Terremoto centro Italia: come aiutare le popolazioni colpite dal sisma e dalla neve

Tra il 18 e il 19 gennaio 2017 il nostro Paese è stato colpito da un nuovo sciame sismico e da nevicate eccezionali: ecco le informazioni pratiche per aiutare le popolazioni delle zone colpite

Più Popolare

Il terremoto torna, ancora una volta, a colpire il centro Italia: tra il 18 e il 19 gennaio 2017 si è verificato un intenso sciame sismico e, contemporaneamente, nevicate di portata eccezionale che hanno complicato all'estremo le operazioni di soccorso e causando tragedie come la slavina che ha colpito e sepolto l'Hotel Rigopiano, alle pendici del Gran Sasso, in Abruzzo, e tutti i suoi ospiti.

La scosse più forti sono state il 18 gennaio, tra le 10.25 e le 14.30, tutte hanno registrato una magnitudo superiore a 5: uno sciame sismico di tale intensità non si era mai verificato prima, ha sottolineato l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia. Gli epicentri sono stati vicino a l'Aquila, precisamente a Montereale, Capitignano, Pizzoli e Campotosto. Colpite le Marche, l'Abruzzo, il Lazio e l'Umbria. Anche le zone colpite dal sisma del 24 agosto non sono state risparmiate: ad Amatrice e ad Accumoli si sono verificati i crolli di alcuni edifici. Esistono diversi modi per sostenere le zone colpite dal sisma: dai numeri utili agli alloggi, ecco le informazioni pratiche per aiutare, mentre ancora frazioni e paesi sono isolati, senza luce, acqua, telefono e beni di prima necessità, come segnalano in molti sui social.

Advertisement - Continue Reading Below

TerremotocentroItalia.info

Un sito che fa da collettore di iniziative e di informazioni utili: qui trovi la segnalazione di bufale ai danni dei terremotati e di chi vuole aiutare, offerte di alloggi e news sempre aggiornate e puoi offrire ospitalità alle persone colpite dal sisma e dalle nevicate eccezionali di questi giorni.

Donazioni alla Croce rossa

Per sostenere le popolazioni colpite dal terremoto è possibile fare una donazione utilizzando il conto corrente attivato da Poste Italiane e Croce Rossa Italiana. Le coordinate sono le seguenti: IBAN: IT38R0760103000000000900050, BIC/SWIFT: BPPIITRRXXX, beneficiario: Associazione della Croce Rossa Italiana, causale: "Poste Italiane con Croce Rossa Italiana - Terremoto Centro Italia", email: aiuti@cri.it, telefono: 06-5510.

Più Popolare

Gli sms solidali

Dopo il terremoto del 24 agosto 2016 è stato creato il numero solidale 45500 a sostegno delle popolazioni colpite dal sisma. Il numero è ancora attivo e, come precisa una nota della Protezione civile: «Grazie agli operatori Tim, Vodafone, Tre, Fastweb, Coopvoce, Wind e Infostrada, è possibile donare due euro inviando un sms solidale o effettuando una chiamata da rete fissa al 45500. I fondi raccolti saranno trasferiti dagli operatori, senza alcun ricarico, al Dipartimento della protezione civile che provvederà a destinarle alle regioni colpite dal sisma».

Acquistare i prodotti locali

In Umbria e nelle Marche, come sappiamo l'emergenza terremoto è tutt'altro che terminata. Le aziende locali stanno cercando di promuovere i propri prodotti di eccellenza per rimettersi in piedi, come avvenuto alla fiera milanese White con For Marche for Good durante l'ultima settimana della moda uomo a Milano. Cosa puoi fare tu? Continuare a fare shopping online come ti abbiamo consigliato a Natale: le indicazioni sono sempre valide e sono utili per sostenere le attività delle popolazioni colpite. Per informazioni puoi consultare questi siti: terremotocentroitalia.info/acquistisolidali; valnerinaonline.it e postribu.net.

Advertisement - Continue Reading Below

I luoghi di accoglienza a l'Aquila

Per dare ospitalità ai cittadini colpiti dal sisma, a l'Aquila sono aperti i seguenti edifici comunali, pronti all'accoglienza: Scuola Mariele Ventre, via Ficara; Scuola Primaria De Amicis, via della Polveriera; Scuola Primaria Coppito - Scuola Media Alighieri succursale Paganica; Scuola Secondaria Mazzini di Pile.

