Nude look: ecco perché la moda delle trasparenze piace alle star

Lo stile vedo non vedo piace sempre di più alle celeb: da Beyoncé a Kendall Jenner, scopri perché le star scelgono la sensualità del nude look

Più Popolare

Lo chiamano nude-look, ma farebbero prima a definirlo look delle star. Difficile, infatti, che una ragazza possa andare in giro tra le strade di una qualsiasi metropoli, soprattutto di sera, con un abbigliamento simile a quello adottato dalle dive dello spettacolo, in qualche scena piccante, o in una serata di gala dai contorni boccacceschi.

Ma cos'è il nude-look? Dizionario alla mano, null'altro che un abito da donna molto trasparente da indossare senza biancheria intima, in modo da rendere visibili alcune parti del corpo, generalmente i seni, i glutei, le gambe o l'inguine. Nude-look è anche uno stile di make up dall'effetto naturale, che non intende appesantire il viso con segni troppo marcati o vistosi.

Advertisement - Continue Reading Below

Due sinonimi, anche se in un caso, il primo, si gioca sulla sensualità più sfacciata, esibita, urlata, mentre nell'altro è la raffinatezza, la discrezione, il buon gusto a fare da sottofondo. In effetti i giochi di trasparenze, le scollature sempre più vistose o gli spacchi vertiginosi sono ormai pane quotidiano per certe stelle e stelline del palcoscenico, della tv o del cinema. Il perché è presto detto: più ci si fa vedere, più si fa parlare di sé.

Più Popolare

Ne sanno qualcosa Dayane Mello e Giulia Salemi, le due modelle semisconosciute su cui si è argomentato per settimane a causa dei loro abiti peccaminosi, sfoggiati con disinvoltura sul red carpet di Venezia nel settembre 2016. E come dimenticare Belén Rodriguez e la sua celebre farfallina, mostrata con orgoglio in mondovisione dal palcoscenico dell'Ariston durante un Festival di Sanremo.

La top model Alessandra Ambrosio in nude look.

Ecco, probabilmente il grande successo del nude-look è tutto qui: consente a chi lo adotta di mettersi in mostra, di far lievitare all'improvviso visibilità e interesse nei propri confronti. In fondo, nulla di nuovo rispetto a qualche anno fa. Lo stile vedo non vedo e le audaci trasparenze sono state inventate addirittura negli anni '60, quando dive come Catherine Deneuve turbavano e scuotevano il mondo con i loro abiti sempre più disinibiti, disegnati dagli stilisti più affermati.

Ora, anche se il nude-look è stato in qualche modo sdoganato, resta difficile per una ragazza comune sfoggiare certi capi in pubblico: quando non si ottiene una multa per esibizionismo, si potrebbe rischiare addirittura di peggio.

Di certo c'è che il nude-look, comunque, è un'esplosione di sensualità esibita, un invito a sfrenarsi, a liberarsi di inibizioni e tabù. Qualche esempio? Difficile immaginare Rihanna abbigliata castamente, senza le ormai irrinunciabili trasparenze che mettono in bella mostra il seno, le gambe, la curva del lato B. E che dire di Nicki Minaj, del suo voluminoso fondoschiena e del suo generoso décolleté sempre ostentati in bella mostra durante i suoi spettacoli. Per non parlare di Miley Cyrus o Lady Gaga, le cui esibizioni dal vivo in alcuni casi superano abbondantemente i confini del trash.

Eppure altre dive insegnano che il nude-look può essere anche raffinato, elegante, addirittura pudico, anche se pur sempre malandrino. Chiedete a Gwyneth Paltrow, che alla prima di Iron Man 3 ha messo in mostra un abitino con vista laterale e posteriore mozzafiato, o alla sofisticata Audrey Tautou che spesso abbina ricami e trasparenze hot con allegre gonne colorate.

Si può essere sexy, insomma, anche senza essere necessariamente sfacciate,in ossequio alle più elementari regole della seduzione. Ecco perché forse sono gli stessi uomini a preferire il nude-look, ma nella sua accezione riferita al trucco. Il make up naturale è adatto a tutte le occasioni, non si vede ma allo stesso tempo riesce a conferire un aspetto curato e poco costruito. C'è ma è come se non ci fosse, è discreto, poco appariscente, educato. In altre parole, ha stile. Uno stile adatto a tutte, non soltanto alle star o a chi vuole a tutti i costi far parlare di sé, in qualsiasi modo.

La modella Emily Ratajkowski
More from Gioia!:
Tendenze
CONDIVIDI
E poi arriva la foto della Turani in intimo e capisci che forse "no, non è una di noi"
E invece sì, lo è eccome. Grazie Paola, tvb
Tendenze
CONDIVIDI
Marketplace, l'e-commerce di Facebook dove vendere e comprare l'usato è la svolta del secolo?
Che lo shopping sia con te
Tendenze
CONDIVIDI
I pezzi moda più caldi per combattere il freddo vestendo sempre elegante
Per le più freddolose, non temete, si può essere alla moda anche quando le temperature si abbassano. Ecco i trucchi per stare al caldo con...
Tendenze
CONDIVIDI
TEAM BROWN
Quante volte abbiamo sentito parlar male di un colore che, in realtà, è mettibilissimo? E sa anche essere più che sexy
Tendenze
CONDIVIDI
Guida ai tessuti: 3 tipi di cotone che dovresti conoscere
Facile dire cotone... ma di quale tipo stiamo parlando? Ecco la guida per riconoscerli e per sceglierli in base alle tue esigenze!
Tendenze
CONDIVIDI
Perché Chiara *brilla* nelle stories di Instagram?
Su Instagram, spesso la si vede abbagliante come una stella: a cosa è dovuta quella luce tutta in favore di outfit?
Come abbinare l'arancione, colore must dell'inverno 2018? 5 abbinamenti da copiare
Tendenze
CONDIVIDI
Arancione mon amour: come abbinarlo per l'inverno 2018
Orange is the new black e su questo non c'è dubbio, ma come indossare al meglio il colore di tendenza più cool dell'inverno... e non solo?
Scarpe velluto rosa da abbinare tailleur pigiama
Tendenze
CONDIVIDI
Tailleur pigiama: con che scarpe lo metto?
Ormai ci si va in giro tranquillamente anche fuori casa, ma occhio alle scarpe: con il pink velvet andate sul sicuro
Tendenze
CONDIVIDI
I pantaloni leopardati sono l'azzardo più sensato dell'inverno 2018. E poi quanto stile!
Ps: Bella Hadid e Kaia Gerber insegnano come abbinarli
Tendenze
CONDIVIDI
Perché Milano ha vinto il mese della moda
Non più un fanalino di coda tra le capitali della moda, bensì una voce che sa imporsi con coraggio: a chi va il merito? A Gucci, ad Armani,...