Kate Middleton presenta a Obama il principe George

​I duchi di Cambridge presentano il presidente degli Stati Uniti al al piccolo George, che lo riceve in vestaglia e ruba la scena

Più Popolare

Un po' ce lo aspettavamo: la cena organizzata da Kate e William per gli Obama in visita a Londra si preannunciava un incontro ai vertici della fotogenia mondiale. Ma non avevamo previsto il piccolo George.

La serata inizia cordialmente, ma ancora nei limiti dell'ordinario incontro tra potenti di buonumore. William parla di questioni noiose con Barack (il mio nichelino è sul global warming).

The Duke chats with the President of the United States before dinner at Kensington Palace

A post shared by Kensington Palace (@kensingtonroyal) on

Advertisement - Continue Reading Below

Mentre Harry discute di argomenti più avvincenti con Kate e Michelle (gli ultimi sviluppi di Scandal, per esempio).  

The Duchess and Prince Harry chat with the First Lady before dinner at Kensington Palace

A post shared by Kensington Palace (@kensingtonroyal) on

Più Popolare

Ma poi, un attimo prima di mettersi a tavola, il colpo di scena. Il principe George entra (in vestaglia!) per stringere la mano al suo primo presidente degli Stati Uniti. Pete Souza scatta, e  qualche fortunato real digital enagager condivide all'istante, la foto più adorabile del millennio.

Prince George meets The President and First Lady of the United States.

A post shared by Kensington Palace (@kensingtonroyal) on

Ma non è finita: George sale sul cavallo a dondolo, regalo di benvenuto al mondo degli Obama.

Prince George thanks @BarackObama for his rocking horse, given to him when he was born

A post shared by Kensington Palace (@kensingtonroyal) on

E dopo aver dato prova di stile perfetto (tutto la nonna Elisabetta) ringrazia e va a dormire. L'internet spegne la luce, e sospira.

More from Gioia!:
Storie
CONDIVIDI
Violenza sulle donne: ai raptus di gelosia non crediamo più
Dietro ai femminicidi c'è una cultura che rende possibile arrabbiarsi e ferire a morte: ecco perché serve fare prevenzione nelle scuole
Storie
CONDIVIDI
Abby Stein, nata due volte: da rabbino a donna attivista transgender
Non si è mai sentita un maschio, ma non sapeva cosa significasse «transgender»: l'ha imparato diventando donna, come ci racconta qui
The Weekend bazaar icons
Storie
CONDIVIDI
Harper's BAZAAR Icons: The Weeknd protagonista
L'incontro tra musica e moda sul numero speciale di Harper's BAZAAR firmato da Carine Roitfeld per raccontare lo stile del prossimo inverno
Storie
CONDIVIDI
Quello che nessuna madre osa dire sul proprio figlio (ma che pensa davvero)
L'ironia langue quando una madre parla dei propri figli, per cui se non ne potete più di ritratti irreali di bambini perfetti, leggete qui...
Baby modella in sfilata
Storie
CONDIVIDI
Baby modelle, luci e ombre del backstage
C'è chi comincia da piccolissima, chi sogna di farlo anche da grande: un libro (e questa inchiesta) racconta le loro infanzie «da catalogo»
Storie
CONDIVIDI
Manterrupting: come liberarsi dalla brutta abitudine maschile di interrompere i nostri discorsi
Avete presente quella volta che un collega o un amico vi ha interrotte per dire la sua e voi siete rimaste lì, mortificate? Ebbene, siete...
Sbarchi migranti Italia navi Marina militare reportage: il soccorso ai profughi
Storie
CONDIVIDI
Migranti: siamo stati sulla nave che presta soccorso
Oltre 12mila profughi in 48 ore: noi eravamo a bordo delle navi della Marina Militare, ecco il reportage esclusivo di Gioia!
Storie
CONDIVIDI
Che cos'è il manspreading e perché, almeno una volta, ne sei stata vittima anche tu
L'invasione machista dello spazio altrui è diventata tema di dibattito, al punto che in alcune città del mondo si stanno attivando divieti...
Storie
CONDIVIDI
Cosa succederebbe se Facebook sparisse?
Quali sarebbero le reali conseguenze se il social network più famoso al mondo d'improvviso non esistesse più? Beh, che non rimarrebbe...
Storie
CONDIVIDI
Gioia! Smart awards 2017: tutti i premiati
I personaggi e i prodotti che hanno avuto quest'anno il premio di Gioia!