco una guida fashion per trovare l'abito e gli accessori adatti a ogni esigenza
Festa della donna 2017: look giallo mimosa
Tendenze
CONDIVIDI
Che ne dici di un look giocato sul giallo?
Per la Festa della donna indossa qualcosa di giallo: oltre a essere il colore delle donne è anche una nuance di tendenza!
stampa check di moda per l'autunno inverno 2017 2018
Tendenze
CONDIVIDI
Con il tartan, la moda si fa a quadretti
Sarà anche vintage, ma nella prossima stagione fredda non potrai resistere al sapore dell'eleganza british