Viaggiare in Thailandia è ancora sicuro?

​L'attentato di Bangkok conferma che non ci sono più mete sicure, ma smettere di viaggiare è follia

Più Popolare

Lunedì 17 agosto tre chili di tritolo hanno scosso come un terremoto Bangkok aprendo una voragine al crocevia tra i lussuosi shopping center della capitale. Lo shock è indescrivibile, non solo perché siamo in un Paese mite ma perché qui, come altrove, non si spara sui passanti. Invece, è successo. E il bersaglio erano i turisti, come in Tunisia il 26 giugno e lo scorso aprile nell'isola di Samui.

Advertisement - Continue Reading Below

«L'obiettivo è distruggere il turismo e l'economia», ha dichiarato Prawit Wongsuwan, Primo ministro. Maghreb, Egitto, Kenya, Indonesia, Malesia… Gli attacchi possono avvenire in tutte le località frequentate. Nessun Paese è a rischio zero, ma non dobbiamo smettere di sentirci liberi di muoverci. Non solo perché i servizi segreti non hanno mai avuto un programma di controllo così capillare come oggi, ma perché, come ha spiegato il filosofo norvegese Lars Svendsen in A philosophy of fear, la paura ci rende deboli e manipolabili. «C'è molta più probabilità di morire colpiti da un fulmine o da un virus che in un attentato», dice Svendsen. «Ma la paura toglie anche la lucidità mentale necessaria a capirlo».

Più Popolare

L'arma emozionale«Il danno è prima di tutto emozionale», spiega Bruce Scheiner, autore del libro Beyond fear, «e le ripercussioni di una strage non dipendono dalla sua entità quanto dalle reazioni che scatena. Immagina che una bomba non scoppi e nessuno muoia: basta che provochi terrore e i criminali hanno comunque vinto». Se ti spaventi, fai il loro gioco. Forse per questo, sulle prime pagine dei giornali thai a 48 ore dall'accaduto si parlava già d'altro. Le vie d'accesso al crocevia sventrato erano già riaperte al traffico, mentre i quotidiani online aggiornavano in tempo reale l'elenco delle attività di messa in sicurezza organizzate dai capi di polizia di ogni regione, uno per uno, e il resoconto degli aiuti economici che il governo ha stanziato a favore delle vittime e di chi ha subito danni. Non fermarti se li vuoi fermare Da lunedì 17 ho preso già due aerei: nessuna coda in aeroporto, nessun ritardo.  I militari sorridono con la consueta gentilezza trasmettendo calma. La gente pensa ad aiutare e darsi da fare. Come ai tempi dello tsunami, tocco con mano la forza di uno spirito coeso, dove la collettività non si frammenta ma si sostiene. Loro la chiamano hen ok hen jai: compassione.

(Grazia Pallagrosi)

Foto: Getty

More from Gioia!:
Storie
CONDIVIDI
Violenza sulle donne: ai raptus di gelosia non crediamo più
Dietro ai femminicidi c'è una cultura che rende possibile arrabbiarsi e ferire a morte: ecco perché serve fare prevenzione nelle scuole
Storie
CONDIVIDI
Abby Stein, nata due volte: da rabbino a donna attivista transgender
Non si è mai sentita un maschio, ma non sapeva cosa significasse «transgender»: l'ha imparato diventando donna, come ci racconta qui
The Weekend bazaar icons
Storie
CONDIVIDI
Harper's BAZAAR Icons: The Weeknd protagonista
L'incontro tra musica e moda sul numero speciale di Harper's BAZAAR firmato da Carine Roitfeld per raccontare lo stile del prossimo inverno
Storie
CONDIVIDI
Quello che nessuna madre osa dire sul proprio figlio (ma che pensa davvero)
L'ironia langue quando una madre parla dei propri figli, per cui se non ne potete più di ritratti irreali di bambini perfetti, leggete qui...
Baby modella in sfilata
Storie
CONDIVIDI
Baby modelle, luci e ombre del backstage
C'è chi comincia da piccolissima, chi sogna di farlo anche da grande: un libro (e questa inchiesta) racconta le loro infanzie «da catalogo»
Storie
CONDIVIDI
Manterrupting: come liberarsi dalla brutta abitudine maschile di interrompere i nostri discorsi
Avete presente quella volta che un collega o un amico vi ha interrotte per dire la sua e voi siete rimaste lì, mortificate? Ebbene, siete...
Sbarchi migranti Italia navi Marina militare reportage: il soccorso ai profughi
Storie
CONDIVIDI
Migranti: siamo stati sulla nave che presta soccorso
Oltre 12mila profughi in 48 ore: noi eravamo a bordo delle navi della Marina Militare, ecco il reportage esclusivo di Gioia!
Storie
CONDIVIDI
Che cos'è il manspreading e perché, almeno una volta, ne sei stata vittima anche tu
L'invasione machista dello spazio altrui è diventata tema di dibattito, al punto che in alcune città del mondo si stanno attivando divieti...
Storie
CONDIVIDI
Cosa succederebbe se Facebook sparisse?
Quali sarebbero le reali conseguenze se il social network più famoso al mondo d'improvviso non esistesse più? Beh, che non rimarrebbe...
Storie
CONDIVIDI
Gioia! Smart awards 2017: tutti i premiati
I personaggi e i prodotti che hanno avuto quest'anno il premio di Gioia!