Femminicidio: troppo facile dire che è stato un raptus

Patrizia Formica è stata accoltellata nel sonno dal compagno e lui si è costituito dando la colpa a un raptus: in realtà, le dinamiche nascoste dietro queste tragedie fanno delle donne delle cittadine di secondo grado

È solo l'ultimo caso di femminicidio in ordine di tempo (nel momento in cui scriviamo): Patrizia Formica, 47 anni, accoltellata nel sonno dal compagno Salvatore Pirronello, 52 anni. Erano entrambi divorziati, si conoscevano da pochi mesi, convivevano da due. Lui si è costituito dicendo che è stato un raptus. Lei, poche ore prima, ha postato su Facebook che era felice. L'ultimo messaggio: «Insieme appassionatamente». Come mai? «Difficile fare un'ipotesi, bisognerebbe aver conosciuto Patrizia. A volte entrano in gioco i nostri desideri», ipotizza Anna Oliverio Ferraris, psicoterapeuta e docente di Psicologia dello sviluppo alla Sapienza di Roma. «Più parlo di una cosa più sembra vera, se sono felice, se lo comunico... poi sarà vero. Lo avrà scritto per comunicarlo agli amici, a chi conosceva». Un messaggio di buon augurio per il suo futuro.

Advertisement - Continue Reading Below

«E basta parlare di raptus», si infervora Chiara Capraro, di Chayn Italia (chaynitalia.org), il collettivo femminile online che si batte contro la violenza di genere. «Parliamo piuttosto delle dinamiche nascoste dietro queste tragedie che fanno delle donne delle cittadine di secondo grado. Il femminicidio è solo l'atto finale, se continuiamo a definire questa violenza "un raptus" non facciamo altro che giustificare chi l'ha commessa». Le donne fanno fatica a riconoscere una relazione violenta e Chayn le aiuta con guide e consigli di esperti. «Colpa degli stereotipi di genere che iniziano da bambini, dobbiamo partire dall'educazione, dall'applicazione delle leggi, dall'obbligo del governo di finanziare i centri antiviolenza, le case rifugio». E conclude: «Basta parlare di folle gesto: ogni settimana vengono uccise in media due donne, non è follia. È l'espressione di una società maschilista e misogina».

More from Gioia!:
Baby modella in sfilata
Storie
CONDIVIDI
Baby modelle, luci e ombre del backstage
C'è chi comincia da piccolissima, chi sogna di farlo anche da grande: un libro (e questa inchiesta) racconta le loro infanzie «da catalogo»
Sbarchi migranti Italia navi Marina militare reportage: il soccorso ai profughi
Storie
CONDIVIDI
Migranti: siamo stati sulla nave che presta soccorso
Oltre 12mila profughi in 48 ore: noi eravamo a bordo delle navi della Marina Militare, ecco il reportage esclusivo di Gioia!
Storie
CONDIVIDI
Che cos'è il manspreading e perché, almeno una volta, ne sei stata vittima anche tu
L'invasione machista dello spazio altrui è diventata tema di dibattito, al punto che in alcune città del mondo si stanno attivando divieti...
Storie
CONDIVIDI
Cosa succederebbe se Facebook sparisse?
Quali sarebbero le reali conseguenze se il social network più famoso al mondo d'improvviso non esistesse più? Beh, che non rimarrebbe...
Storie
CONDIVIDI
Gioia! Smart awards 2017: tutti i premiati
I personaggi e i prodotti che hanno avuto quest'anno il premio di Gioia!
Storie
CONDIVIDI
La grande festa dei Gioia! Smart Awards 2017
Il Ballo di Brera e il party di Gioia!, che ha voluto premiare personalità con qualcosa in più...decisamente smart!
Storie
CONDIVIDI
Gioia! Let's dance: l'exhibition per gli 80 anni
8 decenni di moda e costume raccontati attraverso il ballo e le pagine del nostro giornale, nato nel 1937: a Milano dal 21 al 24 giugno
Storie
CONDIVIDI
Cannabis: legalizzarla o no?
Dimenticate il mite spinello: oggi è 25 volte più forte di un tempo, ma quasi nessuno lo sa, e in Italia l'ha provata un adolescente su...
Storie
CONDIVIDI
«Come mia sorella mi ha rubato il fidanzato»
Una pubblica umiliazione davanti alla famiglia intera è una sofferenza immensa, ma utile: ti insegna a perdere senza andare in pezzi
Storie
CONDIVIDI
«Se i miei figli non crescono, io torno ragazza»
Le nostre mamme avevano la sindrome del nido vuoto, i miei figli invece restano accampati a casa, nel caos