Sai la novità? Pare che Instagram aiuti a guarire chi soffre di depressione

Una recente ricerca avrebbe dimostrato che il social network potrebbe avere un effetto benefico sullo stato d'animo, poiché aiuta a esprimere se stessi e anche a chiedere aiuto (se serve)

Più Popolare

Il lato buono, anzi buonissimo se la notizia troverà conferma, di Instagram, il social più amato dai famosi di tutto il mondo che postano sempre, comunque da ovunque, passa per una ricerca scientifica. Secondo la quale, oltre a mostrarci tendenze gourmet o frotte di gattini lisciati da maschioni sexy, la piattaforma digitale che raccoglie foto e selfie da tutto il globo, potrebbe essere d'aiuto per chi soffre di depressione.

Advertisement - Continue Reading Below

Così, dopo lo sport, tanto utile a dare una scossa alle endorfine, e dopo i 5 cibi più benefici per l'umore, ecco che anche il social, che ha Beyoncè come sua nuova regina di click, avrebbe, secondo i ricercatori della Drexel University, un effetto benefico sullo stato d'animo dei suoi utenti.

Più Popolare

Perché? Perché condividere fa sentire parte di una comunità, perché una foto può spiegare in modo più immediato di tante parole come ci si sente e, soprattutto, perché è dimostrato che i toni e i modi di chi usa Instagram sono più dolci e incoraggianti rispetto alle altre piattaforme. Instagram, insomma, sarebbe più sgombro dall'orribile fenomeno dell'hate speech che, invece, serpeggia su Facebook. Non a caso, hanno riferito i ricercatori di Drexel, è proprio sul social network apparentemente più frivolo che chi soffre chiede aiuto. E, a volte, riesce a trovarlo.

More from Gioia!:
Storie
CONDIVIDI
Quello che nessuna madre osa dire sul proprio figlio (ma che pensa davvero)
L'ironia langue quando una madre parla dei propri figli, per cui se non ne potete più di ritratti irreali di bambini perfetti, leggete qui...
Baby modella in sfilata
Storie
CONDIVIDI
Baby modelle, luci e ombre del backstage
C'è chi comincia da piccolissima, chi sogna di farlo anche da grande: un libro (e questa inchiesta) racconta le loro infanzie «da catalogo»
Storie
CONDIVIDI
Manterrupting: come liberarsi dalla brutta abitudine maschile di interrompere i nostri discorsi
Avete presente quella volta che un collega o un amico vi ha interrotte per dire la sua e voi siete rimaste lì, mortificate? Ebbene, siete...
Sbarchi migranti Italia navi Marina militare reportage: il soccorso ai profughi
Storie
CONDIVIDI
Migranti: siamo stati sulla nave che presta soccorso
Oltre 12mila profughi in 48 ore: noi eravamo a bordo delle navi della Marina Militare, ecco il reportage esclusivo di Gioia!
Storie
CONDIVIDI
Che cos'è il manspreading e perché, almeno una volta, ne sei stata vittima anche tu
L'invasione machista dello spazio altrui è diventata tema di dibattito, al punto che in alcune città del mondo si stanno attivando divieti...
Storie
CONDIVIDI
Cosa succederebbe se Facebook sparisse?
Quali sarebbero le reali conseguenze se il social network più famoso al mondo d'improvviso non esistesse più? Beh, che non rimarrebbe...
Storie
CONDIVIDI
Gioia! Smart awards 2017: tutti i premiati
I personaggi e i prodotti che hanno avuto quest'anno il premio di Gioia!
Storie
CONDIVIDI
La grande festa dei Gioia! Smart Awards 2017
Il Ballo di Brera e il party di Gioia!, che ha voluto premiare personalità con qualcosa in più...decisamente smart!
Storie
CONDIVIDI
Gioia! Let's dance: l'exhibition per gli 80 anni
8 decenni di moda e costume raccontati attraverso il ballo e le pagine del nostro giornale, nato nel 1937: a Milano dal 21 al 24 giugno
Storie
CONDIVIDI
Cannabis: legalizzarla o no?
Dimenticate il mite spinello: oggi è 25 volte più forte di un tempo, ma quasi nessuno lo sa, e in Italia l'ha provata un adolescente su...