Il progetto #RinascitaCastelluccio

Perugina scende in campo con il progetto #RinascitaCastelluccio: tutti hanno la possibilità di contribuire donando sulla piattaforma online www.rinascitacastelluccio.it, dove tutto sarà spiegato passo dopo passo. Obiettivo primario la creazione di un villaggio per garantire a Castelluccio, una delle zone più colpite dal sisma, la visione di un futuro possibile. Catiuscia Marini, presidente della Regione Umbria, ha commentato: «Il villaggio a Castelluccio di Norcia permetterà alle imprese agricole, zootecniche, commerciali e turistiche di mantenere vive le attività che costituiscono la base dell'economia e del tessuto sociale del nostro Paese. È importante per tutti gli abitanti che i prodotti del territorio riprendano al più presto il loro ciclo di vita».

Gli aiuti agli animali

Le scosse e la bufera di neve hanno messo in ginocchio gli agricoltori delle zone colpite e anche i loro animali. Enpa, nello specifico, chiede che all'Esercito venga dato il compito di costruire tempestivamente le stalle (per info clicca qui per andare sul sito di Enpa). Lav, a partire da febbraio 2017, offrirà sterilizzazioni gratuite nelle città di Accumoli, Amatrice e Cittareale. Gli abitanti potranno tutelare i propri gatti, prenotando attraverso il numero 3283746278 l'intervento veterinario gratuito presso il Campo a Cittareale al km 136 di Via Salaria. Lo stesso intervento sarà fatto dalle associazioni animaliste anche per i gatti liberi (per info clicca qui). Lega Nazionale per la Difesa del Cane chiede sostegno per aiutare gli amici animali nelle zone colpite: le donazioni si possono effettuare anche online cliccando qui.

Airbnb: attivato il programma di ospitalità nelle aree colpite

Airbnb ha attivato il programma di risposta alle catastrofi per le zone colpite dal sisma del 18 gennaio: chi è in possesso di una stanza o di una casa da affittare può farlo gratuitamente, essendo che tutti i costi del servizio sono annullati. Per informazioni: https://www.airbnb.it/disaster/italy.

Waze segnala i punti di emergenza e le strade chiuse per neve e terremoto

Waze Italia ha sollecitato gli utenti a inviare informazioni sulla viabilità nelle Marche, Lazio, Umbria e Abruzzo: in questo modo sarà possibile aggiornare le mappe segnalando i punti di emergenza (dove è possibile rivolgersi per avere assistenza e alloggio) e le strade chiuse a causa del terremoto e della neve. Per informazioni: http://www.wazeitalia.it/home/events/.

More from Gioia!:
Storie
CONDIVIDI
Gioia! Smart awards 2017: tutti i premiati
I personaggi e i prodotti che hanno avuto quest'anno il premio di Gioia!
Storie
CONDIVIDI
La grande festa dei Gioia! Smart Awards 2017
Il Ballo di Brera e il party di Gioia!, che ha voluto premiare personalità con qualcosa in più...decisamente smart!
Storie
CONDIVIDI
Gioia! Let's dance: l'exhibition per gli 80 anni
8 decenni di moda e costume raccontati attraverso il ballo e le pagine del nostro giornale, nato nel 1937: a Milano dal 21 al 24 giugno
Storie
CONDIVIDI
Cannabis: legalizzarla o no?
Dimenticate il mite spinello: oggi è 25 volte più forte di un tempo, ma quasi nessuno lo sa, e in Italia l'ha provata un adolescente su...
Storie
CONDIVIDI
«Come mia sorella mi ha rubato il fidanzato»
Una pubblica umiliazione davanti alla famiglia intera è una sofferenza immensa, ma utile: ti insegna a perdere senza andare in pezzi
Storie
CONDIVIDI
«Se i miei figli non crescono, io torno ragazza»
Le nostre mamme avevano la sindrome del nido vuoto, i miei figli invece restano accampati a casa, nel caos
Storie
CONDIVIDI
Italiani, popolo di ignoranti?
Un'indagine di Libreriamo mette in luce la scarsa propensione per la cultura e la lettura dei nostri connazionali
Storie
CONDIVIDI
Shampoo (r)evolution: i nuovi parrucchieri
I saloni sono diventati posti pieni di idee, dove tra phon e lavello si fanno corsi di storytelling, aperitivi e sfilate
Diritti delle donne
Storie
CONDIVIDI
A che punto siamo con i diritti delle donne?
Le conquiste femminili in Italia e nel mondo, tra passi in avanti e anacronismi (e divieti) senza senso
Storie
CONDIVIDI
Femminicidio: troppo facile dire raptus
Accoltellata dal compagno nel sonno: le dinamiche nascoste dietro queste tragedie che fanno delle donne delle cittadine di secondo grado