Il mondo visto dagli Emmy

È la sagra della tv. Celebrata domenica scorsa a Los Angeles, la notte degli Emmy, oltre che lo stato della televisione, illustra come siamo fatte noi che la guardiamo

Si è svolta anche quest'anno, con il trionfo consueto de Il trono di spade e qualche new entry interessante, la notte degli Emmy: i premi della tv. Che come sempre, oltre a premiare il meglio del piccolo schermo, rivela qualcosa di noi che lo guardiamo.

Advertisement - Continue Reading Below

Siamo abitudinarie

Ogni anno ci poniamo le stesse domande, e ci diamo le stesse risposte. Cosa diavolo è una "serie limitata"? (Quella che ha una storia lunga una stagione). Perché Transparent è candidata tra le commedie? (Perché gli episodi durano mezz'ora). Chi ha vinto nella categoria "Drama"? (Il trono di spade: con 38 Emmy, la serie più premiata di sempre).

Advertisement - Continue Reading Below

Siamo tolleranti

Almeno in pubblico. «A Hollywood, c'è una sola cosa più importante della diversità: vantarsi di quanta importanza viene data alla diversità», ha detto Jimmy Kimmel nel monologo d'apertura. Jeffrey Tambor, che ha vinto (ancora) come protagonista di Transparent, vorrebbe «essere l'ultimo uomo cisgender nel ruolo di una donna trans. Dobbiamo restituire a loro le loro storie». O più sinteticamente: «Abbattere il patriarcato», come ha strillato la regista (pure premiata) Jill Soloway.

Advertisement - Continue Reading Below

Preferiamo le donne in politica

Però squinternate. Quindi nessun premio a Robin Wright/Claire Underwood, altera e irraggiungibile regina di House of Cards, ma il quinto Emmy consecutivo – il nono in carriera – per Julia Louis-Dreyfus, la (vice) presidente di Veep, miglior serie comica: «Quando abbiamo iniziato facevamo satira, adesso sembra più un documentario di denuncia».

Advertisement - Continue Reading Below

Ci piacciono le storie vere

Ma vorremmo cambiare il finale. Sarah Paulson ha ritirato il premio accompagnata dalla vera Marcia Clark, il pubblico ministero – massacrata dall'opinione pubblica – cui offre umano riscatto in American Crime Story: il caso O. J. Simpson. Un trionfo in nove Emmy, tra cui miglior "serie limitata".

Advertisement - Continue Reading Below

Crediamo ancora a tutto

Basta saperlo raccontare. Rami Malek ha vinto come miglior attore protagonista per Mr. Robot, e reso omaggio alla parte più alienata di noi. Ma più sorprendente è stata la statuetta a Tatiana Maslany, che in Orphan Black incarna le cinque protagoniste, e almeno altrettanti cloni di passaggio: un'enciclopedia esaustiva della natura femminile. Più che un esercizio di stile, un trucco di magia.

More from Gioia!:
Storie
CONDIVIDI
Woody Allen e le molestie sulla figlia Dylan Farrow: 25 anni dopo il cinema crede a lei
25 anni fa il regista non è stato incriminato per gli abusi sulla figlia adottiva Dylan Farrow, ma ora lei rilancia la sua versione
Attrici contro molestie
Storie
CONDIVIDI
Ambra Angiolini, Cristina Comencini, Lunetta Savino: le attrici italiane rompono il silenzio contro le molestie sessuali
Con Dissenso comune, lettera-manifesto sottoscritta da 124 attrici, registe e lavoratrici del cinema, s'inaugura il #Time's Up italiano
Alzheimer cura
Storie
CONDIVIDI
L'alzheimer, una malattia crudele: i nuovi luoghi per la cura e l'assistenza dei malati
Mentre le aziende farmaceutiche abbandonano la ricerca per una cura, famiglie e associazioni si inventano luoghi "dementia frendly"
Storie
CONDIVIDI
Empowerment femminile ovvero l'alleanza tra donne che va oltre l'impossibile (e che farebbe tanto bene a tutte)
In tema di empowerment femminile, la più preziosa delle alleanze è tra quelle che ce l'hanno fatta e quelle che mollano il colpo
Storie
CONDIVIDI
Questo è il lavoro ideale che tutti vorrebbero fare nel 2018. Ah, non è il più pagato
O quello che dura tutta la vita? No, sono altre le garanzie che oggi giovani e meno giovani desiderano
Massimo Bottura refettori stellati
Storie
CONDIVIDI
Cibo per tutti! Addio spreco con i refettori stellati dello chef Massimo Bottura
Gettiamo un terzo del cibo che produciamo: una legge e uno chef cercano di cambiare la mentalità dello spreco alimentare
Il principe Harry e l'attrice americana Meghan Markle si sposeranno nella cappella del castello di Windsor a maggio dell'anno prossimo, e quello sarà solo l'inizio: l'obiettivo è portare la monarchia britannica nel futuro.
Storie
CONDIVIDI
Meghan Markle e il principe Harry coppia dell'anno! Ma come andrà a finire la loro favola?
Ovvero: riuscirà la nostra eroina a diventare la nuova principessa del popolo?
Bambini scomparsi
Storie
CONDIVIDI
Dove finiscono le migliaia di bambini scomparsi?
In Europa ogni 2 minuti sparisce un minore, in Italia più di 2.000 non sono mai stati ritrovati, e il dolore delle loro famiglie non ha...
Storie
CONDIVIDI
5 cose che Meghan Markle e Harry non possono assolutamente fare in pubblico secondo l'etichetta reale
Divieti royal in piena regola. L'obiettivo? Mantenere intatto l'understatement di Palazzo
Storie
CONDIVIDI
Quelle che Gomorra non è solo una serie tv
A Scampia non ci sono solo droga e criminalità, come nella serie di Sky, ci sono anche donne straordinarie, che abbiamo incontrato