Donald Trump, le pagelle dell'Inauguration

Il presidente si insedia e alla Casa Bianca cambia tutto: arredi in oro, tanti nipotini, e una first family che deve ancora studiare bene la parte

Dal 20 gennaio 2017 Donald Trump è il presidente degli USA: mentre la first family impara la parte, noi abbiamo dato le pagelle ai protagonisti dell'Inauguration Day.

Dal 20 gennaio 2017 Donald Trump è il presidente degli Stati Uniti, e tutti i (numerosi) membri della famiglia-in-capo devono imparare a recitare la loro parte. Ecco le pagelle ai protagonisti dell'Inauguration Day.

Advertisement - Continue Reading Below

Il passaggio di consegne

Melania aveva studiato. A differenza del Donald, che è arrivato alla Casa Bianca con la giacca aperta e la cravatta lunga – i due lembi incollati col nastro adesivo, come i laureandi impediti – lei si è presentata al debutto con i compiti fatti, e l'idea di impeccabilità che una si forma sui primi dieci risultati di Google. A chi si affidano le first lady quando non possono sbagliare? Al sogno americano fatto cachemire: Ralph Lauren. Che colori scelgono le first lady esemplari? Rassicuranti pastello, come Jackie Kennedy. E cosa si regala a una (ex) first lady che ha tutto, compreso un marito premuroso? Niente di brutto possono venderti da Tiffany. 

Eppure, assai impietosamente, alla consegna del regalo Michelle sembrava una sprovveduta al primo appartamento: proprio non sapeva dove metterlo. Per fortuna l'America allora aveva ancora un presidente aitante: Barack ha preso in carico il pacchetto, è entrato in casa, e l'ha probabilmente tirato in uno degli scatoloni da trasloco ancora aperti. Poi avrà esultato: canestro, tre punti.

Voto: Melania 6 (di incoraggiamento); Donald n.c.

Advertisement - Continue Reading Below

Hillary, miglior sconfitta protagonista

Chissà quanto sarà stanca di sentirsi dire che è una signora coraggiosa. Una che ha tutte umiliazioni nella vita, molte delle quali in pubblico. Il protocollo inaugurale prevede la presenza dei presidenti passati, accompagnati oppure no: si fosse data indisposta, tutte avremmo capito. Ma Hillary è allenata al sacrificio: accanto a quel marito ingombrante, ha eseguito eroica la sua marcia su Washington.

Voto: popolare, l'unico che ha vinto.

Advertisement - Continue Reading Below

Ivanka, polvere di stelle

La prima famiglia ha una documentata inclinazione per il décor in oro massiccio. Al tradizionale ballo inaugurale quello che non era né bianco né rosso né blu era dorato coi luccichini. Persino Ivanka, sempre attenta a vestirsi come le impiegate pensano si vesta una stimata professionista, scintillava come Campanellino. Nonostante gli anni, le scuole alte e il biondo misurato, mamma Ivana rimane implacabile spirito guida.

Voto: 4 (ma 8 alla mamma).

Advertisement - Continue Reading Below

Arabella, il presagio

La prima famiglia ha una scarsissima propensione per le pratiche anticoncezionali. Per il momento Donald Trump ha cinque figli – il più piccolo, Barron, di questa pantomima ha detestato ogni secondo, e in tutte le foto pare implorare: «Quanto manca?» – e otto fotogenicissimi nipoti. La più minacciosa è Arabella, geneticamente avvantaggiata primogenita di Jared e Ivanka. Un giorno tutto questo sarà suo.

Voto: Barron 7 (di solidarietà); Arabella 6 (66).

Advertisement - Continue Reading Below

Epilogo

Gli Obama se ne sono andati davvero: verso la meritata vacanza e un futuro da cittadini illustri. Sasha deve finire la scuola, Malia farà la stagista da Harvey Weinstein – da grande vuole fare del cinema – e Michelle scriverà un'autobiografia, chissà. Ma Barack, presidente emerito con uso di Twitter, veglierà su di noi. Ce l'ha promesso.

Voto: 8 (anni ancora).

More from Gioia!:
Storie
CONDIVIDI
Empowerment femminile ovvero l'alleanza tra donne che va oltre l'impossibile (e che farebbe tanto bene a tutte)
In tema di empowerment femminile, la più preziosa delle alleanze è tra quelle che ce l'hanno fatta e quelle che mollano il colpo
Storie
CONDIVIDI
Questo è il lavoro ideale che tutti vorrebbero fare nel 2018. Ah, non è il più pagato
O quello che dura tutta la vita? No, sono altre le garanzie che oggi giovani e meno giovani desiderano
Massimo Bottura refettori stellati
Storie
CONDIVIDI
Cibo per tutti! Addio spreco con i refettori stellati dello chef Massimo Bottura
Gettiamo un terzo del cibo che produciamo: una legge e uno chef cercano di cambiare la mentalità dello spreco alimentare
Il principe Harry e l'attrice americana Meghan Markle si sposeranno nella cappella del castello di Windsor a maggio dell'anno prossimo, e quello sarà solo l'inizio: l'obiettivo è portare la monarchia britannica nel futuro.
Storie
CONDIVIDI
Meghan Markle e il principe Harry coppia dell'anno! Ma come andrà a finire la loro favola?
Ovvero: riuscirà la nostra eroina a diventare la nuova principessa del popolo?
Bambini scomparsi
Storie
CONDIVIDI
Dove finiscono le migliaia di bambini scomparsi?
In Europa ogni 2 minuti sparisce un minore, in Italia più di 2.000 non sono mai stati ritrovati, e il dolore delle loro famiglie non ha...
Storie
CONDIVIDI
5 cose che Meghan Markle e Harry non possono assolutamente fare in pubblico secondo l'etichetta reale
Divieti royal in piena regola. L'obiettivo? Mantenere intatto l'understatement di Palazzo
Storie
CONDIVIDI
Quelle che Gomorra non è solo una serie tv
A Scampia non ci sono solo droga e criminalità, come nella serie di Sky, ci sono anche donne straordinarie, che abbiamo incontrato
Storie
CONDIVIDI
6 artigiane del gioiello al Maker Faire di Roma raccontano il futuro del made in Italy
6 artiste che ci dimostrano che quando si parla di gioielli, non sempre (e non solo) i diamanti sono i migliori amici delle donne
Donne belle diverse
Storie
CONDIVIDI
Fra unicità e perfezione non c'è gara! Oggi vincono le bellezze diverse, da Ashley Graham a Bebe Vio
L'unicità oggi vince sulla perfezione e il mondo sdogana canoni di bellezza non più assoluti ma "plurali"
Molestie Fausto Brizzi
Storie
CONDIVIDI
Molestie: con Brizzi lo scandalo arriva in Italia, e ora?
I nomi emersi fin qui sono solo la punta di un iceberg, che non riguarda solo il cinema: come difenderci? Ripartendo da noi