Referendum Brexit: cosa ne pensano i londinesi

​Il 23 giugno i cittadini britannici vanno a votare per decidere se uscire o no dall'Unione europea: per capirci di più abbiamo fatto un mini sondaggio tra londinesi di diverse nazionalità, ecco le loro testimonianze

Il 23 giugno i cittadini britannici vanno a votare per decidere se uscire o no dall'Unione europea: per capirci di più abbiamo fatto un mini sondaggio tra londinesi di diverse nazionalità, ecco le loro testimonianze

Advertisement - Continue Reading Below

Tom, 29 anni, giornalista inglese

«Voterò perché il Regno Unito resti nell'Ue. La maggior parte della gente è convinta che andrà così. Lasciare l'Unione avrebbe ripercussioni sociali negative, come la crescita di un certo estremismo di destra. Ma le crisi politiche come questa sono sempre utili, alla fine».

Loana, 27 anni, film-maker rumena

«Sono di Bacau (Romania) e sono a Londra da 8 anni: ho studiato qui. Se potessi votare, vorrei che il Paese non uscisse dall'Europa. È chiaro che questo voto mi interessa direttamente, comunque se perdessi il diritto di rimanere in questo Paese mi trasferirei altrove».

Advertisement - Continue Reading Below

Niccolò, 30 anni, italiano, lavora in pubblicità

«Sono nato a Rovereto (Trento) e sono a Londra da 7 anni. Questa è una città costruita dagli immigrati che pagano molte tasse. Non ho paura di Brexit. Nessuno ci manderà a casa, soprattutto noi, che siamo i lavoratori specializzati».

Anna, 32 anni, responsabile di un'agenzia di comunicazione digitale

«Sono inglese, vivo a Londra da quando avevo 17 anni e lavoro da dieci nel settore pubblicitario. Non credo che si dovrebbe votare per questo referendum: la gente è ignorante, non ha idea degli effetti che seguirebbero all'uscita dalla Ue. Se Brexit dovesse passare, i Paesi europei potrebbero renderci la vita

più difficile».

Advertisement - Continue Reading Below

Laura, 25 anni, designer

«Sono di York, ma lavoro a Londra. Voterò per restare in Europa. Le cose vanno bene come stanno. Non ho idea di cosa potrebbe succedere altrimenti.La situazione attuale ci offre benefici che non vanno messi a rischio. Tuttavia trovo che sia giusto far decidere alla gente se far parte dell'Ue, visto che non abbiamo potuto deciderlo anni fa».

Marcello, 49 anni, a capo di un'agenzia di comunicazione

«Mio padre è italiano, voterò per restare in Europa. Brexit sarebbe un errore, a livello politico, economico e sociale. Ne usciremmo indeboliti».

Advertisement - Continue Reading Below

Hussein, 25 anni, ragioniere pakistano-gallese

«Lavoro a Londra. Voterò per restare, soprattutto per i benefici che l'economia inglese continuerebbe a trarre dall'essere in Europa».

Ninette, 29 anni, blogger e fotografa

«Non voto, Brexit non mi riguarda. Vivo già in un sistema che non mi difende perché sono nera, non fa differenza».

Advertisement - Continue Reading Below

Michel, 25 anni, scozzese, lavora nella City

«Voterò per restare in Europa, perché quando faremo nuovamente il referendum per l'indipendenza della Scozia, voglio che il mio Paese entri autonomamente nell'Unione Europea».

Shuge, 37 anni

«Mi sono trasferito a Londra per lavorare, nel quartiere di Whitechapel. Sono nato e cresciuto a New Delhi, ma in India non avevo un buon impiego e neppure acqua e cibi sani. La mia opinione è che non dobbiamo lasciare l'Ue. Se ci separiamo, ne risentiranno gli affari. Questo Paese beneficia in maniera significativa dei lavoratori stranieri».

More from Gioia!:
Il MoMA contro il Muslim Ban di Trump
Storie
CONDIVIDI
Arte vs Trump: la protesta del Moma
Il Museo d'arte moderna di New York si ribella alla chiusura delle frontiere ed espone opere dei Paesi non graditi
Storie
CONDIVIDI
«Come si fa a vivere da separati in casa?»
A chi me lo chiede rispondo così: si fa, per amore delle bambine, e alla fine ci si abitua! Ha il sapore di un avanzo, ma è pur sempre cibo
Dal 20 gennaio 2017 Donald Trump è il presidente degli USA: mentre la first family impara la parte, noi abbiamo dato le pagelle ai protagonisti dell'Inauguration Day.
Storie
CONDIVIDI
Donald Trump & Co.: le pagelle del debutto
Alla Casa Bianca cambia tutto: arredi in oro zecchino, tanti nipotini, e una first family che deve ancora imparare la parte
Storie
CONDIVIDI
Che cosa ti tocca fare se sei una escort
Le richieste più strane dei clienti raccontate in prima persona dalle professioniste del sesso sulla piattaforma di Reddit
Storie
CONDIVIDI
Le marce delle donne prima della Women's march
Da quella della rivoluzione francese fino al recente Black monday polacco, ecco 5 momenti storici per i diritti delle donne
Donald Trump inauguration ball 2017
Storie
CONDIVIDI
Vi siete perse l'Inauguration day?
No problem: ecco la fotostoria dell'insediamento di Donald Trump come 45° presidente degli Stati Uniti
Storie
CONDIVIDI
Le foto della marcia delle donne contro Trump
La Women's march ha preso piede in ogni angolo della Terra: la protesta pacifica di donne, uomini e bambini
Storie
CONDIVIDI
Conosci la vera storia di San Valentino?
Sono molti i miti e le leggende intorno alla festa degli innamorati: ecco quello che c'è da sapere
Storie
CONDIVIDI
Femminicidio: ora occupiamoci degli uomini
L'attenzione si sposta sugli autori delle violenze, per gli uomini la libertà delle donne non è così scontata: i consigli di due esperte
Storie
CONDIVIDI
Terremoto e neve, le informazioni per aiutare
È di nuovo emergenza sisma nell'Italia centrale: ecco come sostenere le popolazioni colpite dalle scosse e dalle nevicate eccezionali