Come si diventa assistente di direzione

​Non chiamatele segretarie: sono tecnologicamente avanzate, studiano Boss Management e lavorano h24. La loro mission è: risolvere problemi

Più Popolare

«Tutto è cominciato con una guida cartacea che selezionava i fornitori rivolti alle aziende: una specie di TripAdvisor per chi si occupava di organizzare eventi e viaggi aziendali. Era il 2001: all'epoca ci chiamavano ancora segretarie». Così Vania Alessi racconta la nascita di Secretary.it, la community che ha fondato 15 anni fa insieme alla sorella Jessica (entrambe nella foto sopra) e che oggi raccoglie quasi 9.000 assistenti di direzione. «Mandavamo i fax – i fax! – alle segreterie per farci conoscere. Poi abbiamo costruito il sito e cominciato a organizzare incontri, cercando di individuare gli argomenti più adatti. Tradurre le esigenze in soluzioni, d'altra parte, è l'essenza di questo lavoro». 

Advertisement - Continue Reading Below
Dionilla Ceccarelli

Dal 2009, ogni anno a primavera, esigenze e soluzioni, ma soprattutto centinaia di assistenti da tutta Italia, si ritrovano per il Secretary Day: una giornata di formazione su temi pratici come la creazione di presentazioni in PowerPoint «brillanti e d'impatto», ma anche elementi di Boss Management per ottimizzare la gestione del capo. «I grandi manager hanno spesso personalità ingombranti», dice Dionilla Ceccarelli, assistente di direzione in una multinazionale e Regional Business Ambassador della community per il Lazio, «Dinamici, impegnati, senza orari. Bisogna tenere il loro ritmo e contemporaneamente lavorare in autonomia: è lui a dare l'input, ma noi definiamo i dettagli».

Più Popolare

Quella con il capo è una relazione complessa: loro sono quasi sempre uomini, le assistenti quasi sempre donne – «È un problema culturale» – e il cliché vendittiano delle segretarie con gli occhiali che si fanno sposare dagli avvocati ancora in buona salute. «Bisogna costruire un rapporto professionale basato su empatia e complicità, ma pure coltivare il distacco che serve a mantenere il rispetto reciproco: l'eccesso di confidenza rende il ruolo dell'assistente più debole». 

Ma sfruttare le (infinite) risorse di un'assistente di direzione per risolvere anche impicci personali è piuttosto inevitabile: «Una volta un manager dello staff del mio capo mi ha chiesto di aiutarlo a rintracciare un parente della moglie, sepolto in un cimitero fiorentino», racconta Samanta Dal Pane, che lavora dal 2005 per la Electrolux Italia ed è Regional Ambassador per l'Emilia Romagna. «Non parlava una parola d'italiano, e aveva bisogno del mio intervento per comunicare col personale del cimitero. Non è stato facile, perché la tomba non era neanche nella località presunta, ma alla fine il defunto è stato rintracciato e la famiglia è riuscita a rendergli il degno omaggio. La fortuna non aiuta solo gli audaci, ma anche i volenterosi!».

Samanta Dal Pane (in blu) e Roberta Cattani

Roberta Cattani, responsabile della segreteria della famiglia e dell'amministratore delegato del gruppo Amadori, ride all'aneddoto con l'aria di chi ne ha viste tante: «Una volta sono riuscita a riportare a casa il mio capo da Gibuti, dove i militari avevano fatto atterrare il suo aereo. Il giorno di Pasqua». Magistrale pausa di suspense. «Ho chiamato la Farnesina, è ripartito il giorno dopo». Non esistono feste comandate: «Le nuove tecnologie ci hanno reso reperibili e operative in ogni momento». Ma non è soltanto nella velocità di reazione che il ruolo si è evoluto. «La segretaria portava il caffè, rispondeva al telefono, batteva a macchina testi redatti da altri, e aveva una cultura prevalentemente locale», dice Dal Pane, «All'assistente di direzione sono richieste qualità manageriali, a stretto contatto con i vertici aziendali, in contesti internazionali». 

Daniela Fasano

Anche per questo la community di Secretary.it è importante, interviene Ceccarelli: «Il network ha modificato la consapevolezza del ruolo, ampliando il panorama del confronto, e garantendo anche a chi lavora in provincia abbondanza di stimoli e opportunità». Oltre che una rete solidale: «In questi anni di crisi economica, alcune colleghe sono riuscite a ricollocarsi proprio grazie alla community», incalza Dal Pane. Non è un mestiere per ragazze arrendevoli. Daniela Fasano, che lavora in Bosch e nel 2013 è stata eletta assistente dell'anno, sintetizza: «Bisogna far funzionare testa, mani e cuore in perfetta armonia, possibilmente sorridendo». Come una ballerina, insomma. «Ma per circa 10 ore al giorno».

More from Gioia!:
Storie
CONDIVIDI
5 cose che Meghan Markle e Harry non possono assolutamente fare in pubblico secondo l'etichetta reale
Divieti royal in piena regola. L'obiettivo? Mantenere intatto l'understatement di Palazzo
Storie
CONDIVIDI
Quelle che Gomorra non è solo una serie tv
A Scampia non ci sono solo droga e criminalità, come nella serie di Sky, ci sono anche donne straordinarie, che abbiamo incontrato
Storie
CONDIVIDI
6 artigiane del gioiello al Maker Faire di Roma raccontano il futuro del made in Italy
6 artiste che ci dimostrano che quando si parla di gioielli, non sempre (e non solo) i diamanti sono i migliori amici delle donne
Donne belle diverse
Storie
CONDIVIDI
Fra unicità e perfezione non c'è gara! Oggi vincono le bellezze diverse, da Ashley Graham a Bebe Vio
L'unicità oggi vince sulla perfezione e il mondo sdogana canoni di bellezza non più assoluti ma "plurali"
Molestie Fausto Brizzi
Storie
CONDIVIDI
Molestie: con Brizzi lo scandalo arriva in Italia, e ora?
I nomi emersi fin qui sono solo la punta di un iceberg, che non riguarda solo il cinema: come difenderci? Ripartendo da noi
Storie
CONDIVIDI
Noi, italiani expat a Barcellona, vi parliamo della Catalogna
Sono arrivati anni fa in una città accogliente e cosmopolita: ora ci raccontano la (difficile) quotidianità del capoluogo catalano
Donne potere leadership femminile
Storie
CONDIVIDI
Ragazze con i superpoteri
Cosa succederebbe se fossero le giovani donne a governare il mondo? Potrebbero riscrivere le regole del potere
Calendario Pirelli 2018 Duckie Thot
Storie
CONDIVIDI
Calendario Pirelli 2018: Alice si fa black
Presentato a New York e firmato da Tim Walker è un manifesto al tema dell'inclusione e un inno alla diversità
Ho 13 anni e sono una bulla
Storie
CONDIVIDI
"Ho 13 anni e sono una bulla": la testimonianza shock
Mentre Amnesty International lancia una campagna contro il bullismo, una ragazza ci ha raccontato come ci si ammala di violenza
Violenza sulle donne denuncia
Storie
CONDIVIDI
Violenza sulle donne: "Lo denuncio, e dopo?"
Molte vittime si rivolgono all'autorità giudiziaria, ma per proteggerle ci vorrebbe un processo veloce e adeguato: ne parla un corto