Viaggiare in Thailandia è ancora sicuro?

​L'attentato di Bangkok conferma che non ci sono più mete sicure, ma smettere di viaggiare è follia

Più Popolare

Lunedì 17 agosto tre chili di tritolo hanno scosso come un terremoto Bangkok aprendo una voragine al crocevia tra i lussuosi shopping center della capitale. Lo shock è indescrivibile, non solo perché siamo in un Paese mite ma perché qui, come altrove, non si spara sui passanti. Invece, è successo. E il bersaglio erano i turisti, come in Tunisia il 26 giugno e lo scorso aprile nell'isola di Samui.

Advertisement - Continue Reading Below

«L'obiettivo è distruggere il turismo e l'economia», ha dichiarato Prawit Wongsuwan, Primo ministro. Maghreb, Egitto, Kenya, Indonesia, Malesia… Gli attacchi possono avvenire in tutte le località frequentate. Nessun Paese è a rischio zero, ma non dobbiamo smettere di sentirci liberi di muoverci. Non solo perché i servizi segreti non hanno mai avuto un programma di controllo così capillare come oggi, ma perché, come ha spiegato il filosofo norvegese Lars Svendsen in A philosophy of fear, la paura ci rende deboli e manipolabili. «C'è molta più probabilità di morire colpiti da un fulmine o da un virus che in un attentato», dice Svendsen. «Ma la paura toglie anche la lucidità mentale necessaria a capirlo».

Più Popolare

L'arma emozionale«Il danno è prima di tutto emozionale», spiega Bruce Scheiner, autore del libro Beyond fear, «e le ripercussioni di una strage non dipendono dalla sua entità quanto dalle reazioni che scatena. Immagina che una bomba non scoppi e nessuno muoia: basta che provochi terrore e i criminali hanno comunque vinto». Se ti spaventi, fai il loro gioco. Forse per questo, sulle prime pagine dei giornali thai a 48 ore dall'accaduto si parlava già d'altro. Le vie d'accesso al crocevia sventrato erano già riaperte al traffico, mentre i quotidiani online aggiornavano in tempo reale l'elenco delle attività di messa in sicurezza organizzate dai capi di polizia di ogni regione, uno per uno, e il resoconto degli aiuti economici che il governo ha stanziato a favore delle vittime e di chi ha subito danni. Non fermarti se li vuoi fermare Da lunedì 17 ho preso già due aerei: nessuna coda in aeroporto, nessun ritardo.  I militari sorridono con la consueta gentilezza trasmettendo calma. La gente pensa ad aiutare e darsi da fare. Come ai tempi dello tsunami, tocco con mano la forza di uno spirito coeso, dove la collettività non si frammenta ma si sostiene. Loro la chiamano hen ok hen jai: compassione.

(Grazia Pallagrosi)

Foto: Getty

More from Gioia!:
Storie
CONDIVIDI
Single è meglio: lo dice la scienza!
Lo stereotipo vuole che le persone non in coppia siano tristi e sole, ma ora una ricercatrice spiega che non se la passano male
super bowl 2017: le foto più belle delle celeb su Instagram
Storie
CONDIVIDI
Il Super Bowl 2017 raccontato dalle celeb
Da Lady Gaga a Emily Ratajkowski, ecco le foto su Instagram che hanno fatto touchdown nei nostri cuori
Il MoMA contro il Muslim Ban di Trump
Storie
CONDIVIDI
Arte vs Trump: la protesta del Moma
Il Museo d'arte moderna di New York si ribella alla chiusura delle frontiere ed espone opere dei Paesi non graditi
Storie
CONDIVIDI
«Come si fa a vivere da separati in casa?»
A chi me lo chiede rispondo così: si fa, per amore delle bambine, e alla fine ci si abitua! Ha il sapore di un avanzo, ma è pur sempre cibo
Dal 20 gennaio 2017 Donald Trump è il presidente degli USA: mentre la first family impara la parte, noi abbiamo dato le pagelle ai protagonisti dell'Inauguration Day.
Storie
CONDIVIDI
Donald Trump & Co.: le pagelle del debutto
Alla Casa Bianca cambia tutto: arredi in oro zecchino, tanti nipotini, e una first family che deve ancora imparare la parte
Storie
CONDIVIDI
Che cosa ti tocca fare se sei una escort
Le richieste più strane dei clienti raccontate in prima persona dalle professioniste del sesso sulla piattaforma di Reddit
Storie
CONDIVIDI
Le marce delle donne prima della Women's march
Da quella della rivoluzione francese fino al recente Black monday polacco, ecco 5 momenti storici per i diritti delle donne
Donald Trump inauguration ball 2017
Storie
CONDIVIDI
Vi siete perse l'Inauguration day?
No problem: ecco la fotostoria dell'insediamento di Donald Trump come 45° presidente degli Stati Uniti
Storie
CONDIVIDI
Le foto della marcia delle donne contro Trump
La Women's march ha preso piede in ogni angolo della Terra: la protesta pacifica di donne, uomini e bambini
Storie
CONDIVIDI
Conosci la vera storia di San Valentino?
Sono molti i miti e le leggende intorno alla festa degli innamorati: ecco quello che c'è da sapere