Diritti gay: una sentenza dice che ora 2 papà valgono uguale

La Corte d'Appello di Trento ha decretato che due gemellini, nati in Canada da surrogacy 7 anni fa, sono figli di entrambi i loro padri

L'ordinanza è di quelle destinate a scompigliare le carte, come sempre quando un tribunale corre più veloce delle leggi. Perché la legge dice che due bambini, nati all'estero da una madre surrogata e legalmente figli di due padri, in Italia perdono il genitore non biologico: diventa un padre fantasma, presente in casa e nella vita ma senza diritti riconosciuti (se non, al limite, quelli concessi dalla stepchild adoption, l'adozione del figlio del partner per tutelare la continuità degli affetti).

Advertisement - Continue Reading Below

La Corte d'Appello di Trento però, il 23 febbraio, con un salto nel futuro ha decretato che due gemellini, nati in Canada da surrogacy sette anni fa, sono figli di entrambi i loro papà. Perché è scritto su documenti validi. E siccome i documenti dicono chi siamo, e il diritto all'identità di un bambino è inviolabile, i loro atti di nascita dovranno essere trascritti dal Comune di residenza. Così come sono, due padri inclusi. «Questa ordinanza è una grande conquista», spiega Samuele Cafasso, portavoce delle Famiglie Arcobaleno, «perché rappresenta un precedente importantissimo. La stepchild adoption, infatti, individua un genitore solo, quello biologico, e una seconda figura a cui riconosce, per aver vissuto con il bambino, un rapporto affettivo, ma non i diritti pieni di un genitore. Non quello che i suoi genitori siano nonni del bambino, i suoi fratelli gli zii, per esempio. E la concessione è subordinata al tempo: devi dimostrare di essere già famiglia per ottenerla.

Più Popolare

La sentenza di Trento invece va in direzione opposta. «Lì si è detto che i padri sono entrambi genitori, con pari diritti e pari doveri», spiega Cafasso. «Sull'ordine pubblico, che si chiama in causa quando un atto altrove legale è incompatibile con le nostre norme, è prevalso il diritto costituzionale dei bambini alla loro identità». Il problema è che le procure si muovono in maniere diverse e bambini che si trovano nelle medesime condizioni di partenza ricevono trattamenti diversissimi». Un esempio? «A Milano la doppia genitorialità non è ancora stata riconosciuta. Neanche con la stepchild adoption».

Nella foto d'apertura, Ricky Martin con il suo compagno Jwan Yosef (che dovrebbe diventare suo marito) e i loro 2 figli.

More from Gioia!:
Storie
CONDIVIDI
Italiani, popolo di ignoranti?
Un'indagine di Libreriamo mette in luce la scarsa propensione per la cultura e la lettura dei nostri connazionali
Storie
CONDIVIDI
Shampoo (r)evolution: i nuovi parrucchieri
I saloni sono diventati posti pieni di idee, dove tra phon e lavello si fanno corsi di storytelling, aperitivi e sfilate
Diritti delle donne
Storie
CONDIVIDI
A che punto siamo con i diritti delle donne?
Le conquiste femminili in Italia e nel mondo, tra passi in avanti e anacronismi (e divieti) senza senso
Storie
CONDIVIDI
Femminicidio: troppo facile dire raptus
Accoltellata dal compagno nel sonno: le dinamiche nascoste dietro queste tragedie che fanno delle donne delle cittadine di secondo grado
Storie
CONDIVIDI
Che tenero il koala che si chiama come Bowie!
Grazie ai suoi occhi (un rarissimo caso di eterocromia nei marsupiali) rende omaggio con il suo nome alla rockstar
Storie
CONDIVIDI
Cutting, mi taglio per stare bene
Le pratiche autolesioniste sono molto diffuse tra le adolescenti italiani, che talvolta postano persino le foto dei tagli sui social
Storie
CONDIVIDI
Non perdere la mostra dell'artista record Basquiat
Se passi da Roma visita l'esposizione del pittore morto giovane le cui opere valgono oggi decine di milioni di dollari
Storie
CONDIVIDI
Il mio primo bacio: da film o da incubo?
Alcuni lo ricordano come un sogno, altri come un disastro: le storie più curiose su Reddit
Storie
CONDIVIDI
Perché il 1° maggio è la festa dei lavoratori?
Questa data ha un significato che forse non sai: scopri la storia, gli slogan famosi e come si celebra nei diversi Paesi
Storie
CONDIVIDI
«Ero drogata, ora lavoro per aiutare gli altri»
Di droga si può guarire (e far guarire) anche facendo da spalla a chi sta cercando di uscirne, e così sono diventata una sober coach