Adozioni dal Congo, la storia di Michele che ha atteso il figlio per 3 anni

Da gennaio 2016 il Paese centroafricano ha sbloccato le adozioni, i bambini possono partire e raggiungere le nuove famiglie: un genitore racconta i suoi tre anni in attesa di Jordan

Più Popolare

«Le adozioni dal Congo erano state accettate. I documenti erano in regola. Le famiglie, almeno quelle seguite da noi, pronte a partire, poi il 25 settembre 2013 il governo del Paese centroafricano ha bloccato tutto», spiega Massimo Vaggi, presidente dell'associazione Nova onlus. E comincia l'odissea di 130 bambini congolesi (la Commissione adozioni internazionali non ha mai confermato il numero, ndr). «Anche noi eravamo tra quelli, andavamo a prendere Jordan, 3 anni», racconta Michele Albano, 40 anni, commercialista di Foggia. Lui e la moglie Paolina, 34 anni, fisioterapista, per un caso non sono partiti, evitando così di restare bloccati in Congo come è accaduto a una ventina di genitori. «Lo scorso 17 gennaio Jordan è arrivato con una decina di altri bambini, i primi ad avere ottenuto il via libera dal Paese», prosegue Albano. «Ha sei anni, ma si è integrato subito all'asilo, e a settembre andrà a scuola. In due settimane ha imparato l'italiano con una tale velocità che ha sorpreso tutti,  psicologi e maestre, e ora non parla quasi più francese».

Advertisement - Continue Reading Below

Parlavamo via Skype

Ma sono stati tre anni duri. «Non avendo notizie e certezze, avevamo comunque deciso di adottarlo a distanza», dice Albano. «Poi con 30 genitori abbiamo preso una decisione, siamo andati in Congo, abbiamo aperto una casa famiglia con l'aiuto di Nova, e tolto i bambini dall'orfanotrofio di Kinshasa. Tornati in Italia abbiamo stabilito una routine: ogni settimana parlavamo via Skype, mandavamo foto e giocattoli, per creare un legame». Sul perché del blocco improvviso del governo congolese il condizionale è d'obbligo. «Si dice che un bambino fosse stato adottato in Canada e poi finito in una famiglia omosessuale, e c'erano aspetti poco trasparenti nelle pratiche dagli Stati Uniti, che sulle adozioni hanno leggi meno stringenti delle nostre», prosegue Vaggi. Quindi il governo ha voluto riesaminare le domande di adozione da tutti i Paesi (Belgio, Francia, Canada, Usa, Italia), anche quelle già approvate, mentre preparava una legge sulle adozioni, che verrà votata a breve. E questo ha dato una grande accelerata alle pratiche. Molti altri bimbi arriveranno nel nostro Paese dopo che le autorità congolesi avranno verificato che le pratiche adottive non presentino aspetti critici. 

Più Popolare

Una rete di sostegno per i genitori

«In Congo ora la richiesta di abbinamento del bambino alla famiglia che ne fa richiesta viene decisa dai giudici regionali, che devono accertare lo stato effettivo di abbandono, che non ci siano possibilità di adozione in patria e che tale richiesta sia fatta nell'interesse del bambino», conclude Vaggi. In pratica un giudice deve pronunciarsi sul fatto che per questi bambini non ci sia altra possibilità di una vita felice se non quella di andare all'estero.  «La nostra è stata un'esperienza così profonda», conclude Albano. «Che vorremmo condividerla con altri genitori, vorremmo far incontrare tutti i bambini, arrivati dal Congo e da altri Paesi. Per ora siamo in 30 in Italia, diamo una mano, diamo informazioni e consigli, noi sappiamo bene cosa si prova quando nessuno ti risponde e non sai come muoverti. Ma vorremmo creare una sorta di rete di sostegno nazionale per i genitori che adottano. Perché sono i bambini come Jordan i nuovi cittadini del mondo».

More from Gioia!:
Storie
CONDIVIDI
Violenza sulle donne: ai raptus di gelosia non crediamo più
Dietro ai femminicidi c'è una cultura che rende possibile arrabbiarsi e ferire a morte: ecco perché serve fare prevenzione nelle scuole
Storie
CONDIVIDI
Abby Stein, nata due volte: da rabbino a donna attivista transgender
Non si è mai sentita un maschio, ma non sapeva cosa significasse «transgender»: l'ha imparato diventando donna, come ci racconta qui
The Weekend bazaar icons
Storie
CONDIVIDI
Harper's BAZAAR Icons: The Weeknd protagonista
L'incontro tra musica e moda sul numero speciale di Harper's BAZAAR firmato da Carine Roitfeld per raccontare lo stile del prossimo inverno
Storie
CONDIVIDI
Quello che nessuna madre osa dire sul proprio figlio (ma che pensa davvero)
L'ironia langue quando una madre parla dei propri figli, per cui se non ne potete più di ritratti irreali di bambini perfetti, leggete qui...
Baby modella in sfilata
Storie
CONDIVIDI
Baby modelle, luci e ombre del backstage
C'è chi comincia da piccolissima, chi sogna di farlo anche da grande: un libro (e questa inchiesta) racconta le loro infanzie «da catalogo»
Storie
CONDIVIDI
Manterrupting: come liberarsi dalla brutta abitudine maschile di interrompere i nostri discorsi
Avete presente quella volta che un collega o un amico vi ha interrotte per dire la sua e voi siete rimaste lì, mortificate? Ebbene, siete...
Sbarchi migranti Italia navi Marina militare reportage: il soccorso ai profughi
Storie
CONDIVIDI
Migranti: siamo stati sulla nave che presta soccorso
Oltre 12mila profughi in 48 ore: noi eravamo a bordo delle navi della Marina Militare, ecco il reportage esclusivo di Gioia!
Storie
CONDIVIDI
Che cos'è il manspreading e perché, almeno una volta, ne sei stata vittima anche tu
L'invasione machista dello spazio altrui è diventata tema di dibattito, al punto che in alcune città del mondo si stanno attivando divieti...
Storie
CONDIVIDI
Cosa succederebbe se Facebook sparisse?
Quali sarebbero le reali conseguenze se il social network più famoso al mondo d'improvviso non esistesse più? Beh, che non rimarrebbe...
Storie
CONDIVIDI
Gioia! Smart awards 2017: tutti i premiati
I personaggi e i prodotti che hanno avuto quest'anno il premio di Gioia!