Hillary Clinton: è sulle armi che si decide chi siamo

​Non saranno elezioni come le altre, ha detto la candidata democratica: dopo la strage di Orlando, gli americani devono decidere se credere nei valori della civiltà o nella legge della paura

Più Popolare

«Queste elezioni non sono la solita vecchia battaglia tra democratici e repubblicani. Queste elezioni sono profondamente diverse: decideranno chi siamo», ha detto Hillary Clinton nel primo discorso successivo alla vittoria nelle primarie democratiche, e cioè: nel primo discorso da candidata – presunta, fino alla convention di fine luglio, ma è solo una formalità – alla presidenza degli Stati Uniti. «Queste elezioni riguardano milioni di americani che si uniscono per dire: "Noi siamo meglio di così"». Intendeva dire: meglio di Donald Trump.

Advertisement - Continue Reading Below

Era soltanto venerdì. Poche ore dopo, nella notte tra sabato 11 e domenica 12 giugno, Omar Mateen – cittadino americano di origini afghane, 29 anni – entrava al Pulse, locale di riferimento per la comunità LGBT di Orlando, in Florida, e armato legittimamente di fucili d'assalto trucidava a morte 49 persone e ne feriva altre 53. È stato un atto di terrorismo: durante la sparatoria, Mateen ha telefonato al 911 per rivendicare la propria appartenenza all'Isis. È stato un crimine omofobo: il padre ha raccontato che, di recente, Mateen aveva visto due uomini baciarsi, in giro per Miami, e si era «molto arrabbiato». Ma soprattutto è stata l'ennesima dimostrazione che, se dai un fucile in mano a un pazzo, quello spara.

Più Popolare

Il giorno prima, venerdì sera, Kevin James Loibl – cittadino americano, 27 anni – era entrato con due pistole, due caricatori e un coltello da caccia in un teatro di Orlando per sparare in testa e uccidere Christina Grimmie, cantante fenomeno di YouTube ed ex-concorrente di The Voice. Il giorno dopo, domenica mattina, la polizia di Santa Monica ha fermato James Wesley Howell – cittadino americano, 20 anni – che aveva in macchina un campionario di armi, esplosivo e munizioni, ed era diretto verso il gay Pride di Los Angeles. Non aveva cattive intenzioni, ha sostenuto in seguito, ma questo non gli impediva di andare in giro con un arsenale nel bagagliaio.

«Questo massacro è un'ulteriore prova di quanto sia facile per chiunque armarsi e sparare contro la gente nelle scuole, nei luoghi di culto, nei teatri e nei nightclub», ha detto Obama nel discorso alla nazione poche ore dopo la strage di Orlando, la sparatoria di massa più letale nella storia degli Stati Uniti, «Dobbiamo decidere che paese vogliamo essere, e anche non fare nulla è una decisione». Pertanto l'America, il prossimo novembre, sarà chiamata a scegliere da che parte stare. Se con «i valori che ci uniscono» – la tolleranza, il rispetto, l'integrazione, e la disperatamente urgente introduzione di controlli di buon senso per il possesso delle armi – oppure con «la forza, la sorveglianza», il blocco totale dell'immigrazione dai paesi islamici, e l'inalienabile diritto ad armarsi fino ai denti su cui si basa il fascino elettorale di Donald Trump. Tenendo ben presente che, se dai un fucile in mano a un pazzo, quello spara.

More from Gioia!:
Storie
CONDIVIDI
Woody Allen e le molestie sulla figlia Dylan Farrow: 25 anni dopo il cinema crede a lei
25 anni fa il regista non è stato incriminato per gli abusi sulla figlia adottiva Dylan Farrow, ma ora lei rilancia la sua versione
Attrici contro molestie
Storie
CONDIVIDI
Ambra Angiolini, Cristina Comencini, Lunetta Savino: le attrici italiane rompono il silenzio contro le molestie sessuali
Con Dissenso comune, lettera-manifesto sottoscritta da 124 attrici, registe e lavoratrici del cinema, s'inaugura il #Time's Up italiano
Olimpiadi invernali 2018
Storie
CONDIVIDI
5 cose da sapere sulle Olimpiadi invernali 2018 in Corea
Curiosità sui Giochi invernali di Peyongchang che occuperanno la scena sportiva mondiale fino al 25 febbraio 2018
Alzheimer cura
Storie
CONDIVIDI
L'alzheimer, una malattia crudele: i nuovi luoghi per la cura e l'assistenza dei malati
Mentre le aziende farmaceutiche abbandonano la ricerca per una cura, famiglie e associazioni si inventano luoghi "dementia frendly"
Storie
CONDIVIDI
Empowerment femminile ovvero l'alleanza tra donne che va oltre l'impossibile (e che farebbe tanto bene a tutte)
In tema di empowerment femminile, la più preziosa delle alleanze è tra quelle che ce l'hanno fatta e quelle che mollano il colpo
Storie
CONDIVIDI
Questo è il lavoro ideale che tutti vorrebbero fare nel 2018. Ah, non è il più pagato
O quello che dura tutta la vita? No, sono altre le garanzie che oggi giovani e meno giovani desiderano
Massimo Bottura refettori stellati
Storie
CONDIVIDI
Cibo per tutti! Addio spreco con i refettori stellati dello chef Massimo Bottura
Gettiamo un terzo del cibo che produciamo: una legge e uno chef cercano di cambiare la mentalità dello spreco alimentare
Il principe Harry e l'attrice americana Meghan Markle si sposeranno nella cappella del castello di Windsor a maggio dell'anno prossimo, e quello sarà solo l'inizio: l'obiettivo è portare la monarchia britannica nel futuro.
Storie
CONDIVIDI
Meghan Markle e il principe Harry coppia dell'anno! Ma come andrà a finire la loro favola?
Ovvero: riuscirà la nostra eroina a diventare la nuova principessa del popolo?
Bambini scomparsi
Storie
CONDIVIDI
Dove finiscono le migliaia di bambini scomparsi?
In Europa ogni 2 minuti sparisce un minore, in Italia più di 2.000 non sono mai stati ritrovati, e il dolore delle loro famiglie non ha...
Storie
CONDIVIDI
5 cose che Meghan Markle e Harry non possono assolutamente fare in pubblico secondo l'etichetta reale
Divieti royal in piena regola. L'obiettivo? Mantenere intatto l'understatement di Palazzo