Aleppo, Bana Alabed è salva: su Twitter il racconto della guerra in Siria

Tra le persone evacuate da Aleppo anche la bambina di 7 anni simbolo dell'assedio della città siriana

Più Popolare

E' salva Bana Alabed, la bambina di 7 anni che da settembre racconta a tutto il mondo attraverso Twitter (@AlabedBana, un account con 340mila follower) la terribile situazione della martoriata Aleppo. «Sono scappata da Aleppo-Est», ha twittato poche ore fa Bana, mentre sua madre Fatemah, che le gestisce il profilo, chiede a gran voce la pace per tutta la Siria, così come è stato fatto per la città assediata.

Advertisement - Continue Reading Below

Più Popolare

Si può quindi tirare un sospiro di sollievo per lei e per gli altri abitanti della città, che è stata evacuata: a inizio dicembre infatti Aleppo-Est, la zona controllata dai ribelli che si oppongono al presidente siriano Assad, è stata colpita da un fitto bombardamento e Bana negli ultimi giorni aveva smesso di inviare i suoi aggiornamenti. Solo qualche giorno fa Fatemah aveva lanciato un appello disperato: «Caro mondo, al momento c'è un intenso bombardamento. Perché stai in silenzio? Perché? Perché? Perché? La paura sta uccidendo me e i miei bambini».

Advertisement - Continue Reading Below

I tweet di Bana

Il primo tweet di Bana è arrivato a settembre 2016 e nel corso delle settimane la bambina, aiutata dalla mamma, ha documentato cosa stava succedendo in città anche con foto e video, tra bombardamenti e (inutili) cessate il fuoco. I terribili effetti delle bombe sono decisamente impressionanti.

Advertisement - Continue Reading Below

Più Popolare

Ma Bana ha raccontato sul suo profilo anche alcuni piccoli momenti di vita quotidiana, uno sprazzo di normalità nonostante la situazione difficile: la caduta dei dentini da latte, alcuni nuovi amichetti, insomma le cose che accadono a qualsiasi bambino in ogni parte del mondo. Quelle cose che tutti i bambini come Bana devono poter vivere in un posto sicuro e al riparo, insieme ai loro genitori e ai loro familiari.

Advertisement - Continue Reading Below

Per Bana recentemente si era mossa anche la scrittrice J.K.Rowling, l'autrice di Harry Potter, che le ha inviato gli ebook del maghetto.

More from Gioia!:
super bowl 2017: le foto più belle delle celeb su Instagram
Storie
CONDIVIDI
Il Super Bowl 2017 raccontato dalle celeb
Da Lady Gaga a Emily Ratajkowski, ecco le foto su Instagram che hanno fatto touchdown nei nostri cuori
Il MoMA contro il Muslim Ban di Trump
Storie
CONDIVIDI
Arte vs Trump: la protesta del Moma
Il Museo d'arte moderna di New York si ribella alla chiusura delle frontiere ed espone opere dei Paesi non graditi
Storie
CONDIVIDI
«Come si fa a vivere da separati in casa?»
A chi me lo chiede rispondo così: si fa, per amore delle bambine, e alla fine ci si abitua! Ha il sapore di un avanzo, ma è pur sempre cibo
Dal 20 gennaio 2017 Donald Trump è il presidente degli USA: mentre la first family impara la parte, noi abbiamo dato le pagelle ai protagonisti dell'Inauguration Day.
Storie
CONDIVIDI
Donald Trump & Co.: le pagelle del debutto
Alla Casa Bianca cambia tutto: arredi in oro zecchino, tanti nipotini, e una first family che deve ancora imparare la parte
Storie
CONDIVIDI
Che cosa ti tocca fare se sei una escort
Le richieste più strane dei clienti raccontate in prima persona dalle professioniste del sesso sulla piattaforma di Reddit
Storie
CONDIVIDI
Le marce delle donne prima della Women's march
Da quella della rivoluzione francese fino al recente Black monday polacco, ecco 5 momenti storici per i diritti delle donne
Donald Trump inauguration ball 2017
Storie
CONDIVIDI
Vi siete perse l'Inauguration day?
No problem: ecco la fotostoria dell'insediamento di Donald Trump come 45° presidente degli Stati Uniti
Storie
CONDIVIDI
Le foto della marcia delle donne contro Trump
La Women's march ha preso piede in ogni angolo della Terra: la protesta pacifica di donne, uomini e bambini
Storie
CONDIVIDI
Conosci la vera storia di San Valentino?
Sono molti i miti e le leggende intorno alla festa degli innamorati: ecco quello che c'è da sapere
Storie
CONDIVIDI
Femminicidio: ora occupiamoci degli uomini
L'attenzione si sposta sugli autori delle violenze, per gli uomini la libertà delle donne non è così scontata: i consigli di due esperte