Anche il Moma dice no al Muslim Ban di Donald Trump

Per protesta contro il Muslim ban di Donald Trump - la chiusura delle frontiere americane a cittadini stranieri di determinate nazionalità - il Museo d'arte moderna di New York ha esposto opere di artisti provenienti da Paesi non graditi al presidente Usa

L'arte non ci sta al famigerato Muslim Ban di Donald Trump e il Museo d'arte moderna di New York (il Moma) si fa portavoce di questa ribellione. Nei giorni scorsi, infatti, il celebre museo ha deciso di rimuovere temporaneamente opere di Pablo Picasso, Henri Matisse, Francis Picabia, Oskar Kokoschka, James Ensor e Umberto Boccioni e mettere al loro posto lavori di artisti provenienti dai Paesi musulmani messi al bando dal Presidente Usa.

Advertisement - Continue Reading Below

Sono 7 le opere esposte al quinto piano del Museo e comprendono lavori del pittore sudanese Ibrahim el-Salahi, dell'architetta d'origine irachena Zaha Hadid e della videoartista iraniana Tala Madani. Inoltre, una scultura dall'artista iraniana Siah Armajani è stata collocata nella sala d'ingresso.

Più Popolare

Se il messaggio non fosse abbastanza chiaro, accanto a ogni opera è stata allegata la seguente didascalia:

Questo è il lavoro di un artista di uno dei Paesi ai cui cittadini è negato l'ingresso negli Stati Uniti, secondo il decreto del presidente. Questo è uno dei lavori della collezione del museo installati per affermare l'ideale di libertà come vitale per il museo e per gli Stati Uniti.

Scelta quanto mai azzeccata quella del Moma, perché, come diceva anche lo scrittore francese André Suarès, «L'arte è il luogo della perfetta libertà».

More from Gioia!:
Storie
CONDIVIDI
Cosa succederebbe se Facebook sparisse?
Quali sarebbero le reali conseguenze se il social network più famoso al mondo d'improvviso non esistesse più? Beh, che non rimarrebbe...
Storie
CONDIVIDI
Gioia! Smart awards 2017: tutti i premiati
I personaggi e i prodotti che hanno avuto quest'anno il premio di Gioia!
Storie
CONDIVIDI
La grande festa dei Gioia! Smart Awards 2017
Il Ballo di Brera e il party di Gioia!, che ha voluto premiare personalità con qualcosa in più...decisamente smart!
Storie
CONDIVIDI
Gioia! Let's dance: l'exhibition per gli 80 anni
8 decenni di moda e costume raccontati attraverso il ballo e le pagine del nostro giornale, nato nel 1937: a Milano dal 21 al 24 giugno
Storie
CONDIVIDI
Cannabis: legalizzarla o no?
Dimenticate il mite spinello: oggi è 25 volte più forte di un tempo, ma quasi nessuno lo sa, e in Italia l'ha provata un adolescente su...
Storie
CONDIVIDI
«Come mia sorella mi ha rubato il fidanzato»
Una pubblica umiliazione davanti alla famiglia intera è una sofferenza immensa, ma utile: ti insegna a perdere senza andare in pezzi
Storie
CONDIVIDI
«Se i miei figli non crescono, io torno ragazza»
Le nostre mamme avevano la sindrome del nido vuoto, i miei figli invece restano accampati a casa, nel caos
Storie
CONDIVIDI
Italiani, popolo di ignoranti?
Un'indagine di Libreriamo mette in luce la scarsa propensione per la cultura e la lettura dei nostri connazionali
Storie
CONDIVIDI
Shampoo (r)evolution: i nuovi parrucchieri
I saloni sono diventati posti pieni di idee, dove tra phon e lavello si fanno corsi di storytelling, aperitivi e sfilate
Diritti delle donne
Storie
CONDIVIDI
A che punto siamo con i diritti delle donne?
Le conquiste femminili in Italia e nel mondo, tra passi in avanti e anacronismi (e divieti) senza senso