Hillary Clinton, le sue primarie viste da vicino

Abbiamo seguito la supercandidata nei giorni più caldi della sua campagna elettorale a New York, tra cene di gala e incontri esclusivi, e abbiamo scoperto che per essere ammessi alla sua corte tutti devono pagare​! Tranne noi

Più Popolare

Incontrare Hillary Clinton non è impossibile: basta pagare. Per partecipare agli eventi della campagna elettorale bisogna donare: dalle poche centinaia di dollari per gli appuntamenti più popolari, alle svariate centinaia di migliaia per i gran gala con celebrità comprese nel prezzo. È tutto regolare: i partiti americani non sono finanziati dallo Stato, ma dai cittadini. In quanto straniere – cioè: senza diritto di voto – noi però non abbiamo dovuto sborsare una lira, e perciò ci siamo potute permettere di incontrare Hillary in due occasioni, entrambe alla vigilia dello scontro con Bernie Sanders per le primarie newyorchesi.

Advertisement - Continue Reading Below

La prima volta eravamo all'Apollo Theater di Harlem, confuse in una platea informale e multietnica alla quale Clinton, in inedita giacca di pelle, ha parlato di stipendi da alzare, sicurezza da incrementare, unità nazionale da mantenere; la seconda in uno scintillante locale di Manhattan (opportunamente chiamato Capitale) per un incontro dedicato alla diversità e ai diritti di donne, gay e transessuali, alla presenza di sostenitori benestanti e (alcuni) piuttosto famosi. 

Più Popolare

«È fantastico essere di nuovo a New York. Questa città mi ha dato una possibilità in passato (Clinton è stata senatore dello stato di New York dal 2001 al 2009, ndr) ed è una cosa che non posso dimenticare. Sento molto la responsabilità verso chi mi sostiene», ci ha detto poco prima di salire sul palco. Nel suo discorso ha poi sottolineato come la City fosse stata ridotta «in ginocchio» dall'attentato dell'11 settembre, e di come insieme sia stato possibile ricostruirla «ancora più bella». Con il congedo parentale (una tutela non ancora garantita uniformemente negli Stati Uniti) e nuove regole per l'acquisto controllato delle armi, la competenza maturata in tanti anni di pubblico servizio – è stata First Lady dal 1993 al 2001, Segretario di stato con Obama dal 2009 al 2013 – è uno dei pilastri su cui si fonda la campagna di Hillary per l'America.

L'altro sono i soldi. Uno spostamento di denaro impressionante: i biglietti per partecipare a uno degli eventi organizzati a sostegno dell'Hillary Victory Fund da George e Amal Clooney costavano dai 33,400 ai 353,400 dollari (per una coppia desiderosa di sedere al tavolo d'onore). Cifre «oscene», ha detto George Clooney il giorno dopo, dichiarandosi completamente d'accordo con i supporter di Bernie Sanders (donazione media: 27 dollari) che gli hanno organizzato una protesta nel giardino di casa per denunciare gli iniqui finanziamenti. Comunque vada, alla fine lui sarà dalla parte giusta.

Read Next:
Storie
CONDIVIDI
Terremoto e neve, le informazioni per aiutare
È di nuovo emergenza sisma nell'Italia centrale: ecco come sostenere le popolazioni colpite dalle scosse e dalle nevicate eccezionali
Storie
CONDIVIDI
Quanto spendono in caffè le millennials!
L'ennesima curiosità sulla generazione delle 18-35enni: lo stipendio finisce più nella caffeina che nella loro futura pensione
Storie
CONDIVIDI
Elsa Hosk con Biotherm per salvare gli oceani
Una top model, una studiosa e un noto brand cosmetico insieme per tutelare il mare (e proteggere la nostra pelle)
Storie
CONDIVIDI
Casa Surace, il fenomeno virale del web
Con i video del «terrone fuori sede» prendono in giro tutti, da Nord a Sud: e stanno facendo impazzire il web
Divorzio breve
Storie
CONDIVIDI
Il divorzio breve e le differenze con quello consensuale
Il divorzio breve approvato recentemente differisce dal divorzio consensuale o giudiziale
Cultura pop 2016
Storie
CONDIVIDI
I 18 momenti top dello spettacolo nel 2016
Dall'Oscar a DiCaprio a Lemonade di Beyoncé, oltre ai grandi ritorni di Una mamma per amica, Harry Potter e Bridget Jones
Storie
CONDIVIDI
Cosa è successo nel 2016
20 fatti importanti che hanno caratterizzato l'anno appena terminato: ripercorriamo insieme gli ultimi 12 mesi di notizie
principessa leia star wars carrie fisher
Storie
CONDIVIDI
Carrie Fisher, addio principessa Leia
Colpita da infarto sul volo Londra-Los Angeles, Carrie Fisher è morta oggi in ospedale
George Michael: gli amori
Storie
CONDIVIDI
Il compagno di George Michael: «Un Natale che non dimenticherò mai»
Il compagno Fadi Fawaz ha svelato le circostanze della morte, ma anche l'ex grande amore Kenny Goss ha espresso tutto il suo dolore
Storie
CONDIVIDI
Le 5 notizie più belle del 2016
Salutiamo il 2016 ormai agli sgoccioli con quelle che, in mezzo a tanti brutti avvenimenti, sono state le sue 5 notizie migliori