Il mondo di Sophia, youtuber di 17 anni

​Sofia Viscardi ha migliaia di fan che sognano di essere come lei. Fare video diventerà un lavoro? Non lo sa ancora. Altri invece...

Più Popolare

C'era un tempo in cui le figlie chiedevano alle mamme di fare le veline. Era un secolo fa, la televisione godeva ancora di una certa popolarità e i genitori avevano voce in capitolo. Poi è arrivato Internet e i nativi digitali. Di colpo è successa questa cosa strana per cui gli adulti ne sanno meno dei minorenni, spesso imparano da loro («Amore, mi rispieghi quella cosa sull'hashtag?»): per quanto si sforzino di essere moderni e social, sono sempre un passo indietro.

Advertisement - Continue Reading Below

Nel frattempo, la richiesta è cambiata: «Mamma, voglio fare la YouTuber». Non è una domanda, è un'affermazione. Il consenso è un proforma, del resto: allo scoccare dei 13 anni puoi aprire un tuo canale su YouTube e postare quello che vuoi. «Io ho chiesto il permesso ai miei genitori, ma dopo che avevo già caricato il primo video», confessa candidamente Sofia Viscardi, 17 anni e un'esplosione di energia ben raccontata da una massa di capelli incontenibili.

Più Popolare

Il debutto in Rete è avvenuto a 15 anni, per gioco, poi col tempo ci ha preso gusto. Ora gira e monta in modo metodico un video a settimana – «cercando di non rubare troppo tempo alla scuola» specifica – e racconta crucci e amenità della sua vita da adolescente. Tra le fan sfegatate, tante ragazzine più giovani che sognano un giorno di diventare come lei.

Quando gira per Milano la fermano per strada, le chiedono autografi e selfie. «Mi è successo un giorno uscendo da scuola e la mia prof non ci poteva credere. Anche a me fa uno strano effetto, però non mi dà fastidio, anzi. Non mi piace solo se qualcuno tenta di violare la mia privacy. Sono io a decidere cosa esporre della mia vita».

I genitori non pongono intralci. «Lavorano nella comunicazione,non ci trovano niente di male. Anzi mio padre è attentissimo a seguire l'andamento dei miei follower!». Quando non sarà più una teenager di cosa parlerà? Il problema non se lo pone: «Chi mi segue crescerà con me. Finché mi diverto vado avanti, poi si vedrà».

Due suoi "colleghi", invece, hanno già capito cosa faranno da grandi: gli YouTubers di professione. Rulof, 28 anni, di Torino, da quando ha capito che con le sue invenzioni bizzarre (dal microfono fai-da-te alle lampadine-caffettiera) ci poteva campare, ha investito nell'impresa: attrezzatura nuova, corso d'inglese per ampliare il mercato (gli americani lo seguono, ma sono puntigliosissimi) e a breve ingaggio di due traduttori per lo spagnolo e il portoghese.

Bstaaard, 27 anni, di Bolzano, vive letteralmente per la sua passione: ha iniziato postando dai cinque ai sei video al giorno nella sua piattaforma di gaming, poi ha capito che erano troppi persino per i suoi fan più smanettoni. E si è dato delle regole. Così ha lasciato il suo lavoro di programmatore informatico e trasformato il suo hobby in business. Non è diventato ricco ma è felice: ogni giorno riceve messaggi di questo tenore: «Promettici che non smetterai mai di fare gare malate per favore! Ti stimo». In fondo non sono i soldi la principale motivazione di un aspirante webstar. E cosa allora?

«Mi piaceva l'idea di avere un mio pubblico», racconta Debora Spiga, 24 anni, sarda, che ha iniziato facendo tutorial di makeup senza successo, finché ha scoperto che il suo vero talento era un altro: disegnare. Ora ha un canale, DebbyArts, seguitissimo soprattutto negli States. Da subito ha avuto l'idea geniale di parlare in inglese. Il segreto del successo è tutto qua, spiega Sofia con l'aria di chi la sa lunghissima: «Non copiare nessuno, essere al cento per cento se stessi».

Prendete appunti ragazzine. E anche voi mamme, YouTube è aperta a talenti di ogni età. È questo il suo bello, non pone limiti generazionali. E non occorre sgambettare.

Ed ecco il video dell'intervista a Sofia!

<!-- Start of Brightcove Player -->

<div style="display:none">

</div>

<!--

By use of this code snippet, I agree to the Brightcove Publisher T and C 

found at https://accounts.brightcove.com/en/terms-and-conditions/. 

-->

<object id="myExperience4505195831001" class="BrightcoveExperience">

  <param name="bgcolor" value="#FFFFFF" />

  <param name="width" value="480" />

  <param name="height" value="270" />

  <param name="playerID" value="4298204677001" />

  <param name="playerKey" value="AQ~~,AAADhFH_yOE~,ru93y28sbfYR92qGvQcO0yGZWPAdmCbs" />

  <param name="isVid" value="true" />

  <param name="isUI" value="true" />

  <param name="dynamicStreaming" value="true" />

  <param name="@videoPlayer" value="4505195831001" />

</object>

<!-- 

This script tag will cause the Brightcove Players defined above it to be created as soon

as the line is read by the browser. If you wish to have the player instantiated only after

the rest of the HTML is processed and the page load is complete, remove the line.

-->

<script type="text/javascript">brightcove.createExperiences();</script>

<!-- End of Brightcove Player -->

More from Gioia!:
Storie
CONDIVIDI
Cosa succederebbe se Facebook sparisse?
Quali sarebbero le reali conseguenze se il social network più famoso al mondo d'improvviso non esistesse più? Beh, che non rimarrebbe...
Storie
CONDIVIDI
Gioia! Smart awards 2017: tutti i premiati
I personaggi e i prodotti che hanno avuto quest'anno il premio di Gioia!
Storie
CONDIVIDI
La grande festa dei Gioia! Smart Awards 2017
Il Ballo di Brera e il party di Gioia!, che ha voluto premiare personalità con qualcosa in più...decisamente smart!
Storie
CONDIVIDI
Gioia! Let's dance: l'exhibition per gli 80 anni
8 decenni di moda e costume raccontati attraverso il ballo e le pagine del nostro giornale, nato nel 1937: a Milano dal 21 al 24 giugno
Storie
CONDIVIDI
Cannabis: legalizzarla o no?
Dimenticate il mite spinello: oggi è 25 volte più forte di un tempo, ma quasi nessuno lo sa, e in Italia l'ha provata un adolescente su...
Storie
CONDIVIDI
«Come mia sorella mi ha rubato il fidanzato»
Una pubblica umiliazione davanti alla famiglia intera è una sofferenza immensa, ma utile: ti insegna a perdere senza andare in pezzi
Storie
CONDIVIDI
«Se i miei figli non crescono, io torno ragazza»
Le nostre mamme avevano la sindrome del nido vuoto, i miei figli invece restano accampati a casa, nel caos
Storie
CONDIVIDI
Italiani, popolo di ignoranti?
Un'indagine di Libreriamo mette in luce la scarsa propensione per la cultura e la lettura dei nostri connazionali
Storie
CONDIVIDI
Shampoo (r)evolution: i nuovi parrucchieri
I saloni sono diventati posti pieni di idee, dove tra phon e lavello si fanno corsi di storytelling, aperitivi e sfilate
Diritti delle donne
Storie
CONDIVIDI
A che punto siamo con i diritti delle donne?
Le conquiste femminili in Italia e nel mondo, tra passi in avanti e anacronismi (e divieti) senza senso