Kesha: una storia di violenza ma anche di solidarietà tra donne

La vicenda della popstar pone di nuovo la violenza sulle donne al centro del dibattito: quali sono in Italia i numeri della vergogna?

ALTRI DA Festa della donna
5 articles
Festa della donna, 11 storie sul merito su Fox Life
Festa della donna: 5 pezzi cult rubati a lui!
Sex & the City
Festa della donna, i 5 tipi di amica di cui non possiamo fare a meno

Ci sono storie di per sé amare, a prescindere da come andranno a finire. E sono storie di molestie e violenza sulle donne. Donne comuni, ma anche popstar, come Kesha, diventata famosa nel mondo con la hit del 2009 Tik Tok e oggi al centro di una vicenda drammatica di abusi e maltrattamenti.

In Italia ne sappiamo qualcosa: i numeri delle molestie sul posto di lavoro non sono certo rincuoranti: un recente studio dell'Istat ha, infatti, certificato che almeno un milione e 300 mila donne tra i 14 e i 65 sono state molestate, violentate o ricattate sessualmente durante la vita lavorativa. Pochissime hanno scelto di fidarsi di forze di polizia e giustizia. Per stupri e tentati stupri ha sporto querela il 9 per cento delle vittime ed è stato denunciato solo lo 0,7 per cento dei ricatti a luci rosse. Una argomento delicato, adombrato da paura ed omertà, su cui la vicenda di Kesha, al di là di quella che sarà la su definitiva conclusione, ci ha imposto di tornare a parlare con più urgenza che mai.

Advertisement - Continue Reading Below

I fatti. Nell'ottobre del 2014 Kesha ha accusato il suo produttore discografico Dr. Luke, con il quale collabora dal 2005, di aver abusato di lei per diversi anni e ha chiesto a un giudice di rescindere il contratto che la lega professionalmente a lui e alla Sony, proprietaria dell'etichetta discografica. Nello specifico Kesha, come ha riportato il The Guardian, «ha accusato Dr. Luke di averla riempita di alcool e droghe in diverse occasioni, prima di farle avance sessuali». Nel 2014 la cantante ha sporto denuncia per i maltrattamenti e gli abusi subiti, ma il caso fu archiviato per mancanza di prove. Cosa accaduta di nuovo il 19 febbraio quando ill giudice Shirley Kornreic si è espresso in favore di Dr. Luke e della Sony, spiegando che la sua decisione era stata determinata dall'assenza di prove di natura medica dei presunti abusi sessuali.

More From Festa della donna
5 articles
Festa della donna, 11 storie sul merito su Fox...
Festa della donna: 5 pezzi cult rubati a lui!
Sex & the City
Festa della donna, i 5 tipi di amica di cui non...
Festa della donna, le 8 leggi più assurde contro...

La difesa di Dr. Luke. Dopo la sentenza della Corte Suprema, l'accusato ha deciso di dire la sua con un lunghissimo tweet: «Fino ad ora – ha scritto – non ho commentato la causa, che si dovrebbe risolvere in tribunale e non qui su Twitter. È un peccato che là fuori ci sia così tanta speculazione, basata su così poche informazioni. L'unica persona obiettiva a conoscenza dei fatti è il giudice. Il giudice non ha deciso in favore di Kesha venerdì. Capisco perché le persone che non conoscono tutti i fatti stiano parlando. Posso capire la loro compassione. Ma le vite possono essere rovinate quando c'è una corsa al giudizio prima che tutti i fatti vengano fuori. (…) Ovviamente chiunque sia sano di mente è contro lo stupro, ma tutti quelli che stanno commentando lo stanno commettendo, senza sapere i fatti. Stanno sostenendo un'accusa motivata solo dai soldi. Non ho stuprato Kesha e non ho mai fatto sesso con lei. Kesha e io siamo stati amici per tanti anni ed era come una sorella minore per me. Ho tre sorelle, una figlia e un figlio con la mia ragazza, e una mamma femminista che mi ha cresciuto correttamente. (…) È triste che lei abbia trasformato una negoziazione contrattuale in qualcosa di così orrendo e non vero».

Il post di Kesha su Instagram. La popstar, dal canto suo, dopo essere scoppiata a piangere in tribunale, ha voluto ringraziare tutte le persone che la stanno supportando in questo momento.

