Il breakfast party di Gioia! al Mandarin Oriental

Gioia! ha organizzato un evento speciale insieme ai nomi più prestigiosi dell'universo fashion per celebrare la moda, con due speciali formato XL in edizione limitata realizzati per l'occasione

Che divertente incontrarsi per la prima colazione. Così noi di Gioia! abbiamo organizzato un breakfast party. Dove? Al Mandarin Oriental, dove i milanesi e gli stranieri di passaggio in città hanno ormai un appuntamento fisso, ma per l'aperitivo. Noi, che fare le cose regolari non ci piace, abbiamo invitato alle 9 del mattino un po' di amici sostenitori del giornale, rappresentanti delle più importanti e interessanti aziende fashion così, giusto per ribadire che la moda su Gioia! è…

1. Libera, perché non ama le imposizioni

2. Senza pregiudizi, perché tutti hanno il diritto di essere alla moda

3. Spiritosa, perché la moda è un gioco

4. Autorevole, perché anticipa e crea le tendenze

5. Ispirazionale, perché dà tante idee

6. Raffinata, perché il buon gusto è nel suo Dna

7. Giovane, perché un bell'abito ha valore a qualsiasi età

8. Femminista, perché il guardaroba è mio e me lo gestisco io

9. Facile, perché con i pezzi giusti ci vuole un attimo a essere trendy

10. Gioiosa, perché mantiene la promessa che ha nel suo nome

Un vademecum per gli ospiti, ai quali abbiamo regalato due speciali moda di Gioia! in edizione limitata, formato XL. La moda occupa sempre più spazio!

(tutte le foto sono di Vidrio Studio)


Advertisement - Continue Reading Below

A destra, il direttore di Gioia! Maria Elena Viola con Viviana Caslini (al centro), di Gruppo Richemont, e Michela Gattermayer, direttore moda.

A sinistra, Giacomo Moletto, amministratore delegato e direttore generale di Hearst Magazines Italia, e, alla sua sinistra, Laura Franco di Benetton.

Advertisement - Continue Reading Below

Coffee break, con Giovanna Pinna (Chanel) e Marco Cancelliere, direttore generale Advertising Hearst Magazines Italia.

Da sinistra, Alberto Vecchione, direttore commerciale altri mercati e centri media di Hearst Magazines Italia, Roberta Gamba, Carlotta Brusati (Gucci) e Paola Fumagalli di Hearst Magazines Italia.

Advertisement - Continue Reading Below

Da sinistra, Michela Alpi, publishing director women brands di Hearst Magazines Italia con Francesca Pacciani (Prada) e Marco Cancelliere.

Da sinistra, Lorenza Vailant (Valextra), Francesca Pacciani (Prada), Roberta Gamba e Isabella Paolini (Prada).

Advertisement - Continue Reading Below

Da sinistra, Manuela Migliosi, group publisher di Hearst Magazines Italia con Gianluca Scarcella (Giorgio Armani) e Annamaria Aprea di Hearst Magazines Italia.

Da sinistra, Laura Franco (Benetton) e Lara Bernardi (Borbonese).

Advertisement - Continue Reading Below

Maria Elena Viola con il direttore del Mandarin Oriental, Luca Finardi.

Da sinistra, Roberta Gamba, direttore commerciale moda e lusso di Hearst Magazines Italia, con Marco Achilli (Ermanno Scervino).

More from Gioia!:
Storie
CONDIVIDI
Cosa succederebbe se Facebook sparisse?
Quali sarebbero le reali conseguenze se il social network più famoso al mondo d'improvviso non esistesse più? Beh, che non rimarrebbe...
Storie
CONDIVIDI
Gioia! Smart awards 2017: tutti i premiati
I personaggi e i prodotti che hanno avuto quest'anno il premio di Gioia!
Storie
CONDIVIDI
La grande festa dei Gioia! Smart Awards 2017
Il Ballo di Brera e il party di Gioia!, che ha voluto premiare personalità con qualcosa in più...decisamente smart!
Storie
CONDIVIDI
Gioia! Let's dance: l'exhibition per gli 80 anni
8 decenni di moda e costume raccontati attraverso il ballo e le pagine del nostro giornale, nato nel 1937: a Milano dal 21 al 24 giugno
Storie
CONDIVIDI
Cannabis: legalizzarla o no?
Dimenticate il mite spinello: oggi è 25 volte più forte di un tempo, ma quasi nessuno lo sa, e in Italia l'ha provata un adolescente su...
Storie
CONDIVIDI
«Come mia sorella mi ha rubato il fidanzato»
Una pubblica umiliazione davanti alla famiglia intera è una sofferenza immensa, ma utile: ti insegna a perdere senza andare in pezzi
Storie
CONDIVIDI
«Se i miei figli non crescono, io torno ragazza»
Le nostre mamme avevano la sindrome del nido vuoto, i miei figli invece restano accampati a casa, nel caos
Storie
CONDIVIDI
Italiani, popolo di ignoranti?
Un'indagine di Libreriamo mette in luce la scarsa propensione per la cultura e la lettura dei nostri connazionali
Storie
CONDIVIDI
Shampoo (r)evolution: i nuovi parrucchieri
I saloni sono diventati posti pieni di idee, dove tra phon e lavello si fanno corsi di storytelling, aperitivi e sfilate
Diritti delle donne
Storie
CONDIVIDI
A che punto siamo con i diritti delle donne?
Le conquiste femminili in Italia e nel mondo, tra passi in avanti e anacronismi (e divieti) senza senso