Olimpiadi, piccole campionesse crescono

Per preparasi ai giochi olimpici del futuro, le promesse dello sport italiano si allenano tutti i giorni, e fanno salti mortali per conciliare ambizione e adolescenza

More From Rio 2016 Unlimited
20 articles
paralimpiadi 2016: le medaglie dell'italia a rio
Paralimpiadi 2016: le medaglie dell'Italia
Pronta per seguire le Paralimpiadi 2016 a Rio?
Chi è Gregorio Paltrinieri. Anzi, Gregoro!
Presented by Vodafone Unlimited

Ci sono alcune cose che ho imparato dal mio giro d'Italia per palestre. La prima: nessuno può obbligare un'adolescente (femmina, perdipiù) a fare quello che non vuole, l'ambizione non sopravvive senza entusiasmo. La seconda: l'Italia (dello sport) è una repubblica fondata sulla buona volontà di genitori automuniti. Almeno all'inizio – quando il talento è ancora fortunoso – la logistica, le spese, le attese, gli incastri con i compiti in classe richiedono dedizione assoluta. La terza: alla scuola italiana, se a 15 anni ti alleni tutti i giorni e sogni le Olimpiadi, interessa pochissimo. Con il decreto 935 del ministro Giannini, previsto dalla riforma #LaBuonaScuola, nel 2015 è stata avviata una sperimentazione triennale per favorire la conciliazione di sport e studio, ma nessuno pare saperne molto. «Hanno iniziato con Allievi e Primavera del calcio», mi ostino a ripetere. Gli sguardi di sufficienza che ricevo in cambio rendono inutile qualunque prosieguo di conversazione. Le loro storie sono diverse.

Advertisement - Continue Reading Below

Elena, Roma

Elena Micheli, 17 anni, pentathlon
More From Rio 2016 Unlimited
20 articles
paralimpiadi 2016: le medaglie dell'italia a rio
Paralimpiadi 2016: le medaglie dell'Italia
Pronta per seguire le Paralimpiadi 2016 a Rio?
Chi è Gregorio Paltrinieri. Anzi, Gregoro!
Presented by Vodafone Unlimited
Frank Chamizo, il lottatore ribelle
Presented by Vodafone Unlimited
appuntamenti sport olimpici
I prossimi appuntamenti con gli sport olimpici
Presented by Vodafone Unlimited

A 17 anni, Elena Micheli vive tutti i giorni come fosse James Bond. Combatte con la spada, fugge a nuoto, scappa a cavallo, spara e corre. La differenza è che a sera James Bond si fa un Martini con lo sguardo da eroe; Elena, invece, torna a casa e si mette a studiare Le Baccanti di Euripide (che la mamma le ha precedentemente stampato ed evidenziato nei passaggi essenziali). L'agenda da pentatleta è fitta: cinque sport (scherma, nuoto, equitazione e il combined di corsa e tiro a segno) per sei pomeriggi a settimana al rigogliosoCentro di preparazione olimpica Giulio Onesti di Roma, più il maneggio. I ragazzi del pentathlon si conoscono tutti, crescono insieme, a fine anno vanno a pranzo a Pomezia con le famiglie. Perché le mamme – e nel caso di Elena pure il papà, che «si scapicolla sempre» – sono pilastri: accompagnano, assistono, facilitano. E pagano, ché quelle del pentathlon non sono specialità che si improvvisano in cortile. (Continua a leggere la storia di Elena).

