Fabri Fibra e Nesli, fratelli coltelli (ma sono in buona compagnia)

Il rapper marchigiano è tornato con il brano Fenomeno, dove, tra gli altri, punzecchia il solito, odiato, fratello e collega Nesli; ma quella dell'antipatia tra coppie di fratelli famosi è cosa molto diffusa, e male, o per nulla, nascosta

La buona notizia è che Fabri Fibra, che alla soglia dei 41 ha ancora pochi rivali in Italia in fatto di rime, è tornato. E chissà che cosa ne penseranno i suoi non proprio migliori amici J-AX e Fedez, anche se al momento, ascoltando il singolo-bomba Fenomeno, che anticipa il suo nuovo album in uscita ad aprile, sembra che l'attenzione di Fibra sia concentrata altrove. Dove? Beh, è qui che arriva la "cattiva" notizia, perché dal testo della canzone è palese che il più grande dei fratelli Tarducci non ha ancora, dopo anni di diatribe, fatto pace pace con il più piccolo dei due, ovvero Francesco in arte Nesli. Che, dopo un non brillantissimo Festival di Sanremo all'insegna di Queen Mary, si è reinventato una potenziale carriera lontano dal palco e vicino ai fornelli, diventando protagonista di Celebrity Masterchef. E proprio a questa "seconda vita" di Nesli, Fibra dedica le strofe: Voglio vedervi ballare/ Sì, chef/ Voglio vedervi sudare/ Sì, chef/ E non chiamatemi chef/ Sì, chef/ Animali in casa mia/ Covo di bisce. Piuttosto chiaro quanto buon sangue scorra tra i due che, comunque, non sono certo i soli fratelli famosi a non sopportarsi...

Advertisement - Continue Reading Below

1 Noel e Liam Gallagher

Le loro liti sono leggendarie, così come gli insulti, le accuse, le riappacificazioni e, di nuovo, gli scoppi d'ira. Tra un Liam che accusa Noel di «essere un venduto» (perché aveva concesso un brano degli Oasis per uno spot) e un Noel che ribatte dicendo che «non perdonerò mai Liam» (per tutte le grane che ha piantato durante i loro tour, tipo sparire dal palco nel mezzo di una canzone e non tornare più) i Gallagher ci hanno intrattenuto dal 1991, anno in cui il mondo li ha conosciuti per i meravigliosi musicisti quali sono, a oggi. E proprio in queste ore pare ci sia speranza per un nuovo riavvicinamento tra i due: Liam ha, infatti, postato sul suo account Twitter una foto che lo vede mostrare un pass per il concerto del fratello: provocazione oppure disgelo?

Advertisement - Continue Reading Below

2 Paola e Chiara

Il loro sembrava un sodalizio di ferro sigillato dal più viscerale amor di sorellanza. E invece anche per le due Iezzi l'incantesimo, dal 2013 e dopo 17 anni di carriera fianco a fianco, si è rotto e lite, seppur pacata e molto perbene, fu. Tra vagamente lagnosi «ci sono rimasta malissimo per ...» e più schietti «non ne potevamo più di fare ogni cosa insieme, avevamo voglia di essere libere (concetto ripetuto in diversi modi da entrambe)», Paola e Chiara, le sorelle macina hit, mantengono toni freddini se interrogate sul loro rapporto. Amiche come prima, cantavano. Appunto.

Advertisement - Continue Reading Below

3 Madonna e Christopher Ciccone

Anche Madonna, di nuovo mamma over 50 dei due gemelle, ha le sue "serpi" in seno. Era il 2008 quando Christopher Ciccone disse a Deborah Roberts e a milioni e milioni di telespettatori, nella trasmissione della Abc Good Morning America: «Vede, da quando è diventata una star, mia sorella ha esercitato il suo potere su ogni cosa e su ogni persona che ha avuto a portata di mano. Ora ci sono tre cose che non può più controllare: il fatto che il 16 agosto compie 50 anni, suo marito Guy Ritchie (ora ex marito), e me.». Quello fu l'annus horribilis dei due fratelli, fino a quel momento non solo affiatatissimi ma anche partner di lavoro visto che Christopher è stato a lungo art director e stilista personale di Madonna. Poi, di punto in bianco, il fratello minore di 2 anni (uno dei sei della cantante) ha pubblicato un libro al vetriolo dal titolo piuttosto esplicito Life with my sister Madonna, che in oltre 300 pagine raccontava un po' di tutto sul conto della regina del Pop. Ciò nonostante oggi i due quantomeno si parlano, anche se il feeling del passato pare compromesso per sempre, d'altronde la regina perdona ma non dimentica.

