Uomini in costume: slip o boxer?

Ogni anno l'estate ripropone il quesito: meglio le braghette da surfista o la mutanda di lycra? La risposta non cambia:​ sempre si tratta di maschi in mutande

Più Popolare

La scelta del costume d'elezione immortala con precisione il momento storico in cui ogni esemplare di maschio umano si è sentito per la prima volta un figo in mutande. Per dire: mio nonno mi accompagnava ai bagni di Santa Marinella, alla fine degli anni Settanta, con una tutina a righe riconducibile a un intorno del 1933. Allora ero troppo giovane per interrogarmi, ma con l'attitudine all'approfondimento tipica dell'età adulta mi chiedo ancora se fosse un reperto originale dell'epoca oppure, abbondantemente a valle della rivoluzione sessuale, ci fossero nicchie di mercato sostenute dalla determinazione degli uomini perbene a non scoprire neanche un centimetro di coscia.

Advertisement - Continue Reading Below

Invece non ho dubbi sulla datazione del pantaloncino da surfista del vicino di ombrellone: originale 1995, come Boombastic. Deve trattarsi di un regalo dell'allora fidanzata (ora moglie, e madre dei due scalmanati con i quali lui si compete in qualsiasi attività preveda rimbalzi di palla e/o emissione di schiamazzi) che Mister Lover-Lover non ha mai reputato opportuno archiviare, tanto lo mette due settimane all'anno e – la scena si ripete alla vigilia di ogni partenza – guarda come sono in forma, ancora mi si allaccia. 

Più Popolare

I nonni si dividono in due categorie. Gli irriducibili hanno formato la loro identità balneare negli anni in cui un'allucinazione collettiva aveva reso lo slip irresistibile, e ancora si ostinano a riprodurre l'intero corredo: costume di lycra in dimenticate tonalità di giallo senape – i più raffinati: a piccola fantasia marròn – con sgambatura audace, baffo spiovente, occhiali da sole a goccia. Non fossero commercialisti in pensione, sembrerebbero pornostar. I rassegnati, invece, al mare proprio non ci volevano venire. Hanno un bermuda al ginocchio di tela rigida, in tinta con la seggiolina pieghevole e il cappello da pescatore. Arrivano, leggono Il corriere della sera coast to coast – ormai lo stampano solo per loro – e prima di mezzogiorno sono già a tavola, paonazzi.

I ragazzini, naturalmente, sono i più chiassosi: ancora alla ricerca di uno stile. Ci sono quelli in boxer attillato, bianco o altra sfumatura ospedaliera, che volevano essere James Bond (o almeno David Beckham). Ci sono quelli che hanno passato l'inverno in palestra: non sono vanitosi, sono atleti, e quindi affittano pedalò in calzamaglie anti-attrito come neanche alle Olimpiadi di Rio. E poi ci sono quelli che proprio non hanno tempo per queste frivolezze, e si presentano in spiaggia con jeans che hanno impiegato un pomeriggio a sfilacciare.

Ostinatamente trans-generazionale rimane il problema della stampa hawaiana. La quale non faceva sembrare particolarmente affascinante neanche Magnum P. I., che aveva il sorriso di Tom Selleck, guidava una Ferrari, e soprattutto – ripeto: soprattutto – abitava alle Hawaii. Figuriamoci un direttore commerciale di Brescia distaccato per il weekend a Santa Margherita, in ciabatte. Per fortuna, insieme ai ricordi, col tempo anche i fiori misericordiosamente sbiadiscono.

More from Gioia!:
Il principe Harry e l'attrice americana Meghan Markle si sposeranno nella cappella del castello di Windsor a maggio dell'anno prossimo, e quello sarà solo l'inizio: l'obiettivo è portare la monarchia britannica nel futuro.
Storie
CONDIVIDI
Meghan Markle e il principe Harry coppia dell'anno! Ma come andrà a finire la loro favola?
Ovvero: riuscirà la nostra eroina a diventare la nuova principessa del popolo?
Bambini scomparsi
Storie
CONDIVIDI
Dove finiscono le migliaia di bambini scomparsi?
In Europa ogni 2 minuti sparisce un minore, in Italia più di 2.000 non sono mai stati ritrovati, e il dolore delle loro famiglie non ha...
Storie
CONDIVIDI
5 cose che Meghan Markle e Harry non possono assolutamente fare in pubblico secondo l'etichetta reale
Divieti royal in piena regola. L'obiettivo? Mantenere intatto l'understatement di Palazzo
Storie
CONDIVIDI
Quelle che Gomorra non è solo una serie tv
A Scampia non ci sono solo droga e criminalità, come nella serie di Sky, ci sono anche donne straordinarie, che abbiamo incontrato
Storie
CONDIVIDI
6 artigiane del gioiello al Maker Faire di Roma raccontano il futuro del made in Italy
6 artiste che ci dimostrano che quando si parla di gioielli, non sempre (e non solo) i diamanti sono i migliori amici delle donne
Donne belle diverse
Storie
CONDIVIDI
Fra unicità e perfezione non c'è gara! Oggi vincono le bellezze diverse, da Ashley Graham a Bebe Vio
L'unicità oggi vince sulla perfezione e il mondo sdogana canoni di bellezza non più assoluti ma "plurali"
Molestie Fausto Brizzi
Storie
CONDIVIDI
Molestie: con Brizzi lo scandalo arriva in Italia, e ora?
I nomi emersi fin qui sono solo la punta di un iceberg, che non riguarda solo il cinema: come difenderci? Ripartendo da noi
Storie
CONDIVIDI
Noi, italiani expat a Barcellona, vi parliamo della Catalogna
Sono arrivati anni fa in una città accogliente e cosmopolita: ora ci raccontano la (difficile) quotidianità del capoluogo catalano
Donne potere leadership femminile
Storie
CONDIVIDI
Ragazze con i superpoteri
Cosa succederebbe se fossero le giovani donne a governare il mondo? Potrebbero riscrivere le regole del potere
Calendario Pirelli 2018 Duckie Thot
Storie
CONDIVIDI
Calendario Pirelli 2018: Alice si fa black
Presentato a New York e firmato da Tim Walker è un manifesto al tema dell'inclusione e un inno alla diversità