Giorgia, Brescia

Giorgia Villa, 13 anni, ginnastica artistica

Sulla porta della stanzetta dove Giorgia dorme, dietro lo spogliatoio del PalAlgeco di Brescia in cui si allena, è attaccato un foglio scritto con la calligrafia delle ragazzine giudiziose: Carta dei diritti del ragazzo nello sport. Sono princìpi di rassicurante buon senso: dignità, sicurezza, permesso di non essere un campione. La carta è una cosa seria: redatta dall'Unesco nel 1992. Ma anche la ginnastica è una cosa seria. Per Giorgia Villa, 13 anni, campionessa nazionale nella sua categoria e atleta residente dell'Accademia internazionale di Brescia, è la cosa più seria di tutte. Quella per cui nel 2014 ha lasciato la famiglia in provincia di Bergamo – sì, un po' le manca, soprattutto la sorella piccola, ma certi squarci di autonomia non hanno prezzo – per venire qui a fare la giovane promessa. «Mi alleno tutte le mattine, tranne la domenica, e tre pomeriggi a settimana». E la scuola? «L'anno scorso frequentavamo una pubblica qui vicino, ma facevo fatica. Quest'anno facciamo lezione qui di pomeriggio, con insegnanti della TuaScuola di Bergamo, e va molto meglio. È stata un'idea di Enrico». (Continua a leggere la storia di Giorgia).

Marina, Torino

Marina Lubian, 16 anni, pallavolo

Sull'avambraccio ha un tatuaggio: 16 agosto 2015. È la data in cui è diventata campionessa del mondo Under 18: a 15 anni, la più giovane del gruppo. Marina Lubian vive a Nichelino, sta finendo la seconda liceo scientifico al Galileo Ferraris di Torino – come va la scuola? «Male», interviene il papà, ma un po' esagera: si tratta solo di recuperare latino – e quattro volte alla settimana si allena con la Lilliput di Settimo Torinese, a 35 km di casa. E poi ci sono le partite, almeno un paio, nel weekend. Di solito è il padre che la accompagna: ex-promessa della pallanuoto, pensionato smagliante. «Se lavorasse anche lui non riusciremmo a seguirla così», spiega la mamma. Gli ultimi 12 mesi li hanno travolti: prima la convocazione per le qualificazioni, poi gli europei, i mondiali, la medaglia d'oro. Come fai a fare tutto? «A fatica: mi addormento dove posso», dice Marina mentre ride. (Continua a leggere la storia di Marina).

Read Next:
Personaggi
CONDIVIDI
Frank Chamizo, il lottatore ribelle
​Nato a Cuba e naturalizzato italiano, ha riportato il nostro tricolore sul podio della lotta libera​
appuntamenti sport olimpici
Trend
CONDIVIDI
I prossimi appuntamenti con gli sport olimpici
​Dove e quando torneranno in campo gli atleti che ci hanno fatto appassionare ai loro sport
Personaggi
CONDIVIDI
​Gabriele Detti: la mia rivincita dopo l'infortunio​
​Il nuotatore compie oggi 22 anni, con due medaglie olimpiche in tasca e tante difficoltà dietro le spalle​
Storie
CONDIVIDI
Le 10 medaglie di legno dell'Italia a Rio 2016
​Tutti i quarti posti che ci hanno fatto piangere​ durante le Olimpiadi
settebello e setterosa
Personaggi
CONDIVIDI
8 cose da sapere su Settebello e Setterosa
​Dall'origine del nome alle curiosità sui capitani, tutto quello che dovresti sapere​ (anche se non sei un'appassionata di pallanuoto)​
nazionale italvolley maschile
Storie
CONDIVIDI
La Nazionale di volley è da medaglia d'oro per la solidarietà
​Il capitano Birarelli annuncia una donazione a favore delle vittime del terremoto in Centro Italia​
Fitness
CONDIVIDI
Erika Fasana: «Quel salto l'ho imparato da piccola»
La ginnasta italiana ci racconta la sua avventura olimpica e i segreti di quel salto che è diventato virale
Personaggi
CONDIVIDI
Le medaglie olimpiche italiane: quale ti ha emozionato di più?
​A Rio 2016 chi tra i campioni azzurri ti ha fatto battere il cuore?​
Olimpiadi 2016: foto più belle della chiusura
Storie
CONDIVIDI
La chiusura delle Olimpiadi, tra spettacolo ed emozioni
Cala il sipario su Rio 2016: rivivi la cerimonia di chiusura con le foto più belle, aspettando Tokyo 2020
Personaggi
CONDIVIDI
Olimpiadi: e se ci fosse anche il premio Simpatia?
​​Lo vincerebbero loro, gli atleti italiani che hanno dato prova di sense of humor in queste interviste​