Moda e design: i gioielli Dodo incontrano la creatività di Matteo Cibic

I preziosi e iconici charms di casa Dodo, gli animali dei ciondoli del brand, riletti dal designer Matteo Cibic ne Il paradiso dei sogniuno zoo onirico mai visto prima​!

Da Dodo, il buffo pennuto che non sapeva volare, l'uccello estinto che ha ispirato la collezione dell'ominimo brand, ai nuovi "personaggi" di Matteo Cibic: un bestiario onirico in cui la ceramica si fonde ai metalli preziosi. Due mondi a confronto, che dialogano in modo sorprendente e inatteso. È successo al Salone del mobile di Milano, e a spiegarci come sia potuto accadere è lo stesso designer, Matteo Cibic. 

Advertisement - Continue Reading Below

In questo safari visionario, quale animale racchiude il suo mondo artistico e quale quello di Dodo? 

Il mio immaginario è da sempre popolato da architetture impossibili, abitate da esseri antropomorfi. Queste mie fantasie stilistiche negli anni si sono trasformate in famiglie di personaggi, ognuno con un suo preciso carattere. Per Dodo ho voluto esplorare e reinventare il prezioso universo creativo del brand, immaginando un safari visionario che permettesse al visitatore un viaggio fantastico nei miei sogni.

Più Popolare

Visto che il suo progetto si chiama Il Paradiso dei sogni, qual é il suo sogno nel cassetto?

A breve, produrre scenografie teatrali interattive nelle quali ascoltare e vivere la musica classica come mai prima.

Il personaggio preferito del suo immaginario che negli anni è divenuto opera d'arte?

Domsai. E' un personaggio con le gambe in ceramica e la testa di vetro, che formula pensieri "ecologici" grazie alla presenza di una piantina al suo interno.

E quello che deve ancora essere tramutato in realtà? 

Penbo, un orso ciclopico con le zampine da talpa.

Tra i personaggi che negli anni ha creato, ce n'è uno che le assomiglia di carattere? Se sì, quale e perché?

Drugo, è di animo gentile e elegante.

E quale, invece, trasformerebbe in un gioiello da donna? Per quale donna? 

Penserei ad un gioiello che si può comporre e indossare in diversi modi. Liberamente, personalizzandolo, scomponendolo, reinterpretandolo. Potrebbe essere… Il cane con la coda da uccello, protagonista di una serie di  anelli da mettere indossare sullo  stesso dito o su diverse  dita della stessa mano. La donna a cui penso è una donna elegante e con uno spiccato senso dell'ironia.

More from Gioia!:
Accessori
CONDIVIDI
Le influencer fanno squadra BANDANA
LEI è l'accessorio più cool della primavera: molto meglio di un gioiello
Accessori
CONDIVIDI
Occhi di gatto: 10 occhiali da sole da amare
Come negli anni '50, nell'estate 2017 i sunglasses sono da gatta: tutti i modelli più cool, con (anche) un tocco di bianco
moda estate 2017 accessori cool cappello visiera tennis
Accessori
CONDIVIDI
Quest'estate, mai più senza la visiera
Il cappello da baseball e da tennis tornano di moda: che ne dici di scoprire i must have delle passerelle?
Accessori
CONDIVIDI
Polaroid Eyewear: colori e protezione per i più piccoli
Forme contemporanee, alta protezione e tonalità vivaci: la nuova collezione di occhiali da sole con lenti polarizzate Polaroid rende i...
Orologi gioiello top donna al Salone di Basilea 2017
Accessori
CONDIVIDI
25 orologi gioiello che fanno perdere la testa
Veri e propri pezzi da 90: i must have e i top di gamma per lei visti al Salone di Basilea 2017
Accessori
CONDIVIDI
Ombrello, come potremmo stare senza di te?
In molte pensano che sia scomodo, in poche sanno quanto sia glam: 5 motivi per cui dovresti sempre averne uno con te
Accessori
CONDIVIDI
9 accessori salva look nella mezza stagione
Dagli stivali da pioggia al turbante: la guida allo shopping per non farsi mai trovare impreparate in primavera
Accessori
CONDIVIDI
In primavera, l'anello si porta simply chic!
8 gioielli che conquistano al primo colpo per la loro semplicità
Accessori
CONDIVIDI
La bellezza della semplicità
Paola Turani presenta i nuovi gioielli Morellato, con charms intercambiabili
Accessori
CONDIVIDI
Gli occhiali da sole TOP da copiare alle celeb
Quale modo migliore di iniziare la bella stagione se non un paio di lenti scure?