Mentre, ancora, sul suo Facebook un'amareggiata Kesha ha scritto: «Tutto quello che volevo era essere libera di fare musica senza avere paura, essere spaventata o abusata. Questo caso non è mai stato per avere un contratto più importante o migliore. È per essere libera da qualcuno che ha abusato di me. Sarei disposta a lavorare per Sony se facessero la cosa giusta, rompendo tutto ciò che mi lega a lui.».

Il sostegno a Kesha. La sentenza è stata accolta da moltissime proteste, sia fuori dal tribunale dove stazionavano tanti sostenitori della cantante, sia in rete dove la contestazione è partita attraverso l'hashtag #FreeKesha. Molte le colleghe che si sono esposte in favore di Kesha, da Adele a Demi Lovato, Taylor Swift, Lorde e Kelly Clarkson.

La riflessione di Lena Dunham. La creatrice di Girls, oggi al seguito di Hillary Clinton nella corsa per la Presidenza degli Stati Uniti, ha scritto una lettera per difendere non solo Kesha ma tutte le donne non protette «dal sistema legale americano che continua a ferirle, non proteggendole dagli uomini che identificano come i loro aguzzini». La missiva di Dunham si conclude così: «Permettetemi di chiarire il concetto: immaginate che qualcuno vi abbia fatto davvero male, fisicamente ed emotivamente. Vi abbia spaventato, abusato di voi e minacciato la vostra famiglia. Il giudice dice che non c'è bisogno di rivederli, ma a loro resta la proprietà della vostra casa. Così possono decidere quando accendere il riscaldamento o spegnerlo, se pagare la bolletta telefonica o meno. Dopo tutto quello che avete passato, vi sentireste al sicuro a vivere in quella casa?».

More from Gioia!:
Storie
CONDIVIDI
L'età ideale per sposarsi secondo la matematica
Un libro presenta una tesi apparentemente bizzarra per calcolare il momento giusto nella vita per il matrimonio, ma chissà!
oscar: discorsi memorabili degli attori vincitori
Storie
CONDIVIDI
Come si ringrazia quando si prende l'Oscar?
Pochi secondi per dire qualcosa: ecco i ringraziamenti dei vincitori degli Academy Awards entrati nella storia
Storie
CONDIVIDI
Single è meglio: lo dice la scienza!
Lo stereotipo vuole che le persone non in coppia siano tristi e sole, ma ora una ricercatrice spiega che non se la passano male
super bowl 2017: le foto più belle delle celeb su Instagram
Storie
CONDIVIDI
Il Super Bowl 2017 raccontato dalle celeb
Da Lady Gaga a Emily Ratajkowski, ecco le foto su Instagram che hanno fatto touchdown nei nostri cuori
Il MoMA contro il Muslim Ban di Trump
Storie
CONDIVIDI
Arte vs Trump: la protesta del Moma
Il Museo d'arte moderna di New York si ribella alla chiusura delle frontiere ed espone opere dei Paesi non graditi
Storie
CONDIVIDI
«Come si fa a vivere da separati in casa?»
A chi me lo chiede rispondo così: si fa, per amore delle bambine, e alla fine ci si abitua! Ha il sapore di un avanzo, ma è pur sempre cibo
Dal 20 gennaio 2017 Donald Trump è il presidente degli USA: mentre la first family impara la parte, noi abbiamo dato le pagelle ai protagonisti dell'Inauguration Day.
Storie
CONDIVIDI
Donald Trump & Co.: le pagelle del debutto
Alla Casa Bianca cambia tutto: arredi in oro zecchino, tanti nipotini, e una first family che deve ancora imparare la parte
Storie
CONDIVIDI
Che cosa ti tocca fare se sei una escort
Le richieste più strane dei clienti raccontate in prima persona dalle professioniste del sesso sulla piattaforma di Reddit
Storie
CONDIVIDI
Le marce delle donne prima della Women's march
Da quella della rivoluzione francese fino al recente Black monday polacco, ecco 5 momenti storici per i diritti delle donne
Donald Trump inauguration ball 2017
Storie
CONDIVIDI
Vi siete perse l'Inauguration day?
No problem: ecco la fotostoria dell'insediamento di Donald Trump come 45° presidente degli Stati Uniti