Advertisement - Continue Reading Below

4 La Toya e Janet Jackson

Una delle più famose, numerose, talentuose e disfunzionali famiglie del mondo dello spettacolo è senz'altro quella dei Jackson. Per una volta, però, lasciamo in pace il povero Michael per parlare invece di La Toya e Janet, che più che sorelle, almeno in origine prima cioè dei deturpanti interventi di chirurgia plastica di la Toya, sembravano gemelle. Ma che, purtroppo, si sono spesso trovate ai ferri corti: a cavallo tra gli anni 80 e 90 La Toya ha avuto un manager nonché marito, Jack Gordon, violentissimo nei suoi confronti e che arrivò anche a minacciare di morte la sorella Janet che cercò di mettersi in mezzo a quella relazione. In quel periodo La Toya scrisse un'inquietante autobiografia intitolata "La Toya: Growing Up in the Jackson Family dove accusava il padre di molestie; Janet incolpò di nuovo Gordon dicendo che stava facendo «il lavaggio del cervello» alla sorella maggiore. Chiusa la parentesi Gordon le due si sono riavvicinate e solo pochi giorni fa La Toya ha per la prima volta parlato pubblicamente delle violenze subite dall'ex marito Gordon.

Advertisement - Continue Reading Below

5 Gabriele e Silvio Muccino

Silvio Muccino, dopo anni di silenzio o al massimo di qualche lasciata a intendere assai vaga, ha infinedetto la sua durante un'intervista con Massimo Giletti sul fratello Gabriele (pigmalione della nuova stellina del cinema italiano Matilda Lutz)E non ci è andato leggero: «Mio fratello è un violento e sono stato costretto a testimoniare il falso in suo favore nella causa di separazione dalla sua ex moglie.». Ex moglie che, a dire di Silvio, sarebbe stata pesantemente malmenata dal regista, al punto da aver subito la perforazione del timpano. «Sono stato indotto - ha aggiunto Silvio - a mentire e ho negato questo schiaffo davanti ai pm. La mia famiglia ha fatto figurare che fosse un incidente avvenuto in piscina. E alla fine io ho reso falsa testimonianza. Era una mia responsabilità e scelsi la mia famiglia anziché la verità, non me lo sono mai perdonato, avevo 24 anni e feci crack». Lapidaria la conclusione: «Non aprirò la porta a mio fratello, non sono un'ipocrita. Spero che questa sia la parola fine su questa vicenda perché io ho detto la verità e la verità rende liberi.». 

Advertisement - Continue Reading Below
More from Gioia!:
Storie
CONDIVIDI
Quello che nessuna madre osa dire sul proprio figlio (ma che pensa davvero)
L'ironia langue quando una madre parla dei propri figli, per cui se non ne potete più di ritratti irreali di bambini perfetti, leggete qui...
Baby modella in sfilata
Storie
CONDIVIDI
Baby modelle, luci e ombre del backstage
C'è chi comincia da piccolissima, chi sogna di farlo anche da grande: un libro (e questa inchiesta) racconta le loro infanzie «da catalogo»
Storie
CONDIVIDI
Manterrupting: come liberarsi dalla brutta abitudine maschile di interrompere i nostri discorsi
Avete presente quella volta che un collega o un amico vi ha interrotte per dire la sua e voi siete rimaste lì, mortificate? Ebbene, siete...
Sbarchi migranti Italia navi Marina militare reportage: il soccorso ai profughi
Storie
CONDIVIDI
Migranti: siamo stati sulla nave che presta soccorso
Oltre 12mila profughi in 48 ore: noi eravamo a bordo delle navi della Marina Militare, ecco il reportage esclusivo di Gioia!
Storie
CONDIVIDI
Che cos'è il manspreading e perché, almeno una volta, ne sei stata vittima anche tu
L'invasione machista dello spazio altrui è diventata tema di dibattito, al punto che in alcune città del mondo si stanno attivando divieti...
Storie
CONDIVIDI
Cosa succederebbe se Facebook sparisse?
Quali sarebbero le reali conseguenze se il social network più famoso al mondo d'improvviso non esistesse più? Beh, che non rimarrebbe...
Storie
CONDIVIDI
Gioia! Smart awards 2017: tutti i premiati
I personaggi e i prodotti che hanno avuto quest'anno il premio di Gioia!
Storie
CONDIVIDI
La grande festa dei Gioia! Smart Awards 2017
Il Ballo di Brera e il party di Gioia!, che ha voluto premiare personalità con qualcosa in più...decisamente smart!
Storie
CONDIVIDI
Gioia! Let's dance: l'exhibition per gli 80 anni
8 decenni di moda e costume raccontati attraverso il ballo e le pagine del nostro giornale, nato nel 1937: a Milano dal 21 al 24 giugno
Storie
CONDIVIDI
Cannabis: legalizzarla o no?
Dimenticate il mite spinello: oggi è 25 volte più forte di un tempo, ma quasi nessuno lo sa, e in Italia l'ha provata un adolescente su...