Sai la novità? Pare che Instagram aiuti a guarire chi soffre di depressione

Una recente ricerca avrebbe dimostrato che il social network potrebbe avere un effetto benefico sullo stato d'animo, poiché aiuta a esprimere se stessi e anche a chiedere aiuto (se serve)

Più Popolare

Il lato buono, anzi buonissimo se la notizia troverà conferma, di Instagram, il social più amato dai famosi di tutto il mondo che postano sempre, comunque da ovunque, passa per una ricerca scientifica. Secondo la quale, oltre a mostrarci tendenze gourmet o frotte di gattini lisciati da maschioni sexy, la piattaforma digitale che raccoglie foto e selfie da tutto il globo, potrebbe essere d'aiuto per chi soffre di depressione.

Advertisement - Continue Reading Below

Così, dopo lo sport, tanto utile a dare una scossa alle endorfine, e dopo i 5 cibi più benefici per l'umore, ecco che anche il social, che ha Beyoncè come sua nuova regina di click, avrebbe, secondo i ricercatori della Drexel University, un effetto benefico sullo stato d'animo dei suoi utenti.

Più Popolare

Perché? Perché condividere fa sentire parte di una comunità, perché una foto può spiegare in modo più immediato di tante parole come ci si sente e, soprattutto, perché è dimostrato che i toni e i modi di chi usa Instagram sono più dolci e incoraggianti rispetto alle altre piattaforme. Instagram, insomma, sarebbe più sgombro dall'orribile fenomeno dell'hate speech che, invece, serpeggia su Facebook. Non a caso, hanno riferito i ricercatori di Drexel, è proprio sul social network apparentemente più frivolo che chi soffre chiede aiuto. E, a volte, riesce a trovarlo.

More from Gioia!:
Storie
CONDIVIDI
Gioia! Smart awards 2017: tutti i premiati
I personaggi e i prodotti che hanno avuto quest'anno il premio di Gioia!
Storie
CONDIVIDI
La grande festa dei Gioia! Smart Awards 2017
Il Ballo di Brera e il party di Gioia!, che ha voluto premiare personalità con qualcosa in più...decisamente smart!
Storie
CONDIVIDI
Gioia! Let's dance: l'exhibition per gli 80 anni
8 decenni di moda e costume raccontati attraverso il ballo e le pagine del nostro giornale, nato nel 1937: a Milano dal 21 al 24 giugno
Storie
CONDIVIDI
Cannabis: legalizzarla o no?
Dimenticate il mite spinello: oggi è 25 volte più forte di un tempo, ma quasi nessuno lo sa, e in Italia l'ha provata un adolescente su...
Storie
CONDIVIDI
«Come mia sorella mi ha rubato il fidanzato»
Una pubblica umiliazione davanti alla famiglia intera è una sofferenza immensa, ma utile: ti insegna a perdere senza andare in pezzi
Storie
CONDIVIDI
«Se i miei figli non crescono, io torno ragazza»
Le nostre mamme avevano la sindrome del nido vuoto, i miei figli invece restano accampati a casa, nel caos
Storie
CONDIVIDI
Italiani, popolo di ignoranti?
Un'indagine di Libreriamo mette in luce la scarsa propensione per la cultura e la lettura dei nostri connazionali
Storie
CONDIVIDI
Shampoo (r)evolution: i nuovi parrucchieri
I saloni sono diventati posti pieni di idee, dove tra phon e lavello si fanno corsi di storytelling, aperitivi e sfilate
Diritti delle donne
Storie
CONDIVIDI
A che punto siamo con i diritti delle donne?
Le conquiste femminili in Italia e nel mondo, tra passi in avanti e anacronismi (e divieti) senza senso
Storie
CONDIVIDI
Femminicidio: troppo facile dire raptus
Accoltellata dal compagno nel sonno: le dinamiche nascoste dietro queste tragedie che fanno delle donne delle cittadine di secondo grado