Robert De Niro e Mariah Carey premiati ai Glaad Media Awards 2016

A loro è toccato il riconoscimento made in Usa per i personaggi che contribuiscono a fornire un'immagine corretta del mondo Lgtb, anche attraverso i mezzi di comunicazione di massa

Più Popolare

Parata di vip il 14 maggio a New York per i Glaad Media Awards, i premi assegnati dalla Gay & Lesbian Alliance Against Defamation - Glaad, appunto, l' organizzazione statunitense no-profit che lotta contro la discriminazione e l'omofobia - a coloro che contribuiscono a fornire un'immagine più vera e accurata della comunità Lgbt (lesbica, gay, bisessuale e transessuale). Quest'anno protagonisti della cerimonia – che si è svolta presso il Waldorf Astoria Hotel di New York – sono stati Mariah Carey e Robert De Niro, in una serata presentata da Laverne Cox, attrice transgender co-protagonista di Orange is the new black (nella foto d'apertura con Mariah Carey mentre si fanno un selfie).

Advertisement - Continue Reading Below

Mariah Carey – in abito argentato trasparente dall'ampia scollatura – si è presentata con il fidanzato, il magnate australiano James Packer. Ma perché la cantante è stata premiata? A spiegarlo è Sarah Kate Ellis , ceo del Glaad: «Mariah Carey è una figura mediatica che ha sempre usato il suo palco per supportare costantemente e aiutare attivamente la comunità Lgtb ad essere più forte e rispettata». Infatti «attraverso la sua musica e il suo supporto, sempre molto forte e sentito, ha ispirato e rafforzato un numero infinito di fan Lgbt in tutto il pianeta». Infine, l'artista «è un'amica della comunità Lgbt e ha lottato, e continua ancora, senza mai stancarsi, per l'accettazione e l'inclusione».

Mariah Carey ai Glaad Awards 2016.
Più Popolare

Dal canto suo Robert De Niro, introdotto sul palco da Jennifer Lawrence, nel ricevere il premio ha chiosato: «Chi pensa male della comunità Lgbt non sa cosa voglia dire veramente essere discriminati».

More from Gioia!:
Storie
CONDIVIDI
Cosa succederebbe se Facebook sparisse?
Quali sarebbero le reali conseguenze se il social network più famoso al mondo d'improvviso non esistesse più? Beh, che non rimarrebbe...
Storie
CONDIVIDI
Gioia! Smart awards 2017: tutti i premiati
I personaggi e i prodotti che hanno avuto quest'anno il premio di Gioia!
Storie
CONDIVIDI
La grande festa dei Gioia! Smart Awards 2017
Il Ballo di Brera e il party di Gioia!, che ha voluto premiare personalità con qualcosa in più...decisamente smart!
Storie
CONDIVIDI
Gioia! Let's dance: l'exhibition per gli 80 anni
8 decenni di moda e costume raccontati attraverso il ballo e le pagine del nostro giornale, nato nel 1937: a Milano dal 21 al 24 giugno
Storie
CONDIVIDI
Cannabis: legalizzarla o no?
Dimenticate il mite spinello: oggi è 25 volte più forte di un tempo, ma quasi nessuno lo sa, e in Italia l'ha provata un adolescente su...
Storie
CONDIVIDI
«Come mia sorella mi ha rubato il fidanzato»
Una pubblica umiliazione davanti alla famiglia intera è una sofferenza immensa, ma utile: ti insegna a perdere senza andare in pezzi
Storie
CONDIVIDI
«Se i miei figli non crescono, io torno ragazza»
Le nostre mamme avevano la sindrome del nido vuoto, i miei figli invece restano accampati a casa, nel caos
Storie
CONDIVIDI
Italiani, popolo di ignoranti?
Un'indagine di Libreriamo mette in luce la scarsa propensione per la cultura e la lettura dei nostri connazionali
Storie
CONDIVIDI
Shampoo (r)evolution: i nuovi parrucchieri
I saloni sono diventati posti pieni di idee, dove tra phon e lavello si fanno corsi di storytelling, aperitivi e sfilate
Diritti delle donne
Storie
CONDIVIDI
A che punto siamo con i diritti delle donne?
Le conquiste femminili in Italia e nel mondo, tra passi in avanti e anacronismi (e divieti) senza senso