Hillary Clinton: è sulle armi che si decide chi siamo

​Non saranno elezioni come le altre, ha detto la candidata democratica: dopo la strage di Orlando, gli americani devono decidere se credere nei valori della civiltà o nella legge della paura

Più Popolare

«Queste elezioni non sono la solita vecchia battaglia tra democratici e repubblicani. Queste elezioni sono profondamente diverse: decideranno chi siamo», ha detto Hillary Clinton nel primo discorso successivo alla vittoria nelle primarie democratiche, e cioè: nel primo discorso da candidata – presunta, fino alla convention di fine luglio, ma è solo una formalità – alla presidenza degli Stati Uniti. «Queste elezioni riguardano milioni di americani che si uniscono per dire: "Noi siamo meglio di così"». Intendeva dire: meglio di Donald Trump.

Advertisement - Continue Reading Below

Era soltanto venerdì. Poche ore dopo, nella notte tra sabato 11 e domenica 12 giugno, Omar Mateen – cittadino americano di origini afghane, 29 anni – entrava al Pulse, locale di riferimento per la comunità LGBT di Orlando, in Florida, e armato legittimamente di fucili d'assalto trucidava a morte 49 persone e ne feriva altre 53. È stato un atto di terrorismo: durante la sparatoria, Mateen ha telefonato al 911 per rivendicare la propria appartenenza all'Isis. È stato un crimine omofobo: il padre ha raccontato che, di recente, Mateen aveva visto due uomini baciarsi, in giro per Miami, e si era «molto arrabbiato». Ma soprattutto è stata l'ennesima dimostrazione che, se dai un fucile in mano a un pazzo, quello spara.

Più Popolare

Il giorno prima, venerdì sera, Kevin James Loibl – cittadino americano, 27 anni – era entrato con due pistole, due caricatori e un coltello da caccia in un teatro di Orlando per sparare in testa e uccidere Christina Grimmie, cantante fenomeno di YouTube ed ex-concorrente di The Voice. Il giorno dopo, domenica mattina, la polizia di Santa Monica ha fermato James Wesley Howell – cittadino americano, 20 anni – che aveva in macchina un campionario di armi, esplosivo e munizioni, ed era diretto verso il gay Pride di Los Angeles. Non aveva cattive intenzioni, ha sostenuto in seguito, ma questo non gli impediva di andare in giro con un arsenale nel bagagliaio.

«Questo massacro è un'ulteriore prova di quanto sia facile per chiunque armarsi e sparare contro la gente nelle scuole, nei luoghi di culto, nei teatri e nei nightclub», ha detto Obama nel discorso alla nazione poche ore dopo la strage di Orlando, la sparatoria di massa più letale nella storia degli Stati Uniti, «Dobbiamo decidere che paese vogliamo essere, e anche non fare nulla è una decisione». Pertanto l'America, il prossimo novembre, sarà chiamata a scegliere da che parte stare. Se con «i valori che ci uniscono» – la tolleranza, il rispetto, l'integrazione, e la disperatamente urgente introduzione di controlli di buon senso per il possesso delle armi – oppure con «la forza, la sorveglianza», il blocco totale dell'immigrazione dai paesi islamici, e l'inalienabile diritto ad armarsi fino ai denti su cui si basa il fascino elettorale di Donald Trump. Tenendo ben presente che, se dai un fucile in mano a un pazzo, quello spara.

More from Gioia!:
Storie
CONDIVIDI
Single è meglio: lo dice la scienza!
Lo stereotipo vuole che le persone non in coppia siano tristi e sole, ma ora una ricercatrice spiega che non se la passano male
super bowl 2017: le foto più belle delle celeb su Instagram
Storie
CONDIVIDI
Il Super Bowl 2017 raccontato dalle celeb
Da Lady Gaga a Emily Ratajkowski, ecco le foto su Instagram che hanno fatto touchdown nei nostri cuori
Il MoMA contro il Muslim Ban di Trump
Storie
CONDIVIDI
Arte vs Trump: la protesta del Moma
Il Museo d'arte moderna di New York si ribella alla chiusura delle frontiere ed espone opere dei Paesi non graditi
Storie
CONDIVIDI
«Come si fa a vivere da separati in casa?»
A chi me lo chiede rispondo così: si fa, per amore delle bambine, e alla fine ci si abitua! Ha il sapore di un avanzo, ma è pur sempre cibo
Dal 20 gennaio 2017 Donald Trump è il presidente degli USA: mentre la first family impara la parte, noi abbiamo dato le pagelle ai protagonisti dell'Inauguration Day.
Storie
CONDIVIDI
Donald Trump & Co.: le pagelle del debutto
Alla Casa Bianca cambia tutto: arredi in oro zecchino, tanti nipotini, e una first family che deve ancora imparare la parte
Storie
CONDIVIDI
Che cosa ti tocca fare se sei una escort
Le richieste più strane dei clienti raccontate in prima persona dalle professioniste del sesso sulla piattaforma di Reddit
Storie
CONDIVIDI
Le marce delle donne prima della Women's march
Da quella della rivoluzione francese fino al recente Black monday polacco, ecco 5 momenti storici per i diritti delle donne
Storie
CONDIVIDI
Le foto della marcia delle donne contro Trump
La Women's march ha preso piede in ogni angolo della Terra: la protesta pacifica di donne, uomini e bambini
Storie
CONDIVIDI
Conosci la vera storia di San Valentino?
Sono molti i miti e le leggende intorno alla festa degli innamorati: ecco quello che c'è da sapere
Storie
CONDIVIDI
Femminicidio: ora occupiamoci degli uomini
L'attenzione si sposta sugli autori delle violenze, per gli uomini la libertà delle donne non è così scontata: i consigli di due esperte