Adozioni dal Congo, la storia di Michele che ha atteso il figlio per 3 anni

Da gennaio 2016 il Paese centroafricano ha sbloccato le adozioni, i bambini possono partire e raggiungere le nuove famiglie: un genitore racconta i suoi tre anni in attesa di Jordan

Più Popolare

«Le adozioni dal Congo erano state accettate. I documenti erano in regola. Le famiglie, almeno quelle seguite da noi, pronte a partire, poi il 25 settembre 2013 il governo del Paese centroafricano ha bloccato tutto», spiega Massimo Vaggi, presidente dell'associazione Nova onlus. E comincia l'odissea di 130 bambini congolesi (la Commissione adozioni internazionali non ha mai confermato il numero, ndr). «Anche noi eravamo tra quelli, andavamo a prendere Jordan, 3 anni», racconta Michele Albano, 40 anni, commercialista di Foggia. Lui e la moglie Paolina, 34 anni, fisioterapista, per un caso non sono partiti, evitando così di restare bloccati in Congo come è accaduto a una ventina di genitori. «Lo scorso 17 gennaio Jordan è arrivato con una decina di altri bambini, i primi ad avere ottenuto il via libera dal Paese», prosegue Albano. «Ha sei anni, ma si è integrato subito all'asilo, e a settembre andrà a scuola. In due settimane ha imparato l'italiano con una tale velocità che ha sorpreso tutti,  psicologi e maestre, e ora non parla quasi più francese».

Advertisement - Continue Reading Below

Parlavamo via Skype

Ma sono stati tre anni duri. «Non avendo notizie e certezze, avevamo comunque deciso di adottarlo a distanza», dice Albano. «Poi con 30 genitori abbiamo preso una decisione, siamo andati in Congo, abbiamo aperto una casa famiglia con l'aiuto di Nova, e tolto i bambini dall'orfanotrofio di Kinshasa. Tornati in Italia abbiamo stabilito una routine: ogni settimana parlavamo via Skype, mandavamo foto e giocattoli, per creare un legame». Sul perché del blocco improvviso del governo congolese il condizionale è d'obbligo. «Si dice che un bambino fosse stato adottato in Canada e poi finito in una famiglia omosessuale, e c'erano aspetti poco trasparenti nelle pratiche dagli Stati Uniti, che sulle adozioni hanno leggi meno stringenti delle nostre», prosegue Vaggi. Quindi il governo ha voluto riesaminare le domande di adozione da tutti i Paesi (Belgio, Francia, Canada, Usa, Italia), anche quelle già approvate, mentre preparava una legge sulle adozioni, che verrà votata a breve. E questo ha dato una grande accelerata alle pratiche. Molti altri bimbi arriveranno nel nostro Paese dopo che le autorità congolesi avranno verificato che le pratiche adottive non presentino aspetti critici. 

Più Popolare

Una rete di sostegno per i genitori

«In Congo ora la richiesta di abbinamento del bambino alla famiglia che ne fa richiesta viene decisa dai giudici regionali, che devono accertare lo stato effettivo di abbandono, che non ci siano possibilità di adozione in patria e che tale richiesta sia fatta nell'interesse del bambino», conclude Vaggi. In pratica un giudice deve pronunciarsi sul fatto che per questi bambini non ci sia altra possibilità di una vita felice se non quella di andare all'estero.  «La nostra è stata un'esperienza così profonda», conclude Albano. «Che vorremmo condividerla con altri genitori, vorremmo far incontrare tutti i bambini, arrivati dal Congo e da altri Paesi. Per ora siamo in 30 in Italia, diamo una mano, diamo informazioni e consigli, noi sappiamo bene cosa si prova quando nessuno ti risponde e non sai come muoverti. Ma vorremmo creare una sorta di rete di sostegno nazionale per i genitori che adottano. Perché sono i bambini come Jordan i nuovi cittadini del mondo».

Read Next:
Storie
CONDIVIDI
Casa Surace, il fenomeno virale del web
Con i video del «terrone fuori sede» prendono in giro tutti, da Nord a Sud: e stanno facendo impazzire il web
Divorzio breve
Storie
CONDIVIDI
Il divorzio breve e le differenze con quello consensuale
Il divorzio breve approvato recentemente differisce dal divorzio consensuale o giudiziale
Cultura pop 2016
Storie
CONDIVIDI
I 18 momenti top dello spettacolo nel 2016
Dall'Oscar a DiCaprio a Lemonade di Beyoncé, oltre ai grandi ritorni di Una mamma per amica, Harry Potter e Bridget Jones
Storie
CONDIVIDI
Cosa è successo nel 2016
20 fatti importanti che hanno caratterizzato l'anno appena terminato: ripercorriamo insieme gli ultimi 12 mesi di notizie
principessa leia star wars carrie fisher
Storie
CONDIVIDI
Carrie Fisher, addio principessa Leia
Colpita da infarto sul volo Londra-Los Angeles, Carrie Fisher è morta oggi in ospedale
George Michael: gli amori
Storie
CONDIVIDI
Il compagno di George Michael: «Un Natale che non dimenticherò mai»
Il compagno Fadi Fawaz ha svelato le circostanze della morte, ma anche l'ex grande amore Kenny Goss ha espresso tutto il suo dolore
Storie
CONDIVIDI
Le 5 notizie più belle del 2016
Salutiamo il 2016 ormai agli sgoccioli con quelle che, in mezzo a tanti brutti avvenimenti, sono state le sue 5 notizie migliori
E' salva Bana Alabed, la bambina simbolo di Aleppo.
Storie
CONDIVIDI
E' salva la bambina simbolo dell'assedio di Aleppo
Bana Alabed, 7 anni, racconta da settembre su Twitter gli orrori della guerra che insanguina la Siria
Aleppo
Storie
CONDIVIDI
10 modi per aiutare le vittime di Aleppo
Il popolo di Aleppo ha bisogno di aiuto più che mai: ecco cosa puoi fare anche tu
islam-velo-donne-ribelli
Storie
CONDIVIDI
4 storie di donne che si ribellano al velo
L'ultima è Malak al-Shehri, arrestata in Arabia Saudita perché uscita senza velo; ma prima di lei altre hanno sfidato i regimi integralisti...