Il mondo visto dagli Emmy

È la sagra della tv. Celebrata domenica scorsa a Los Angeles, la notte degli Emmy, oltre che lo stato della televisione, illustra come siamo fatte noi che la guardiamo

Si è svolta anche quest'anno, con il trionfo consueto de Il trono di spade e qualche new entry interessante, la notte degli Emmy: i premi della tv. Che come sempre, oltre a premiare il meglio del piccolo schermo, rivela qualcosa di noi che lo guardiamo.

Advertisement - Continue Reading Below

Siamo abitudinarie

Ogni anno ci poniamo le stesse domande, e ci diamo le stesse risposte. Cosa diavolo è una "serie limitata"? (Quella che ha una storia lunga una stagione). Perché Transparent è candidata tra le commedie? (Perché gli episodi durano mezz'ora). Chi ha vinto nella categoria "Drama"? (Il trono di spade: con 38 Emmy, la serie più premiata di sempre).

Advertisement - Continue Reading Below

Siamo tolleranti

Almeno in pubblico. «A Hollywood, c'è una sola cosa più importante della diversità: vantarsi di quanta importanza viene data alla diversità», ha detto Jimmy Kimmel nel monologo d'apertura. Jeffrey Tambor, che ha vinto (ancora) come protagonista di Transparent, vorrebbe «essere l'ultimo uomo cisgender nel ruolo di una donna trans. Dobbiamo restituire a loro le loro storie». O più sinteticamente: «Abbattere il patriarcato», come ha strillato la regista (pure premiata) Jill Soloway.

Advertisement - Continue Reading Below

Preferiamo le donne in politica

Però squinternate. Quindi nessun premio a Robin Wright/Claire Underwood, altera e irraggiungibile regina di House of Cards, ma il quinto Emmy consecutivo – il nono in carriera – per Julia Louis-Dreyfus, la (vice) presidente di Veep, miglior serie comica: «Quando abbiamo iniziato facevamo satira, adesso sembra più un documentario di denuncia».

Advertisement - Continue Reading Below

Ci piacciono le storie vere

Ma vorremmo cambiare il finale. Sarah Paulson ha ritirato il premio accompagnata dalla vera Marcia Clark, il pubblico ministero – massacrata dall'opinione pubblica – cui offre umano riscatto in American Crime Story: il caso O. J. Simpson. Un trionfo in nove Emmy, tra cui miglior "serie limitata".

Advertisement - Continue Reading Below

Crediamo ancora a tutto

Basta saperlo raccontare. Rami Malek ha vinto come miglior attore protagonista per Mr. Robot, e reso omaggio alla parte più alienata di noi. Ma più sorprendente è stata la statuetta a Tatiana Maslany, che in Orphan Black incarna le cinque protagoniste, e almeno altrettanti cloni di passaggio: un'enciclopedia esaustiva della natura femminile. Più che un esercizio di stile, un trucco di magia.

More from Gioia!:
Molestie Fausto Brizzi
Storie
CONDIVIDI
Molestie: con Brizzi lo scandalo arriva in Italia, e ora?
I nomi emersi fin qui sono solo la punta di un iceberg, che non riguarda solo il cinema: come difenderci? Ripartendo da noi
Storie
CONDIVIDI
Noi, italiani expat a Barcellona, vi parliamo della Catalogna
Sono arrivati anni fa in una città accogliente e cosmopolita: ora ci raccontano la (difficile) quotidianità del capoluogo catalano
Donne potere leadership femminile
Storie
CONDIVIDI
Ragazze con i superpoteri
Cosa succederebbe se fossero le giovani donne a governare il mondo? Potrebbero riscrivere le regole del potere
Calendario Pirelli 2018 Duckie Thot
Storie
CONDIVIDI
Calendario Pirelli 2018: Alice si fa black
Presentato a New York e firmato da Tim Walker è un manifesto al tema dell'inclusione e un inno alla diversità
Ho 13 anni e sono una bulla
Storie
CONDIVIDI
"Ho 13 anni e sono una bulla": la testimonianza shock
Mentre Amnesty International lancia una campagna contro il bullismo, una ragazza ci ha raccontato come ci si ammala di violenza
Violenza sulle donne denuncia
Storie
CONDIVIDI
Violenza sulle donne: "Lo denuncio, e dopo?"
Molte vittime si rivolgono all'autorità giudiziaria, ma per proteggerle ci vorrebbe un processo veloce e adeguato: ne parla un corto
Molestie sessuali metoo confessione
Storie
CONDIVIDI
"Non sapevo con che occhi guardarmi: vittima o carnefice di me stessa"
La testimonianza di una lettrice all'insegna dell'hashtag #metoo: "A 24 anni non avevo chiaro che stavo subendo una molestia"
Millennials calo nascite Italia motivi
Storie
CONDIVIDI
Cosa fa paura alle millennial che non fanno figli?
Lo abbiamo chiesto alle dirette interessate, mentre le statistiche consegnano l'Italia a un destino di culle vuote
Molestie sessuali  campagna dauomoauomo
Storie
CONDIVIDI
Violenza di genere: l'invito agli uomini a dirsi contro
Il terremoto Weinstein ha aperto ovunque crepe profonde: anche in Italia, dove arriva una campagna che passa il testimone ai maschi
influencer-dalle-uova-d-oro-danielle-bernstein-camila-coehlo-aimee-song
Storie
CONDIVIDI
Influencer dalle uova d'oro
Basta che in un post indossino un abito perché diventi subito sold out: viaggio tra i nuovi guru del fashion system