Raf Simons: chi è il nuovo direttore creativo di Calvin Klein?

Dagli studi come designer di arredamento alla direzione stilistica di Dior, passando per Jil Sander: 5 cose da sapere sul nuovo stilista del marchio americano

Raf Simons è il nuovo direttore creativo di Calvin Klein: ma chi è questo stilista che, negli anni, ha rivoluzionato la moda? Forse saprai che ha reso contemporaneo lo stile di Dior, ma non è l'unica maison per cui ha fatto il miracolo. Non solo: non ha studiato per diventare designer di moda e crede nell'unicità di ogni singolo individuo. Se sei curiosa di saperne di più, sfoglia la gallery!

Advertisement - Continue Reading Below

1 Classe 1968, belga

Raf Simons nasce nel 1968 nella cittadina di Neerpelt, in Belgio. Il suo interesse iniziale non è la moda, bensì l'arredamento, tanto che nel 1991 si laurea in Industrial Design e Furniture Design. Comincia la sua carriera nello studio di Walter Van Beirendonck, visionario stilista belga. Nel 1995 crea la sua linea omonima dedicata al menswear.

Advertisement - Continue Reading Below

2 La svolta con Jil Sander

Simons, dal 2005 al febbraio 2012, prende le redini della direzione creativa di Jil Sander sia per le collezioni femminili che maschili. Il suo approccio pulito alla moda, senza sovrastrutture, giova molto alla griffe, tanto che la maison torna al livello cui era stata portata dalla fondatrice (nell'immagine, collezione primavera estate 2007 di Jil Sander).

Advertisement - Continue Reading Below

3 La chiamata da Dior

Il designer belga, nel 2012, dice addio a Jil Sander per la maison Christian Dior: un onore all'inizio, un onere poi. Per quanto Simons sia in grado di rendere contemporanea l'immagine della griffe, subisce la pressione dovuta alla creazione di sei collezioni l'anno (nel 2014, infatti, aveva deciso di dividere il proprio team creativo in due, così da poter alternare le risorse). Nonostante questo passo sia grande aiuto, non è comunque abbastanza: il dover portare sempre idee fresche e nuove, con una scadenza così serrata, per Raf Simons continua a essere un problema. E a ottobre 2015 lascia l'incarico, dopo soli due anni: la collezione primavera estate 2016 è l'ultima che disegna per Dior (nella foto, la chiusura della sfilata). Quello tra Dior e Simons è l'ennesimo sodalizio creativo a scoppiare nel mondo della moda. La maison è ora sotto la guida creativa di Maria Grazia Chiuri, ex Valentino.

Advertisement - Continue Reading Below

4 Lo stile

Il suo motto è: «Pride in individuality», orgoglio nel proprio essere unici. Tanto che la sua massima ispirazione sono le subculture, gruppi di persone che si differenziano dalla massa per interessi e visione del mondo. Fin dalla prima collezione la musica, l'arte e la letteratura hanno un'influenza fondamentale nelle sue creazioni. La moda di Simons è legata al design di arredamento, visti i suoi studi: linee pulite, equilibrio di volumi, assenza di sovrastrutture per un'eleganza moderna che rifugge gli eccessi. In pieno stile belga (nell'immagine la collezione primavera estate 2015 disegnata per Dior).

Advertisement - Continue Reading Below

5 Il futuro in Calvin Klein

Raf Simons, ora, è il nuovo direttore creativo di Clavin Klein sia per le collezioni donna sia uomo (prende il testimone da Francisco Costa e Italo Zucchelli). I rumors su un suo passaggio in Calvin Klein hanno iniziato a trapelare nel marzo 2016. C'è già chi dice che sarà un matrimonio creativo di successo: Simons potrebbe fare un ottimo lavoro per il marchio statunitense, soprattutto perché designer e griffe hanno una comune visione della moda.

More from Gioia!:
cappotti-donna-moda-inverno-2018
Abbigliamento
CONDIVIDI
Cappotto, il pezzo forte dell'inverno si fa in 8
Cammello, bianco, nero, rosso, fantasia, scozzese, bluette, check e grigio: grandi classici da portare in modo nuovo
Maye Musk modella 70 anni
Personaggi
CONDIVIDI
La modella più ricercata del momento ha quasi 70 anni
Non solo, è anche dietologa e madre di Elon Musk, l'inventore di PayPal e Tesla
Tendenze
CONDIVIDI
Perché Milano ha vinto il mese della moda
Non più un fanalino di coda tra le capitali della moda, bensì una voce che sa imporsi con coraggio: a chi va il merito? A Gucci, ad Armani,...
Sfilate primavera estate 2018: i trend beauty da Parigi
Look
CONDIVIDI
25 incredibili beauty look dalla PFW
I make up e gli hairstyling più creativi dalla Ville Lumière
Kaia Gerber on the Chanel spring/summer 2018 catwalk
Abbigliamento
CONDIVIDI
Chanel: il paradiso all'improvviso
Scenografia da urlo e abiti indimenticabili: la sfilata firmata da Karl Lagerfeld andata in scena alla Paris Fashion Week
Sfilate primavera estate 2018: il primo défilé L'Oréal sugli Champs-Élysées
Look
CONDIVIDI
Parigi: il défilé democratico sugli Champs-Élysées
Migliaia di parigini e di turisti hanno assistito gratis al primo show sull'Avenue
Valentino spring summer 2018
Abbigliamento
CONDIVIDI
La primavera 2018 secondo Valentino
Abiti romantici ma mai leziosi: le femminilità della prossima stagione calda secondo Valentino
Borse
CONDIVIDI
Chloé: 7 borse che fanno battere il cuore
Natacha Ramsay-Levi, al suo debutto come direttore creativo di Chloé, non delude per niente e, anzi, stupisce mantenendo ben chiaro il dna...
Abbigliamento
CONDIVIDI
5 outfit da copiare alle donne francesi
Dopo New York, Londra e Milano, ora è la volta di Parigi: la moda riempie le strade della città più romantica del mondo...e a noi è venuta...
Abbigliamento
CONDIVIDI
Dior: la prossima primavera tra realtà e utopia
L'evoluzione del femminismo in chiave Dior incanta Parigi e Maria Grazia Chiuri riesce nel miracolo di superare sé stessa