Uomini in costume: slip o boxer?

Ogni anno l'estate ripropone il quesito: meglio le braghette da surfista o la mutanda di lycra? La risposta non cambia:​ sempre si tratta di maschi in mutande

Più Popolare

La scelta del costume d'elezione immortala con precisione il momento storico in cui ogni esemplare di maschio umano si è sentito per la prima volta un figo in mutande. Per dire: mio nonno mi accompagnava ai bagni di Santa Marinella, alla fine degli anni Settanta, con una tutina a righe riconducibile a un intorno del 1933. Allora ero troppo giovane per interrogarmi, ma con l'attitudine all'approfondimento tipica dell'età adulta mi chiedo ancora se fosse un reperto originale dell'epoca oppure, abbondantemente a valle della rivoluzione sessuale, ci fossero nicchie di mercato sostenute dalla determinazione degli uomini perbene a non scoprire neanche un centimetro di coscia.

Advertisement - Continue Reading Below

Invece non ho dubbi sulla datazione del pantaloncino da surfista del vicino di ombrellone: originale 1995, come Boombastic. Deve trattarsi di un regalo dell'allora fidanzata (ora moglie, e madre dei due scalmanati con i quali lui si compete in qualsiasi attività preveda rimbalzi di palla e/o emissione di schiamazzi) che Mister Lover-Lover non ha mai reputato opportuno archiviare, tanto lo mette due settimane all'anno e – la scena si ripete alla vigilia di ogni partenza – guarda come sono in forma, ancora mi si allaccia. 

Più Popolare

I nonni si dividono in due categorie. Gli irriducibili hanno formato la loro identità balneare negli anni in cui un'allucinazione collettiva aveva reso lo slip irresistibile, e ancora si ostinano a riprodurre l'intero corredo: costume di lycra in dimenticate tonalità di giallo senape – i più raffinati: a piccola fantasia marròn – con sgambatura audace, baffo spiovente, occhiali da sole a goccia. Non fossero commercialisti in pensione, sembrerebbero pornostar. I rassegnati, invece, al mare proprio non ci volevano venire. Hanno un bermuda al ginocchio di tela rigida, in tinta con la seggiolina pieghevole e il cappello da pescatore. Arrivano, leggono Il corriere della sera coast to coast – ormai lo stampano solo per loro – e prima di mezzogiorno sono già a tavola, paonazzi.

I ragazzini, naturalmente, sono i più chiassosi: ancora alla ricerca di uno stile. Ci sono quelli in boxer attillato, bianco o altra sfumatura ospedaliera, che volevano essere James Bond (o almeno David Beckham). Ci sono quelli che hanno passato l'inverno in palestra: non sono vanitosi, sono atleti, e quindi affittano pedalò in calzamaglie anti-attrito come neanche alle Olimpiadi di Rio. E poi ci sono quelli che proprio non hanno tempo per queste frivolezze, e si presentano in spiaggia con jeans che hanno impiegato un pomeriggio a sfilacciare.

Ostinatamente trans-generazionale rimane il problema della stampa hawaiana. La quale non faceva sembrare particolarmente affascinante neanche Magnum P. I., che aveva il sorriso di Tom Selleck, guidava una Ferrari, e soprattutto – ripeto: soprattutto – abitava alle Hawaii. Figuriamoci un direttore commerciale di Brescia distaccato per il weekend a Santa Margherita, in ciabatte. Per fortuna, insieme ai ricordi, col tempo anche i fiori misericordiosamente sbiadiscono.

More from Gioia!:
Storie
CONDIVIDI
Italiani, popolo di ignoranti?
Un'indagine di Libreriamo mette in luce la scarsa propensione per la cultura e la lettura dei nostri connazionali
Storie
CONDIVIDI
Shampoo (r)evolution: i nuovi parrucchieri
I saloni sono diventati posti pieni di idee, dove tra phon e lavello si fanno corsi di storytelling, aperitivi e sfilate
Diritti delle donne
Storie
CONDIVIDI
A che punto siamo con i diritti delle donne?
Le conquiste femminili in Italia e nel mondo, tra passi in avanti e anacronismi (e divieti) senza senso
Storie
CONDIVIDI
Femminicidio: troppo facile dire raptus
Accoltellata dal compagno nel sonno: le dinamiche nascoste dietro queste tragedie che fanno delle donne delle cittadine di secondo grado
Storie
CONDIVIDI
Che tenero il koala che si chiama come Bowie!
Grazie ai suoi occhi (un rarissimo caso di eterocromia nei marsupiali) rende omaggio con il suo nome alla rockstar
Storie
CONDIVIDI
Cutting, mi taglio per stare bene
Le pratiche autolesioniste sono molto diffuse tra le adolescenti italiani, che talvolta postano persino le foto dei tagli sui social
Storie
CONDIVIDI
Non perdere la mostra dell'artista record Basquiat
Se passi da Roma visita l'esposizione del pittore morto giovane le cui opere valgono oggi decine di milioni di dollari
Storie
CONDIVIDI
Il mio primo bacio: da film o da incubo?
Alcuni lo ricordano come un sogno, altri come un disastro: le storie più curiose su Reddit
Storie
CONDIVIDI
Perché il 1° maggio è la festa dei lavoratori?
Questa data ha un significato che forse non sai: scopri la storia, gli slogan famosi e come si celebra nei diversi Paesi
Storie
CONDIVIDI
«Ero drogata, ora lavoro per aiutare gli altri»
Di droga si può guarire (e far guarire) anche facendo da spalla a chi sta cercando di uscirne, e così sono diventata una sober coach